CON SALVINI DIVISO TRA MIGRANTI E LA ISOARDI, CHI FA LA GUERRA ALLA ‘NDRANGHETA? KLAUS DAVI! - IL GIORNALISTA SI È ARRAMPICATO SULLE MURA CHE CIRCONDANO LA VILLA APPARTENENTE ALLA COSCA CREA DI RIZZICONI E, MUNITO DI UNA TENAGLIA, HA SPEZZATO UNA DELLE SEI FILE DI FILO SPINATO CHE SORMONTANO LE MURA DEL BOSS - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Da www.ilmessaggero.it

 

«Un gesto simbolico contro la mafia». Klaus Davi, autore di numerosi reportage sulla criminalità organizzata realizzati in Lombardia, Calabria e Sicilia, si è arrampicato sulle mura che circondano la villa appartenente alla cosca Crea di Rizziconi e, munito di una tenaglia, ha spezzato una delle sei file di filo spinato che sormontano le mura del boss. L'arrampicata e il gesto sono documentati in un video realizzato dalla troupe dello stesso Davi che contiene una dichiarazione del massmediologo. «Si tratta di un piccolo gesto simbolico. Lo abbiamo fatto perché non riteniamo opportuno che la famiglia Crea viva in una simile villa. Pensiamo che sia inopportuno e che lo Stato dovrebbe intervenire», afferma Davi.

 

In questi giorni Klaus ha realizzato numerosi servizi sul caso Bruzzese, il fratello del pentito di ‘Ndrangheta trucidato da ignoti sicari a Pesaro il giorno di Natale. Gli esponenti del clan Crea sono sospettati di essere tra i possibili mandanti tanto da avere ricevuto numerose perquisizioni da parte delle forze dell'ordine nei giorni successivi all'attentato. Tra i servizi realizzati da Davi, un’intervista a Rosa Crea e al presunto boss Teodoro Crea, rintracciato in paese che si è limitato a rispondere "lasciami in pace", ad Alessandro Giovinazzo, sindaco di Rizziconi, e all’ex sindaco Antonio Bartuccio.

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAGO FA 72! - LUCA BEATRICE CELEBRA ‘’IL DOTTOR FRANKENSTEIN DELL’INFORMAZIONE”, DA CRITICO MUSICALE A “QUELLI DELLA NOTTE”, DALLE NOTTI ROMANE AL BAR DELLA PACE ALLA PRODUZIONE DI LIBRI EXTRAVAGANTI (“IL MEGLIO DI NOVELLA 2000” CON ARBORE, “COME VIVERE BENE E SENZA I COMUNISTI”, “SBUCCIANDO PISELLI” CON ZERI) – ‘’QUANDO BRIAN ENO ESORDÌ A ROMA DA ARTISTA VISIVO, DAGO DIEDE IN SUO ONORE UN GRAN PARTY CON GENTE DA TUTTA ITALIA E IL GURU DEL MINIMALISMO, FELICE E MERAVIGLIATO, SEMBRAVA PERSINO FUORI POSTO TRA TANTO ECCESSO VISIVO E SONORO, CULMINATO CON LE CANZONI NAPOLETANE DI MARIA NAZIONALE, CHE È UN PO’ COME PROPORRE GIGI D’ALESSIO A BOB DYLAN”

politica

NON DITE AI LIBERISTI CON IL COCKTAIL IN MANO CHE ARCURI NON LASCIA MA RADDOPPIA: SARÀ ANCHE COMMISSARIO PER LA RIPARTENZA DELLE SCUOLE! - DEL RESTO L'EX COMPAGNO DI MYRTA MERLINO SI MERITAVA UN PREMIO: IN QUESTI MESI AVEVA IL SOLO COMPITO DI RENDERE DISPONIBILI LE MASCHERINE E CALMIERANDO IL PREZZO LE HA RESE INTROVABILI. POI SI È DISTINTO CON IL CLICK DAY DA UN SECONDO – SALVINI E LA MELONI NON VEDEVANO L’ORA E ATTACCANO. ANCHE PERCHÉ PER DIFENDERLO È SCESA IN CAMPO LA AZZOLINA (AUGURI)

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute