DI TUTTA ROMA UN FASCIO – TRE CONSIGLIERI COMUNALI GRILLINI VOGLIONO CREARE UN MUSEO DEL FASCISMO, MA DOPO LE POLEMICHE LA RAGGI FERMA TUTTO: “ROMA È UNA CITTÀ ANTI-FASCISTA, NESSUN FRAINTENDIMENTO” - L’IDEA DELLA CONSIGLIERA GEMMA GUERRINI ERA PROPRIO DI FARE UN ESPOSIZIONE PERMANENTE IN CHIAVE CULTURALE E ANTIFASCISTA. MA CE N’È BISOGNO O RISCHIA DI DIVENTARE SOLO META DI PELLEGRINAGGIO DEI NOSTALGICI DEL DUCE?

-

Condividi questo articolo

 

 

Gabriele Laganà per www.ilgiornale.it

 

GEMMA GUERRINI GEMMA GUERRINI

Ad oltre 70 anni dalla fine del Fascismo, parlare del regime guidato da Benito Mussolini è ancora un terreno scivoloso e pericoloso. Anche se non si vuole fare l’apologia del ventennio bensì un museo che ripercorra quegli anni e funga "da polo attrattore per scolaresche, curiosi, appassionati ma anche turisti da tutto il mondo".

 

L’idea di realizzare una esposizione permanente dedicata al Fascismo arriva non da nostalgici o estremisti di destra ma da tre consiglieri comunali M5s tra cui Gemma Guerrini, già vicepresidente della commissione Cultura in Campidoglio.

VIRGINIA RAGGI ANPI VIRGINIA RAGGI ANPI

 

I pentastellati, sul tema, hanno presentato una mozione spiegando nei dettagli il progetto. La Guerrini ha specificato che la realizzazione del museo è in chiave culturale e antifascista.

 

Nella mozione si fa riferimento, prendendole come modello, a "operazioni culturali di analisi critica del periodo del nazismo" che "hanno portato alla realizzazione di centri intitolati a quelle esperienze, centri visitati da migliaia di persone provenienti da tutta Europa".

 

BENITO MUSSOLINI MARCIA SU ROMA BENITO MUSSOLINI MARCIA SU ROMA

Secondo la consigliera, la realizzazione di questa galleria è una iniziativa dettata dalla "necessità di contrastare il negazionismo e l'ignoranza ancora diffusa su fatti accaduti nella prima metà del Novecento in Italia". Per portare avanti la sua tesi, la Guerrini cita i rigurgiti neofascisti che "anche recentemente hanno offeso Roma e i suoi cittadini".

 

Parole chiare, queste, che indicano quali siano gli obiettivi del progetto. Eppure, la proposta già sta suscitando una polemiche con alcuni intellettuali, da Manconi a Recalcati, che hanno scritto un appello per invitare il Comune a fermare la realizzazione del museo. Il timore avanzato da qualcuno è che l’operazione potrebbe essere interpretata in modo ambiguo.

 

luigi manconi luigi manconi

I modelli europei citati nella mozione ricordano l'orrore nazista mentre quello che pensato per Roma sarebbe solo un museo del Fascismo che potrebbe richiamare nostalgici da tutta Italia, un po’ come avviene per Predappio, luogo di nascita di Benito Mussolini che oggi ospita la cripta del Duce e diversi negozi che vendono gadget del Ventennio, o Campo X del cimitero Maggiore a Milano dove sono sepolte centinaia di caduti della Rsi. In pratica, chi avversa il progetto spiega che Capitale potrebbe diventare meta di pellegrinaggi politici.

 

predappio, raduno di fascisti per l'anniversario della marcia su roma 51 predappio, raduno di fascisti per l'anniversario della marcia su roma 51

Ma i consiglieri 5s sembrano decisi ad andare avanti. Del resto, come ha sottolineato la Guerrini, il museo è in chiave apertamente antifascista. Più che sottolineare la chiara impronta che si vuole dare alla galleria è difficile fare. Ma nell’Italia odierna sembra quasi che solo pochi possano decidere cosa sia giusto e possibile fare.

 

La pentastellata Guerrini ha inconsapevolmente scatenato una bufera. E così è lei stessa ad essere finita al centro dell’attenzione mediatica. Repubblica, ad esempio, non risparmia attacchi contro la consigliera ricordando che vive in piazza San Cosimato a Roma, una delle arene del Cinema America il cui animatore, Valerio Carocci, è stato messo sotto scorta dopo le aggressioni e le minacce arrivate anche da ambienti di estrema destra.

valerio carocci valerio carocci

Nel febbraio 2018, la Guerrini disse che "guardare vecchi film è feticismo, è solo propaganda del Pd". Una critica, forte sì, e senza esaltazione del Fascismo. Ma per il quotidiano è tanto. Però, ad esempio, non è stato citato il caso dell’ultima aggressione subita dallo stesso Carocci solo pochi giorni fa. Ancora da individuare i responsabili.

COLOSSEO QUADRATO EUR COLOSSEO QUADRATO EUR

 

L’Ansa, però, il 21 luglio scorso citava testualmente: "Il presidente del Piccolo Cinema Valerio Carocci” è stato aggredito “prima verbalmente” e poi gli sono state messe "le mani al collo”. La succitata aggressione sarebbe stata immediatamente denunciata dalla Digos e, secondo quanto si apprendeva già dalle prime indiscrezioni, il responsabile sarebbe stato individuato negli ambienti dell'"estrema sinistra”.

 

GEMMA GUERRINI 1 GEMMA GUERRINI 1

Stop alla proposta del museo sul Fascismo arriva dal sindaco di Roma, Virginia Raggi. "Roma è una città anti-fascista, nessun fraintendimento in merito", è il pensiero manifestato dal primo cittadino secondo fonti del Campidoglio.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

“CONTE? IO SONO UN SOSTENITORE DELL’ATTUALE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. NON NE VEDO DI MIGLIORI ALL'ORIZZONTE E QUINDI TUTTO SOMMATO….” - D’ALEMA SCATENATO AL PREMIO COLALUCCI – "IL CASO DIAWARA? QUI SIAMO OLTRE QUELLO CHE È ACCETTABILE. IL RESPONSABILE NE RISPONDA A SOCIETÀ E TIFOSI - DZEKO? SE A VERONA AVESSE GIOCATO, ALMENO SUL CAMPO AVREMMO VINTO" - GRAVINA: “IN OCCASIONE DI ITALIA-OLANDA A BERGAMO VORREMMO APRIRE OLTRE I MILLE SPETTATORI CONSENTITI” - I PREMIATI: FOTO

viaggi

salute