QUESTO SI' CHE È VERO AMORE!– A PERUGIA UN 46ENNE DELL’EST EUROPA HA PROVATO A CONTAGIARE L’EX COMPAGNA PER STARE SOLO CON LEI 5 GIORNI – ORA ALL’UOMO NON BASTERÀ UN TAMPONE NEGATIVO PER USCIRE DI CASA VISTO CHE È STATO MESSO AI DOMICILIARI. OLTRE AL TENTATIVO DI INFETTARLA, IL 46ENNE GELOSISSIMO AVEVA POSTO IN ESSERE "GRAVI ATTI PERSECUTORI" NEI CONFRONTI DELLA DONNA 

- -
 
-

Condividi questo articolo


polizia polizia

Da www.leggo.it

 

Era positivo al Covid e ha cercato di contagiare la ex con lo scopo di trascorrere insieme la quarantena. È agli arresti domiciliari il 46enne dell'Est Europa che è risultato positivo al Covid, e ha cercato di contagiare la sua ex compagna. L'uomo voleva trascorrere la quarantena con lei per provare a ritornare insieme. La polizia di Perugia e Foligno ha aperto un'indagine.

 

volante polizia volante polizia

L'assurda vicenda che è avvenuta nella città di Perugia, vede come protagonista un uomo di oltre quarant'anni che dopo aver scoperto di avere il Coronavirus, ha cercato di infettare l'ex compagna. L'uomo, agli arresti domiciliari, aveva il divieto di avvicinarsi alla donna, risultata oggetto di «gravi atti persecutori» nell'ambito di un'indagine della polizia di Perugia e Foligno.

 

polizia 3 polizia 3

La Procura, tramite un comunicato, spiega che tra gli episodi contestati all'uomo c'è anche quello di essersi impossessato con la forza dello smartphone dell'ex compagna per avere il controllo di foto e video.

 

La donna era stata più volte minacciata dall'ex che la perseguitava dicendole che se non avessero ripreso la relazione, lui avrebbe pubblicato un video intimo.

Il Gip ha quindi ritenuto «non più idonea» la misura del divieto di avvicinamento disponendo quella cautelare degli arresti domiciliari.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

IL MODELLO SANITARIO ITALIANO: CHI HA I SOLDI SI CURA SUBITO, GLI ALTRI ASPETTANO E SPERANO – SUPERATO IL COVID, INSIEME ALL’AUMENTO DELLE RICHIESTE DI VISITE ED ESAMI IN OSPEDALI PUBBLICI SONO AUMENTATI ANCHE I TEMPI DI ATTESA. RISPETTO AL 2019, LO SCORSO ANNO SONO STATI ESEGUITI 8,4 MILIONI DI CONTROLLI IN MENO – MI-JENA GABANELLI: “I SOLDI PER PAGARE PIÙ MEDICI CI SAREBBERO MA LE STRUTTURE PUBBLICHE NON RIESCONO A ORGANIZZARSI. MENTRE A QUELLE PRIVATE ACCREDITATE CONVIENE OFFRIRE PRESTAZIONI A PAGAMENTO…” – VIDEO