LO STREAMING SI', MA COME DICO IO - LA PIATTAFORMA DISNEY+ SBARCA A HONG KONG MA IL REGIME CINESE HA SUBITO IMPOSTO LA CENSURA - NON SARA' DISPONIBILE L'EPISODIO DEI SIMPSON IN CUI LA FAMIGLIA DI HOMER VISITA LA CINA E FA TAPPA A PIAZZA TIENANMEN (DOVE SI CONSUMO', NEL 1989, UNA VIOLENTA REPRESSIONI DEI MANIFESTANTI CHE CHIEDEVANO DEMOCRAZIA) - TRA LE MISURE IMPOSTE DA XI JINPING, CI SONO NUOVI DIVIETI SULLE TRASMISSIONI TV E...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Guardian

 

Simpson, puntata con piazza Tienanmen Simpson, puntata con piazza Tienanmen

Questo mese la piattaforma di streaming Disney+ è sbarcata a Hong Kong, ma tra gli episodi dei Simpson a disposizione degli abbonati manca la puntata in cui la famiglia si reca in visita in Cina. L’episodio, il 12 della stagione 16, è andato in onda per la prima volta nel 2005 e racconta il viaggio dei Simpson in Cina per cercare di adottare un bambino.

 

La famiglia visita anche piazza Tienanmen, a Pechino, dove si è svolta la repressione del 1989 contro i manifestanti per la democrazia. Qui un cartello recita: «Su questo sito, nel 1989, non è successo niente», in riferimento alla campagna della Cina per cancellare i ricordi di quanto accaduto.

 

Fino a poco tempo Hong Kong vantava significative libertà artistiche e politiche rispetto alla terraferma. Ma le autorità stanno attualmente trasformando la città sulla scia delle enormi e spesso violente proteste per la democrazia di due anni fa.

 

Simpson, puntata con piazza Tienanmen 2 Simpson, puntata con piazza Tienanmen 2

Tra le tante misure, ci sono le nuove leggi sulla censura introdotte quest'estate che vietano qualsiasi trasmissione che possa violare un'ampia legge sulla sicurezza nazionale che la Cina ha imposto alla città lo scorso anno. Da allora la censura ha ordinato ai registi di fare dei tagli e ha rifiutato il permesso di mostrare al pubblico alcuni film.

 

La scorsa settimana il leader di Hong Kong nominato da Pechino, Carrie Lam, ha promesso di «tappare in modo proattivo le scappatoie» in Internet della città e di introdurre regolamenti sulle «notizie false».

 

Disney+ a Hong Kong Disney+ a Hong Kong

I suoi commenti si sono aggiunti alle preoccupazioni che il “Great Firewall” cinese – un vasto regime di censura su Internet e notizie – possa essere esteso a Hong Kong. I contenuti che fanno satira sulla Cina sono ancora disponibili su altre piattaforme di streaming a Hong Kong.

 

Il canale di Hong Kong di Netflix sta ancora trasmettendo Band in China, un episodio della serie di cartoni animati South Park. In quell'episodio, uno dei personaggi finisce in un campo di lavoro cinese e gran parte dello spettacolo prende in giro la volontà dei marchi americani di aderire alle regole della censura cinese per fare soldi.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’INSOSTENIBILE PESANTEZZA DEI NO VAX – MELANIA RIZZOLI ANALIZZA IL COSTO EMOTIVO DEI MEDICI CHE DEVONO LOTTARE CON CHI RIFIUTA LE CURE: “CIASCUN PAZIENTE RICOVERATO IN TERAPIA INTENSIVA COSTA DAI 2.800 AI 3.300 EURO. PECCATO CHE IN QUESTA LISTA DI PRESTAZIONI EFFETTUATE E ANDATE A BUON FINE NON SI POSSA INCLUDERE IL COSTO EMOTIVO, QUELLO DI STRESS, DI FATICA E DI CONFLITTUALITÀ MORALE DI TUTTO IL PERSONALE SANITARIO CHE HA CONTRIBUITO A GUARIRE QUEL MALATO RETICENTE, OSTINATO, IGNORANTE E INDUBBIAMENTE FORTUNATO…”