LE RELAZIONI (E LE CHAT) PERICOLOSE DI VANESSA - SOTTO LA LENTE DEL COPASIR UNA CONVERSAZIONE TRA LA RAGAZZA E UN MILIZIANO: “NON POSSO PARAGONARE LE MIE SOFFERENZE ALLE TUE. VORREI PRENDERE METÀ DEL TUO DOLORE E CONDIVIDERLO” -

Come è stato possibile organizzare un sequestro delle due ragazze nello spazio di un paio di giorni? Per questo sia il Copasir che la procura stanno scandagliando la rete di rapporti che le due ragazze avevano prima del loro viaggio con i siriani in Italia e con quelli che loro consideravano «amici» che abitano in gran parte a Homs...

Condividi questo articolo

Franco Bechis per “Libero Quotidiano”

 

C'è un dubbio non piccolo che ha attraversato le prime audizioni tenute dal Copasir sul rapimento di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo: come è stato possibile organizzare un sequestro nello spazio di un paio di giorni?

greta e vanessa atterrano a roma gentiloni le accoglie 5 greta e vanessa atterrano a roma gentiloni le accoglie 5

 

Perché le due ragazze sono arrivate in Siria clandestinamente nella giornata del 28 luglio scorso. E sono state sequestrate nella notte fra il 31 luglio e il primo agosto. In due giorni come è possibile organizzare un sequestro che ha bisogno di logistica, controlli sugli spostamenti, scelta del momento migliore, lunga pianificazione?

 

È la domanda che è echeggiata durante l’audizione al Copasir del direttore dei servizi segreti italiani, il capo del Dis Giampiero Massolo. La risposta è segretata negli atti del comitato di controllo sui servizi segreti. Ma chi l’ha fatta non si è tirato indietro: Paolo Vitelli, deputato di Scelta civica. Che spiega a Libero: «Il percorso in cui nasce questa faccenda è davvero ambiguo, da approfondire. Non è chiaro come e quando sia stato pianificato il gesto criminale, e se l’organizzazione sia partita dall’Italia, come è stato scritto e come anche io sospetto».

Vanessa Marzullo Vanessa Marzullo

 

A Massolo Vitelli ha fatto una raffica di domande: «Perché Greta e Vanessa sono entrate in Siria illegalmente, mentre il loro accompagnatore no? Perché tempi così brevi tra il loro ingresso in terra siriana e il rapimento, quasi a sottintendere che non si sia trattato solo di un rapimento ad opera di un’organizzazione criminale, ma di un’operazione pianificata a tavolino? Perché così tante illazioni su un presunto coinvolgimento di soggetti italiani?». A Massolo, continua il membro del Copasir, «ho posto sopratutto due domande: a quando risale l’organizzazione del sequestro? E a dove risale?».

 

Vanessa Marzullo Vanessa Marzullo

Per questo sia il Copasir che la procura di Roma stanno scandagliando la rete di rapporti che le due ragazze avevano prima del loro viaggio con i siriani in Italia e con quelli che loro consideravano «amici» che abitano in gran parte a Homs, una delle capitali della resistenza al regime siriano. Fra questi ha attirato l’attenzione uno dei loro amici, con cui avevano rapporti sui social network. La sua identità non è chiara. Su Facebook si è registrato con un nome di fantasia: Maxemiliano Maximo.

 

Di lui si sa che viene da Homs e che sulla rete di conversazioni chat di Paltalk, la più utilizzata dal mondo arabo, si fa chiamare «Abu Victor Shamia». Da tempo è probabilmente il migliore amico siriano di Greta e Vanessa. Nella rete è restata traccia delle sue conversazioni con le ragazze, di cui c’è evidenza fotografica insieme a molti post-preghiera in ricordo dei «martiri» di Homs.

Greta Ramelli (S) e Vanessa Marzullo Greta Ramelli (S) e Vanessa Marzullo

 

Il profilo FB di Abu Victor Shamia riportava fino a mercoledì come immagine identificativa un biglietto commovente scrittogli in inglese da Greta. Ma è diventata un giallo una chat con Vanessa, in cui lei gli dice di non potere «paragonare le mie sofferenze alle tue. Ma voglio solo farti sapere che c’è gente come me che vorrebbe realmente prendere metà del tuo dolore e condividerlo». Nella foto è indicata l’ora di trasmissione del messaggio di Vanessa: le 23 e 43.

 

L’amico siriano l’ha postato il 9 novembre scorso, quando da più di tre mesi Vanessa era nelle mani dei rapitori. Il post ha attirato l’attenzione di altri amici siriani delle due ragazze, desiderosi di sapere la data di quel messaggio: proveniva dalla prigionia? Era a quelle sofferenze che si riferiva Vanessa? E se no, perché renderlo pubblico a tante settimane dal rapimento? Lui non ha risposto. Ma dopo che il 21 gennaio su Libero sono stati citati sia il biglietto di Greta che la chat di Vanessa, ha ripulito il suo profilo FB, cancellando la chat. Probabilmente qualcuno dall’Italia lo ha avvisato.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

ARGENTO VIVO – "A SORÈ, MA CHE TE SEI PRESA STASERA? ASIA STRACULT DALLA SORA D’URSO. PRIMA ATTACCA MORGAN (“SE FAI I DEBITI CON LE BANCHE, TI PIGNORANO LA CASA”), POI SCAZZA CON KARINA CASCELLA: "IO NON SO CHI SEI E CHE POSTO HAI NEL MONDO. LA MIA RINASCITA MEDIATICA SI CHIAMA FABRIZIO CORONA? MA QUALE RELAZIONE CHE CI SIAMO VISTI DUE VOLTE.." - POI SPIEGA PERCHE’ SI E PRESENTATA A UN CONCERTO DI SALMO CON UNA VALIGETTA DI SOLDI DICENDO SE PER QUELLA CIFRA LUI GLIELO “DAVA”...

politica

GENDARMI IMPROPRI - IL PAPA ACCETTA LE DIMISSIONI DI DOMENICO GIANI, DA 20 ANNI A CAPO DELLE GUARDIE VATICANE. ACCUSATO DI AVER DIFFUSO IL DOCUMENTO DELLE INDAGINI SULLE SPERICOLATE OPERAZIONI IMMOBILIARI E PETROLIFERE PAGATE CON L'OBOLO DI SAN PIETRO (QUEL FOGLIO È STATO INVIATO A 500 GENDARMI…), C’È CHI SOSPETTA CHE LA DIFFUSIONE FOSSE PROPRIO UN MODO PER COLPIRE IL COMANDANTE. L’AVER CONDOTTO INDAGINI E PERQUISIZIONI, IN QUESTI ANNI, GLI HA PROCURATO MOLTI NEMICI INTERNI…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute