PENE DELL'INFERNO - LA WEB-STAR GAY, L’AUSTRALIANO JACK CHAPMAN, MUORE DOPO ESSERSI INIETTATO DEL SILICONE NEL PENE E NELLO SCROTO - IL 28ENNE SI SOTTOPONEVA DA ANNI A INTERVENTI DI CHIRURGIA PER PER AUMENTARE LE DIMENSIONI DEI SUOI GIOIELLI MA DOPO L’ULTIMA INIEZIONE…

-

Condividi questo articolo

Da https://www.fanpage.it

 

Jack Chapman Jack Chapman

Jack Chapman, una "star" dei social molto attiva soprattutto negli ambienti omosessuali e soprannominato Tank Heathcliff Hafertepen, è morto il 15 ottobre in seguito alle complicazioni della chirurgia plastica applicata sul sup pene, una pratica estremamente pericolosa della quale, nonostante questo, non è riuscito evidentemente a fare a meno. Da alcuni anni, infatti, Chapman era solito iniettare silicone nel suo pene e nello scroto allo scopo di aumentarne le dimensioni e fare bella figura con i suoi partner.

Jack Chapman Jack Chapman

 

Era però perfettamente a conoscenza dei rischi che correva: "Questa pratica, se mal fatta, può comportare gravi pericoli per la salute. Si tratta infatti di una modifica del corpo non approvata né certificata da nessuno studio scientifico". Malgrado ciò, aveva continuato ad iniettarsi silicone per anni andando consapevolmente incontro a rischi molto grandi che, infatti, non hanno tardato a palesarsi: dopo l'ultima iniezione di silicone nello scroto ha avuto gravi complicazioni che l'hanno portato prima al ricovero in ospedale poi alla morte.

 

Jack Chapman Jack Chapman

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

ARGENTO VIVO – "A SORÈ, MA CHE TE SEI PRESA STASERA? ASIA STRACULT DALLA SORA D’URSO. PRIMA ATTACCA MORGAN (“SE FAI I DEBITI CON LE BANCHE, TI PIGNORANO LA CASA”), POI SCAZZA CON KARINA CASCELLA: "IO NON SO CHI SEI E CHE POSTO HAI NEL MONDO. LA MIA RINASCITA MEDIATICA SI CHIAMA FABRIZIO CORONA? MA QUALE RELAZIONE CHE CI SIAMO VISTI DUE VOLTE.." - POI SPIEGA PERCHE’ SI E PRESENTATA A UN CONCERTO DI SALMO CON UNA VALIGETTA DI SOLDI DICENDO SE PER QUELLA CIFRA LUI GLIELO “DAVA”...

politica

GENDARMI IMPROPRI - IL PAPA ACCETTA LE DIMISSIONI DI DOMENICO GIANI, DA 20 ANNI A CAPO DELLE GUARDIE VATICANE. ACCUSATO DI AVER DIFFUSO IL DOCUMENTO DELLE INDAGINI SULLE SPERICOLATE OPERAZIONI IMMOBILIARI E PETROLIFERE PAGATE CON L'OBOLO DI SAN PIETRO (QUEL FOGLIO È STATO INVIATO A 500 GENDARMI…), C’È CHI SOSPETTA CHE LA DIFFUSIONE FOSSE PROPRIO UN MODO PER COLPIRE IL COMANDANTE. L’AVER CONDOTTO INDAGINI E PERQUISIZIONI, IN QUESTI ANNI, GLI HA PROCURATO MOLTI NEMICI INTERNI…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute