TU CHIAMALE, SE VUOI, MACELLAZIONI - DUE ROM SGOZZANO UN CAPRETTO IN STRADA, LA CORTE LI ASSOLVE PERCHÉ ISLAMICI: “LA FEDE RELIGIOSA PREVALE SUL DOLORE CHE SI PUO’ INFLIGGERE A UN ANIMALE” - - -

Una sentenza choc che sembra dare il via libera a qualsiasi pratica, anche se riconosciuta brutale, in nome della libertà di culto - Secondo la corte la macellazione islamica è violenta e crudele ma, in quanto praticata per motivi religiosi, trova una giustificazione anche se compiuta senza nessuna autorizzazione...

Condividi questo articolo


CAPRETTO CAPRETTO

Matteo Basile per “il Giornale”

 

Uccidere un animale in maniera violenta? Nessun problema, basta essere islamici e addurre giustificazioni religiose. È quanto emerge da una sentenza della Corte d' Appello del tribunale di Genova che ha assolto due rom, di fede islamica, che avevano massacrato un capretto, macellato con rito islamico anche se privi di qualunque autorizzazione igienico-sanitario per farlo. I due erano stati condannati in primo grado ma la Corte d' Appello ha completamente ribaltato la sentenza.
 

La fede religiosa, secondo la Corte, vince sul dolore che si può infliggere a un animale. La procedura di macellazione islamica infatti è formalmente consentita dalla legge a patto che si presenti una specifica richiesta e il tutto si svolga in ambiente consono. Eppure quanto accaduto due anni fa a Genova, di consono non aveva proprio nulla.

 

CAPRETTO CAPRETTO

I due rom, ospitati in un campo in Valbisgano, immediata periferia genovese, hanno sgozzato il capretto in mezzo alla strada, lo hanno appeso a testa in giù per poi lasciarlo morire dissanguato. Una scena definita «raccapricciante» dalle guardie zoofile che avevano denunciato i due. Peraltro compiuta in strada, davanti a tutti, senza il minimo rispetto della sensibilità di chi avrebbe potuto assistere alla scena.
 

Immagini terribili, tanto da portare alla condanna dei due a una sanzione pecuniaria da 4 a 6mila euro per «maltrattamento» aggravato dalle «sevizie per crudeltà e senza necessità».

 

CAPRETTO CAPRETTO

Ma a distanza di quasi due anni, ecco la sentenza opposta e tutto cambia. Assolti perché, come scrive il giudice Mauro Amisano, «l' ipotesi di crudeltà verso gli animali presuppone l' assenza di qualsiasi giustificabile motivo, poiché la crudeltà è di per sé caratterizzata dalla mancanza di un motivo adeguato e da una spinta abietta e futile.

 

Una pratica come il sacrificio rituale musulmano, che è di per sé crudele se parametrata alla sofferenza inflitta, non può essere considerata illecita poiché esplicitamente ammessa per il rispetto dell' altrui libertà religiosa, e quindi non lesiva del comune sentimento di pietà», specificando inoltre che «il limite allo svolgimento di queste pratiche è quello della necessità, nel senso che la macellazione senza stordimento preventivo della vittima è consentita solo ed esclusivamente nel contesto d' un rito religioso, com' è avvenuto nella fattispecie».
 

In buona sostanza la macellazione islamica è violenta e crudele ma, in quanto praticata per motivi religiosi, trova in ogni caso una giustificazione. Anche se compiuta senza nessuna autorizzazione. Anche se l' uccisione è avvenuta per strada. Anche se i due rom non avessero nemmeno minimamente pensato di rispettare le norme igienico-sanitarie previste dalla legge italiana. Una sentenza choc che sembra dare il via libera a qualsiasi pratica, anche se riconosciuta brutale, in nome della libertà di culto.
 

CAPRETTO CAPRETTO

Una decisione che rappresenta un precedente e che supera di fatto anche le scelte della politica. La Regione Liguria ha infatti da poco approvato una mozione che vorrebbe obbligare all' anestesia degli animali prima della macellazione con rito islamico. Mozione che, alla luce di questa sentenza, finisce direttamente nel cestino.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)