"C'È UN MOLESTATORE IN QUEST'AULA, MA NON È JOHNNY DEPP” - SIAMO ALLE COLICHE FINALI: CAMILLE VASQUEZ, L'AVVOCATA BONA DI JOHNNY DEPP, DEFINISCE AMBER HEARD UNA "PERSONA PROFONDAMENTE TURBATA, ALLA DISPERATA RICERCA DI ATTENZIONI" -  ALLE BATTUTE FINALI DEL PROCESSO CHIEDE ALLA GIURIA DI "RITENERLA RESPONSABILE DELLE SUE BUGIE" …

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione da Dailymail

 

johnny depp 2 johnny depp 2

Nelle battute finali della causa di diffamazione intentata da Johnny Depp nei confronti dell’ex Amber Heard che l’aveva etichettato come un violento, tutta l’attenzione è sulla grande rivelazione di questo processo, l’avvocato difensore di Depp: la giovane e brillante Camille Vasquez, che è riuscita a gettare ombre e creare dubbi sulle dichiarazioni dell’ex de Il Pirata dei Caraibi”.

 

Vasquez, ha iniziato la sua arringa finale etichettando Amber Heard come "abusatrice".  

«C'è un aggressore in quest'aula ma non è il signor Depp. C'è una vittima di abusi in questa corte, ma non è la signorina Heard", ha detto Vasquez. "La signorina Heard è in effetti l'abusante e il signor Depp è l'abusato."

 

camille vasquez 2 camille vasquez 2

Vasquez ha citato i resoconti degli esperti che hanno diagnosticato a Heard un disturbo borderline di personalità e ha definito l'attrice una "persona profondamente turbata" che è "disperatamente alla ricerca di attenzione e approvazione". 

 

Sono passati sei anni dal giorno in cui Amber Heard ha presentato un ordine restrittivo contro Depp, che a detta di Vasquez, "ha rovinato" la vita dell'attore.  

 

"Il 27 maggio 2016 la signorina Heard è entrata in un tribunale di Los Angeles, in California, per ottenere un ordine restrittivo nei confronti del signor Depp dichiarando di essere una sopravvissuta alle violenze domestiche".

 

Continua l’arringa di Vasquez:

amber heard amber heard

“Oggi, il 27 maggio 2022, esattamente sei anni dopo, chiediamo di restituire al signor Depp la sua vita dicendo al mondo che lui non è il molestatore che Miss Heard ha dipinto e di ritenere Miss Heard responsabile delle sue bugie."

 

"Sei anni fa la signorina Heard ha presentato una falsa denuncia di violenza domestica contro il marito con cui stava da un anno e tre mesi. Era una messa in scena: ha anche avvertito i paparazzi.

 

camille vasquez 1 camille vasquez 1

"Sapevano dove si sarebbe fermata" per farsi fotografare il suo livido, ha detto Vasquez.

 

"Le foto hanno catturato proprio ciò che lei voleva: l'immagine di una donna maltrattata. Il livido sul suo viso è apparso sei giorni dopo aver visto il signor Depp. Era una bugia, lei lo sapeva, il signor Depp lo sapeva e molti testimoni che l'hanno vista quella settimana lo sapevano. Il mondo ha visto solo ciò che lei voleva che gli altri vedessero”.

 

Johnny Depp in tribunale Johnny Depp in tribunale

Alla corte è stata mostrata la copertina di People Magazine che mostrava la faccia contusa di Heard.

 

"Due anni dopo, nelle interviste per promuovere il ruolo più importante della sua carriera - la signorina Heard si è presentata come un personaggio pubblico che rappresenta la violenza domestica", ha detto. 

amber heard amber heard

 

 

 

 

 

Vasquez ha dichiarato anche che le accuse di Heard sono "non plausibili, un vero atto di crudeltà per le vere vittime di abusi".

avvocato camilla vasquez avvocato camilla vasquez

Quale sarà il verdetto?

johnny depp 1 johnny depp 1 johnny depp al processo in virginia 2 johnny depp al processo in virginia 2 johnny depp al processo in virginia johnny depp al processo in virginia amber heard al processo in virginia 2 amber heard al processo in virginia 2 amber heard al processo in virginia 7 amber heard al processo in virginia 7 Avvocato Camille Vasquez 2 Avvocato Camille Vasquez 2 Il dito fasciato di Johnny Depp Il dito fasciato di Johnny Depp Amber Heard Amber Heard Amber Heard in tribunale in Virginia Amber Heard in tribunale in Virginia johnny depp a processo johnny depp a processo

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

TRA I VOLTAGABBANA DEI NOSTRI TEMPI C’E’ ANCHE MASSIMO CACCIARI – OSPITE DI “OTTO E MEZZO”, DOPO I NUMEROSI ATTACCHI AL GOVERNO DRAGHI (ACCUSATO DI ESSERE IL GOVERNO SERVO DEGLI AMERICANI, DEL PENSIERO UNICO, FEROCE OPPRESSORE DELLE NOSTRE LIBERTÀ CON IL GREEN PASS), IL FILOSOFO SI E’ ILLUMINATO ALL’IMPROVVISO: “SENZA DRAGHI NOI NON STAREMMO MEGLIO, STAREMMO 10 MILIARDI DI VOLTE PEGGIO. SENZA DI LUI, L’EUROPA NON CI AVREBBE DATO I SOLDINI E BENE O MALE CI STA PARANDO DALLE VARIE EMERGENZE, PRIMA LA PANDEMIA E POI LA GUERRA” – CHISSA’ SE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DI CACCIARI SI DEVE ALLA DEFLAGRAZIONE DEL M5S A CUI HA TIRATO LA VOLATA NEGLI ULTIMI ANNI…

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…

cronache

“MI SONO INNAMORATA DI UN UOMO BISESSUALE” – IL LUNGO RACCONTO DI MONICA, UNA DENTISTA 38ENNE DI ROMA: “QUANDO L’UOMO CHE FREQUENTAVO MI HA RACCONTATO DEI SUOI EX, NON SAPEVO COME COMPORTAMI. AVEVO MILLE DOMANDE CHE MI FRULLAVANO PER LA TESTA. UNA SERA, AD UNA CENA CON DEI SUOI AMICI, UN UOMO CHE NEANCHE LUI CONOSCEVA HA INIZIATO A STUZZICARLO, IGNORANDO TOTALMENTE IL FATTO CHE STAVAMO ASSIEME E LUI…” – LA PSICOLOGA: “UNA DELLE PAURE PIÙ RICORRENTI È PENSARE DI NON ESSERE IN GRADO DI SODDISFARE IL PROPRIO PARTNER, DI NON ESSERE PIÙ L’UNICO OGGETTO DI DESIDERIO…”

sport

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute