VITTORIO SGARBI ASSOLTO DAL REATO DI DIFFAMAZIONE CONTRO PIERCAMILLO DAVIGO: AVEVA SCRITTO CHE L'EX PM DOVEVA ASSUMERSI LA RESPONSABILITA' DEL SUICIDIO DELL'EX PRESIDENTE DELL'ENI, GABRIELE CAGLIARI - IL RIFERIMENTO E' ALLE PAROLE DI DAVIGO SULL'USO DELLA  CARCERAZIONE PREVENTIVA DURANTE TANGENTOPOLI: "NON HO MAI RICONOSCIUTO ALCUN ECCESSO NELL'USO DELLA MISURA CAUTELARE. SE ABBIAMO ESAGERATO, È STATO CON LE SCARCERAZIONI. NON CE NE DOVEVA ESSERE UNO A PIEDE LIBERO PERCHÉ QUESTI ERANO VENT'ANNI CHE FACEVANO COSÌ"

-

Condividi questo articolo


Manila Alfano per "il Giornale"

 

vittorio sgarbi foto di bacco (1) vittorio sgarbi foto di bacco (1)

Sgarbi vs capre. Già il titolo della rubrica non prometteva niente di buono, eppure per il Tribunale di Bologna, quell'articolo scritto da Vittorio Sbarbi il 10 marzo 2017 sul sito web «Quotidiano.net» non conteneva niente di male: assolto dal reato di diffamazione contro Piercamillo Davigo, il «Dottor Sottile» di Mani Pulite, perché il fatto non sussiste. Si è chiuso ieri a favore di Sgarbi dunque il primo match innescato da una sequenza di quattro querele presentate dal magistrato relative ad altrettante versioni on line e cartacee dello stesso articolo.

 

piercamillo davigo al tg2 3 piercamillo davigo al tg2 3

«Ieri il verdetto che mi ha dato ragione. Sono molto sollevato», ha raccontato soddisfatto Vittorio Sgarbi che ormai ha perso il conto di quante volte ha dovuto rispondere sul reato di diffamazione. In mezzo c'è ancora una volta il tema delle carcerazioni preventive, gli anni di Tangentopoli, l'ingegner Cagliari e il suicidio dopo 134 giorni passati in carcere a San Vittore; un metodo che ha creato dibattiti e fratture mai ricomposte, a distanza di oltre vent' anni.

 

GABRIELE CAGLIARI RAUL GARDINI GABRIELE CAGLIARI RAUL GARDINI

«Prima di scrivere l'articolo - ha spiegato Sgarbi - avevo visto, il giorno prima, la trasmissione su Rai3 Agorà nella quale Davigo affermava: Non ho mai riconosciuto alcun eccesso nell'uso della misura cautelare in Tangentopoli. Se abbiamo esagerato, è stato con le scarcerazioni; e ancora Non ce ne doveva essere uno a piede libero perché questi erano vent' anni che facevano così». Parole pesanti che diventano macigni se ad ascoltarli dall'altra parte c'è qualcuno come Sgarbi che quel metodo utilizzato dal pool di Milano lo ha sempre criticato.

 

GABRIELE CAGLIARI 2 GABRIELE CAGLIARI 2

L'impulso è subito quello di scrivere, e lo fa il giorno dopo nella rubrica Sgarbi vs capre. Riprende le parole strazianti di Gabriele Cagliari dal carcere ai familiari prima di suicidarsi nel 1993, e scrive «Piercamillo Davigo ora, con disgustoso cinismo, si assume la responsabilità di quel crimine non riconoscendo eccessi nell'uso della misura cautelare, se non nelle scarcerazioni (sic!), Cagliari se lo erano dimenticato. Come mi disse, all'epoca, il gip di Mani Pulite, Italo Ghitti, il vero reato di quei magistrati è di corruzione di immagine».

 

fabio de Pasquale fabio de Pasquale

L'ex pm ormai in pensione non ci sta e querela, anche perché in quella storia lui non c'entra direttamente, (il sostituto procuratore era Fabio De Pasquale). «Eppure Davigo si è attribuito la paternità di quel metodo - risponde Sgarbi - io mi sono limitato a riprendere un fatto vero che il magistrato aveva asserito, cioè di non avere mai riconosciuto eccessi nell'impiego delle misure cautelari, se non nelle scarcerazioni.

 

Perciò, ho replicato, in senso critico e motivatamente polemico che rilasciando tali dichiarazioni si era anche assunto la responsabilità per il suicidio dell'Ing Cagliari, ristretto in via cautelare negli anni di Tangentopoli». Insomma una legittima critica, alla Sgarbi appunto, «feroce ed aspra» ma per il Tribunale non c'è reato.

vittorio sgarbi foto di bacco (4) vittorio sgarbi foto di bacco (4) piercamillo davigo al tg2 1 piercamillo davigo al tg2 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP – CHI È IL NUOTATORE, FIDANZATO CON UNA BELLA RAGAZZA, CHE CONTATTA TRANS A CUI INVIA FOTO DEI SUOI PIEDI, DICENDO LORO “LECCAMI LE PINNE”? – LA BRIGLIADORI A BRIGLIA SCIOLTA CONTRO I VACCINI E LE MASCHERINE: “TOGLIETELE PER NON FAR IMPAZZIRE LA GENTE, CHE DEVE TORNARE A PENSARE LIBERAMENTE. LA MASCHERINA NON PROTEGGE DA NULLA, MA MANDA IN CORTO CIRCUITO LE VOSTRE SINAPSI” (VIDEO) – IL PREZZO DEL TROLLEY DI CHIARA FERRAGNI FA INCAZZARE I FOLLOWER – IL FIGLIO DELLA MIRIGLIANI, NICOLA PISU, AL GRANDE FRATELLO VIP?

politica

business

MONTE DEI DEMOCRATICI DI SIENA – I GROVIGLI, I DISEGNI E LE LITI DELLA SINISTRA SU MPS: L’ISTITUTO È SEMPRE STATO TELE-GUIDATO DALLA POLITICA, PRIMA DAL PCI, POI DAL PDS E INFINE DAL PD – LA FOTO DI MUSSARI E AMATO CHE GUARDANO IL PALIO DALLA FINESTRA, L’ACQUISTO DI BANCA 121 NEL COLLEGIO DI D’ALEMA, IL DISASTRO ANTONVENETA, LA NOMINA DI PROFUMO E L’EX MINISTRO DELL’ECONOMIA PADOAN, DIVENTATO PRESIDENTE DI UNICREDIT (CHE ORA SI VUOLE PAPPARE SIENA…) – IL SINDACO DE MOSSI: "CITTÀ NON RIMANGA SUPINA. NON SIAMO AL SUPERMERCATO"

cronache

sport

MARCELL E I SUOI FRATELLI D'ITALIA - NON C'È SOLO JACOBS: SONO 46 GLI AZZURRI NATI ALL’ESTERO CHE PARTECIPANO ALLE OLIMPIADI DI TOKYO, COME IL LOTTATORE FRANK CHAMIZO DA CUBA, O IL MEZZAFONDISTA YEMANEBERHAN CRIPPA ADOTTATO DAI SUOI GENITORI IN UN ORFANOTROFIO DI ADDIS ABEBA - CHI È NATO NEL NOSTRO PAESE DEVE ASPETTARE I 18 ANNI PER AVERE LA CITTADINANZA E VESTIRE LA MAGLIA AZZURRA: È LA STORIA DI DAISY OSAKUE, LA NOSTRA LANCIATRICE DEL DISCO DIVENTATA FAMOSA PER IL LANCIO DI UOVA CHE LE LESIONÒ UNA CORNEA...

cafonal

viaggi

salute