SPIARE TANTO, SPIARE TUTTI – FRA LE PIEGHE DEL DL AIUTI BIS APPROVATO DAL SENATO È STATO INSERITO UN EMENDAMENTO A FIRMA DI ADOLFO URSO, PRESIDENTE DEL COPASIR, CHE CONCEDE PIÙ POTERI AGLI 007 ITALIANI – D’ORA IN POI GLI AGENTI DELL'AISE, L'AGENZIA DEL SERVIZIO SEGRETO ESTERNO, POTRANNO AGIRE DA INFILTRATI IN PAESI STRANIERI SENZA DOVER ESSERE FUNZIONARI ACCREDITATI PRESSO L'AMBASCIATA DI TURNO – UNA NORMA A LUNGO ATTESA CON CUI L'ITALIA ACCORCIA LE DISTANZE DAGLI ALTRI SERVIZI... 

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dall'articolo di Francesco Bechis per “Il Messaggero”

 

LO STEMMA AISE LO STEMMA AISE

Forse non salteranno su treni in corsa e non si troveranno a sorseggiare Vodka Martini nel bel mezzo di una sparatoria. Di certo però per gli 007 italiani si apre ora una nuova era. Fra le pieghe del dl-Aiuti bis appena approvato dal Senato c'è infatti un emendamento che promette di rivoluzionare il nostro comparto intelligence.

 

Porta la firma di Adolfo Urso, senatore di FdI e presidente del Copasir, ma ha incassato un consenso bipartisan. La norma inserita al fotofinish (art. 42) permette all'Aise, l'agenzia del Servizio esterno, di «impiegare proprio personale» per svolgere «attività di ricerca informativa e operazioni all'estero».

 

LA LEGGE

ADOLFO URSO ADOLFO URSO

Un via libera alle operazioni sotto-copertura: da ora in poi gli agenti dell'Aise potranno agire da infiltrati in Paesi stranieri. Una svolta decisiva e per niente scontata. Certo, da sempre gli operativi dell'intelligence italiana possono raccogliere informazioni e svolgere missioni all'estero. E in alcuni Paesi considerati strategici per Roma, dalla Libia all'Iraq, l'Italia è presente in forze anche con le sue barbe finte. In Afghanistan, per dire, la rete di informatori dei Servizi italiani era seconda solo a quella americana.

 

C'è un ostacolo però: finora gli agenti potevano operare solo come funzionari accreditati presso l'ambasciata di turno. Un laccio che col tempo si è dimostrato troppo stretto. Di qui l'intervento per allentarlo. […]

 

FRANCO GABRIELLI ADOLFO URSO FRANCO GABRIELLI ADOLFO URSO

Con la nuova norma, l'Italia accorcia le distanze e recupera un lungo ritardo. Gli 007 italiani potranno ora andare a caccia di informazioni sensibili - servirà l'autorizzazione diretta del presidente del Consiglio o dell'Autorità delegata - senza accreditarsi in ambasciata come attaché commerciali o militari. Lo faranno sotto altre spoglie. […]

 

Un intervento auspicato da anni dal comparto. E difeso tra gli altri dall'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga e poi da Massimo D'Alema ai tempi della presidenza Copasir. Adesso un primo mattone è stato posato ma il dossier dovrà finire presto sulla scrivania di Palazzo San Macuto.

 

SERVIZI SEGRETI SERVIZI SEGRETI

Perché saranno i decreti attuativi e i regolamenti a disciplinare con estrema precisione quando e come gli 007 italiani potranno prestarsi a operazioni simili. Così come andranno definiti i dettagli di un'altra norma nel Dl-Aiuti bis che impone all'intelligence un salto di qualità.

 

E cioè il semaforo verde per «l'adozione di misure di intelligence di contrasto in ambito cibernetico». Tradotto: non solo i Servizi italiani avranno i mezzi per difendere il Paese da attacchi cyber ma potranno, in alcuni casi, sferrare attacchi preventivi contro minacce.

LORENZO GUERINI ADOLFO URSO LORENZO GUERINI ADOLFO URSO ADOLFO URSO ADOLFO URSO

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“A LETTO VANNO BENE LE COCCOLE, MA NON SOLO QUELLE. CONTA QUALITÀ E QUANTITÀ” – L’INTERVISTA BOMBASTICA AD ANTONELLA CLERICI CHE NELL'INTIMITA’ VUOLE “UNA CERTA DOSE DI TRASGRESSIONE" - A 58 ANNI LA CONDUTTRICE NON HA PERSO LA PASSIONE E SOTTO LE COPERTE SI VUOLE DIVERTIRE: "MAGARI NON TUTTI I GIORNI COME UN TEMPO MA COME SI DEVE” – “LA PRIMA VOLTA DAL CHIRURGO ESTETICO? A 40 ANNI, MA NON CI VADO PIÙ DI DUE VOLTE L’ANNO. NON VOGLIO TRASFORMARMI, VEDO CERTE BOCCHE IN GIRO, MAMMMA MIA…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute