1. TIMES SQUARE, NEL CUORE DI NEW YORK, CON GLI OCCHI ALL’INSÙ PUNTATI VERSO I GRANDI TABELLONI LUMINOSI DELLA PUBBLICITÀ. E COME UN SEGNO SOPRANNATURALE APPARE LA SCRITTA: “CHI HA BISOGNO DI GESÙ NEL NATALE? NESSUNO”, URLA E APPLAUSI 2. AL DIAVOLO "BUON NATALE", MEGLIO "BUONE VACANZE: LO SPOT È UN’INIZIATIVA DI UNA DELLE MAGGIORI ASSOCIAZIONI DI ATEI CHE IN QUESTI GIORNI SPOPOLA NEI TALK SHOW DELLE TV: “CI SONO MILIONI DI NON CREDENTI NEL PAESE, DOBBIAMO DIFENDERE I NOSTRI DIRITTI” 3. IL VIDEO È SOLO L’ULTIMO CAPITOLO DELLA BATTAGLIA CHE ANIMA GLI STATI UNITI DA COSTA A COSTA: LA CHIAMANO “THE WAR ON CHRISTMAS” E NEI DUE SCHIERAMENTI SI SFIDANO LAICI E CRISTIANI CHE RESPINGONO I TENTATIVI DI LAICIZZARE IL RITO DI NATALE

Condividi questo articolo

Massimo Vincenzi per ‘La Repubblica'

ATEI NEL MONDOATEI NEL MONDO

Il vento gelido pieno di acqua e neve li inzuppa e scoraggia i meno temerari, ma una ventina di persone resiste a Times Square, nel cuore di New York, con gli occhi all'insù puntati verso i grandi tabelloni luminosi della pubblicità. Qualche minuto e come un segno soprannaturale appare la scritta: «Chi ha bisogno di Gesù nel Natale? Nessuno», urla e applausi.

WarOnChristmas WWJDWarOnChristmas WWJD

Lo spot è un'iniziativa di una delle maggiori associazioni di atei, guidata da David Silverman, che in questi giorni spopola nei talk show delle televisioni: «Ci sono milioni di non credenti nel Paese, dobbiamo difendere i nostri diritti» è il suo ritornello. Il video è solo l'ultimo capitolo della battaglia che anima gli Stati Uniti da costa a costa: la chiamano
The War on Christmas e nei due schieramenti si sfidano novelli Scrooge e ultraconservatori cristiani che respingono colpo su colpo i tentativi si laicizzare il loro rito.

Uno dei paladini è l'opinionista della Fox Bill o'Reilly, che secondo un commento ironico della rivista The Atlantic, segue il conflitto con «dispacci che ricordano le diretta dal fronte iracheno». Al suo fianco arriva subito Sarah Palin che attinge al consueto vocabolario da crociata permanente: «Vogliono abortire Gesù dal Natale».

WarOnChristmas ComicWarOnChristmas Comic

Ma in una nazione dove uno su cinque dichiara di non appartenere ad alcuna religione e se si scende sotto i trent'anni anni la percentuale passa al 33%, i non credenti non restano a guardare. A Sacramento un gruppo di "agnostici" si autofinanzia e tappezza le strade con una sessantina di manifesti che inneggiano ad una festa senza religione: «Molti di noi in questo periodo dell'anno si sentono soli, esclusi da una dittatura culturale. Non vogliamo combattere la Chiesa, ma aiutare questa gente ad uscire allo scoperto, a sentirsi parte di una comunità».

È l'orgoglio laico, che nei biglietti di auguri scrive "buone feste", che appende agli angoli delle strade cartelli a metà tra il rito pagano e l'ironia: "Buon Solstizio", la notte più lunga dell'anno che cade appunto tra il 22 e il 24 dicembre.

war on xmaswar on xmas

Il New York Times racconta il fenomeno come una sorta di movida: «Non vogliamo essere tristi, non vogliamo sentirci emarginati. Come a tutti anche a noi piacciono le feste, soltanto le vogliamo celebrare a modo nostro», spiega Michael Dorian uno dei leader del movimento. E così ecco spettacoli, convegni, proiezioni di documentari, ma soprattutto feste nei bar di Manhattan con concerti dal vivo e karaoke: «Sì, ci vogliamo divertire. Alziamo la testa fieri delle nostre convinzioni », ripetono i partecipanti, un variegato spaccato sociale di laici, agnostici, atei, anti clericali.

War on xmasWar on xmas

Ma la religione è materia delicata da maneggiare e così la guerra sul Natale vive anche momenti meno scherzosi. A Chicago le opposte fazioni vengono alle mani davanti ad un mercatino affollato di famiglie ed è dovuta intervenire la polizia. In una piccola cittadina del New Jersey il comitato locale dei non credenti ha messo un taglia di duemila dollari per individuare i responsabili del rogo che ha bruciato il loro cartellone con la scritta: "Teniamo Saturno dentro i Saturnali" con riferimento alla festa pagana e in risposta allo slogan dei rivali: "Teniamo Cristo dentro il Natale".

war on christmaswar on christmas

In California un uomo, offeso dal grande presepe allestito nel suo paese ha denunciato il sindaco: «Offende la mia libertà». A Long Island, in una scuola, il coro della consueta recita di fine anno è stato epurato dai riferimenti religiosi facendo infuriare un papà per niente contento della novità. «Stiamo sconfinando nel ridicolo », scrive un blogger sull'Huffington Post.

Tanto, alla fine, questa notte quando scende il buio e si accendono le luci dell'albero tutti gli Scrooge del mondo tornano bambini e aspettano fiduciosi lo Spirito del Natale, laico o cristiano che sia.

 

the war on christmas the war on christmas political posterthe war on christmas the war on christmas political poster christmas bitchezchristmas bitchez

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

business

CAIRO-BLACKSTONE 1 A 0 – IL COLLEGIO ARBITRALE DI MILANO HA EMANATO UN PRIMO PARERE SULLA VENDITA DELLA SEDE DI VIA SOLFERINO – HA “ESCLUSO L’INVALIDITÀ DEI CONTRATTI CON CUI È STATA CONCLUSA L’OPERAZIONE” MA CONTESTUALMENTE “HA RILEVATO CHE IL COMPORTAMENTO DELL’ACQUIRENTE POTREBBE DARE LUOGO AL RISARCIMENTO DEL DANNO IN FAVORE DI RCS” – IN PIÙ, HA CONFERMATO CHE L’ITALIA È LA SEDE COMPETENTE DOVE DECIDERE LA CONTROVERSIA (DIVERSAMENTE DA QUANTO SOSTIENE BLACKSTONE)

cronache

sport

CALCIO DOTTO - DI QUANTE VITE (SPORTIVE) DISPONE ZLATAN IBRAHIMOVIC? ORA L’ULTIMO CRAC. STRANO (PSICOSOMATICO?) CHE IL POLPACCIO GLI FRANI MENTRE LA SUA MENTE SI TORCE NEL DUBBIO SE RESTARE O MENO AL MILAN. DOVESSE MAI CHIUDERE CON IL CALCIO, LO FARÀ DA LEGGENDA. UNA PICCOLA ANTICIPAZIONE CE L’HA GIÀ DATA: “NON USCIRÒ DI SCENA ZOPPICANDO, MA A MODO MIO. ANCHE SE DOVESSI CAMMINARE SULL’ACQUA”. OCCHIO AI NAVIGLI (IBRA HA RIPORTATO UNA LESIONE AL POLPACCIO, IL TENDINE D'ACHILLE E' INTEGRO)

cafonal

viaggi

salute