IL REGIME DELL'ALTA MODA - IN NORD COREA ANCHE LO STILE E' IMPOSTO DA CICCIO KIM - IL LEADER SUPREMO, CHE DAL 2019 HA PRESO A INDOSSARE CAPPOTTI IN PELLE, HA DECISO DI BANDIRNE L'USO AI SUOI CITTADINI - INIZIALMENTE A IMITARE IL SUO STILE ERA STATA SOLO L'ELITE, GLI UNICI IN GRADO DI PERMETTERSI LA VERA PELLE - MA DA QUANDO E' RIPARTITO IL COMMERCIO CON LA CINA, SONO PROLIFERATE LE IMITAZIONI E...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Kim Jong Un 2 Kim Jong Un 2

La Corea del Nord ha vietato ai suoi cittadini di indossare trench in pelle dopo che l'articolo di moda è diventato uno dei preferiti del sovrano dittatoriale Kim Jong-un. Indossato per la prima volta da Kim nel 2019, il cappotto è diventato popolare tra l'élite nordcoreana in grado di permettersi vera pella e desiderosa di mostrare la propria lealtà al Leader Supremo.

 

Ma di recente, sono proliferate imitazioni contraffatte e la polizia è stata ora schierata per chiudere i commercianti che le vendono e toglierle alle persone nel timore che sminuisca l'aspetto di Kim e mini la sua autorità.

 

«[La polizia] afferma che indossare abiti progettati per assomigliare a quelli della più Alta Dignità è una “tendenza impura per sfidare l'autorità della più Alta Dignità”», ha detto una fonte a Radio Free Asia, usando un titolo onorifico comune per riferirsi a Kim. «Hanno ordinato al pubblico di non indossare cappotti di pelle, perché fa parte della direttiva del partito decidere chi può indossarli».

 

Kim Jong Un Kim Jong Un

Le versioni knock-off del cappotto hanno iniziato a comparire per la prima volta nel settembre di quest'anno, quando il commercio non ufficiale tra Cina e Corea del Nord è stato riaperto a seguito di una chiusura durante la pandemia di Covid.

 

Ciò ha permesso ai commercianti di iniziare ad acquistare pelle sintetica per realizzare i cappotti.  Radio Free Asia ha affermato di aver visto un documento di importazione degli ultimi mesi che mostrava decine di metri di materiale importato.

 

Kim è apparso per la prima volta con un cappotto di pelle nel dicembre 2019, nel periodo in cui stava negoziando con Donald Trump sulle scorte nucleari della Corea del Nord. Lo stile sartoriale è stato notato dai media sudcoreani, che hanno suggerito che fosse indicativo del desiderio di Kim di rompere con la tradizione e forgiare la propria identità.

 

Kim Jong Un 3 Kim Jong Un 3

Fino ad allora, si era in gran parte modellato sul modello di suo padre e di suo nonno, il fondatore della Corea del Nord, indossando giacche in stile Mao e occhiali con la montatura di corno. Il cappotto di pelle ha fatto diverse apparizioni da allora - ed è stato persino adottato da sua sorella, Kim Yo-Jong, e da altre donne politiche di alto livello. Di recente, Kim è stata avvistata mentre lo indossava durante una visita a una città turistica di nuova costruzione vicino alla città montuosa di Samjiyon.

 

Non è la prima volta che i coreani devono adattare le loro scelte stilistiche alle decisioni del governo. Nel 2014, tre anni dopo che Kim è diventato leader, fonti hanno riferito a Radio Free Asia che agli studenti maschi era stato ordinato di tagliarsi i capelli per adattarsi allo stile del Leader Supremo.

 

Kim Jong Un 4 Kim Jong Un 4

Poi, nel 2017, ai nordcoreani è stato vietato di farsi tagliare i capelli per assomigliare a Kim e gli è stato ordinato di scegliere tra 15 stili approvati.  I requisiti rispecchiano una campagna andata in onda sulla TV di Stato nel 2005, che esortava i cittadini a «tagliarsi i capelli secondo lo stile di vita socialista».

 

Stili più corti sono stati anche raccomandati alle donne per «respingere le manovre dei nemici per infiltrarsi nelle idee capitaliste corrotte e nello stile di vita» nella Corea del Nord.  La stessa campagna ha anche esortato la Corea del Nord a mantenere i propri vestiti modesti e ad indossare sempre scarpe eleganti. «Non importa quanto siano belli i vestiti, se non si indossano scarpe ordinate, la propria personalità sarà declassata», scriveva quell'anno un articolo sul quotidiano statale Minju Choson.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

È ARRIVATO IL MOMENTO DI UN ITALIANO ALLA NATO - IL NOSTRO PAESE, CON L'APPOGGIO DI MACRON, PUÒ SPOSTARE L'ASSE DELL'ALLEANZA SUL MEDITERRANEO - ROMA HA UN CREDITO DA RISCUOTERE CON WASHINGTON, DOPO IL FALLIMENTO DELLA CANDIDATURA DI FRATTINI, IMPALLINATO NEL 2004 PERCHÉ TROPPO VICINO A BERLUSCONI (E QUINDI A PUTIN) -  LASCIATE PERDERE L’AUTOCANDIDATURA DI RENZI. IN BALLO RICICCIANO I SOLITI NOMI: GENTILONI, MOGHERINI E ADDIRITTURA FASSINO. MA DRAGHI POTREBBE LANCIARE ANCHE LORENZO GUERINI, CHE DA MINISTRO DELLA DIFESA HA INTRECCIATO BUONI RAPPORTI CON WASHINGTON

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“NON SONO CONTRARIO, SONO SOLO ATTENDISTA. LA FRETTA BISOGNA AVERLA SULLE TERZE DOSI” - IL MICROBIOLOGO ANDREA CRISANTI NON È CONVINTO DALLA VACCINAZIONE DEI BAMBINI: “L’AUTORIZZAZIONE È BASATA SU UNO STUDIO CHE HA COINVOLTO CIRCA DUEMILA BAMBINI. UNA CASISTICA LIMITATA. CON QUESTI NUMERI SI DOVREBBE PARLARE AL MASSIMO DI STUDIO PRELIMINARE” - POI PER UNA VOLTA SEMBRA QUASI OTTIMISTA: “LA VARIANTE OMICRON? SE SI SCOPRISSE CHE SIA RESPONSABILE DI SINTOMI LIEVI SAREBBE LA PROVA CHE L’EPIDEMIA È FINITA”