1- NOVEMBRE 2009: SCOPPIA IL CASO M’ARRAZZO E ALE-DANNO SI PRECIPITA A FARE IL TEST ANTIDROGA (LO RIFARÀ ANCHE OGGI?) - GLI ALEMANNINI CELODURISTI VOGLIONO IMPORRE IL NARCOTEST AI TUTTI I PUBBLICI UFFICIALI E ANCHE GLI ESPONENTI PDL DI OSTIA (FEUDO DEL CONSIGLIERE PIERPAOLO ZACCAI) DICONO SÌ. QUALCOSA NON HA FUNZIONATO? - 2- LA BEFFA DELLE BEFFE: DOPO LA MORTE DI UN ANZIANO INVESTITO DA UN AUTISTA DELL’ATAC CHE AVEVA ASSUNTO SOSTANZE STUPEFACENTI PRIMA DI METTERSI ALLA GUIDA DEL BUS, ZACCAI FIRMÒ LA PROPOSTA DI UN TEST ANTIDROGA PER GLI AUTISTI ROMANI - 3- PER L’IMMORTALE SERIE \"LA FICA PIACE AGLI UOMINI, MA IL CAZZO PIACE A TUTTI\", LUXURIA NON SI TRATTIENE:IMMENSA È LA GIOIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL’ARCO COSTITUZIONALE: \"NON SOLO SIRCANA E M’ARRAZZO, ANCHE I TRANS TIRANO A DESTRA\"

Condividi questo articolo
GIANNIGIANNI ALEMANNO VALERIA MANGANI

1- NOVEMBRE 2009: SCOPPIA IL CASO MARRAZZO E ALE-DANNO SI PRECIPITA A FARE IL TEST ANTIDROGA. I SUOI PROPONGONO DI ESTENDERLO A TUTTI I PUBBLICI UFFICIALI. GLI ESPONENTI PDL DI OSTIA VICINI A ZACCAI SI DICONO PRONTI A SOTTOPORSI AL TEST
(ANSA) - ROMA, 5 NOV -
Saranno pronti non prima di sabato i risultati del drug test effettuato, questa mattina, dal sindaco di Roma Gianni Alemanno all\'Istituto di medicina sportiva del Coni all\'Acqua Acetosa. Dopo essere stato accolto dal segretario generale del Coni Raffaele Pagnozzi Alemanno e\' stato affidato al medico Francesco Leonelli per il prelievo di urina e di capelli. I risultati non saranno pronti prima di sabato.

VALERIAVALERIA MANGANI GIANNI ALEMANNO

Per l\'occasione Alemanno ha presentato un certificato di esenzione a fini terapeutici perche\', a causa dell\'intervento al menisco destro subito la settimana scorsa, potrebbero risultare dai test tracce di anestetico. L\'esame, che normalmente costa 500 euro, e\' stato offerto gratuitamente al sindaco dal laboratorio del Coni, unico in Italia certificato dal Cio. \'\'Ho condiviso - ha detto Alemanno - l\'idea lanciata dal consigliere regionale Desideri e dal capogruppo del Pdl in Comune Rossin e, pur non volendo fare il primo della classe, credo che gli amministratori pubblici debbano essere nel pieno delle loro facolta\'\'\'.

VALERIAVALERIA MANGANI GIANNI ALEMANNO

Insieme con il sindaco c\'era anche l\'assessore comunale alla Mobilita\' e Trasporti Sergio Marchi che si e\' sottoposto a sua volta al test. Rispondendo a chi gli chiedeva un commento su chi considera il drug test una trovata elettorale, Alemanno ha detto di trovarla una considerazione \'\'banale. Preferisco sia una trovata elettorale piuttosto che niente\'\'.

GIANNIGIANNI ALEMANNO VALERIA MANGANI - Copyright Pizzi

2- DROGA: SANTORI, ESTENDERE TEST A TUTTI I PUBBLICI UFFICIALI
(ANSA) - ROMA, 5 NOV
- \'\'Ritengo che il narcotest effettuato oggi dal sindaco Gianni Alemanno rappresenti molto piu\' di un gesto simbolico, e\' un chiaro segnale di responsabilita\' che la politica deve concretamente assumere e che dovrebbe essere esteso a tutti coloro che ricoprono ruoli di primaria importanza per la collettivita\', in particolare i pubblici ufficiali\'\'.

VALERIAVALERIA MANGANI GIANNI ALEMANNO

Lo afferma in una nota il presidente della Commissione Sicurezza del Comune di Roma, Fabrizio Santori. \'\'Non e\' pero\' da sottovalutare - aggiunge - in questo contesto di forte richiamo alla responsabilita\' istituzionale, anche l\'evidente aumento dei dati concernenti l\'abuso di alcool, fenomeno spesso sottovalutato a causa di un pregiudizio di natura culturale proprio della realta\' italiana, ma che a tutti gli effetti coinvolge una grossa fetta della popolazione, classe dirigente compresa\'\'.

alemannoalemanno giovane fascista

3- DROGA: GRUPPO PDL XIII MUNICIPIO SI SOTTOPORRA\' A TEST
(ANSA) - ROMA, 5 NOV
- I consiglieri del Pdl, insieme al Presidente e alla Giunta del XIII Municipio sono pronti a raccogliere l\'invito del sindaco di Roma, Gianni Alemanno a sottoporsi al test anti-droga. Tutta la maggioranza effettuera\' il narcotest previsto per la prossima settimana in una struttura pubblica.

\'\'Ho chiesto ai miei colleghi, agli assessori e al presidente Vizzani- ha spiegato il consigliere Pdl e vicepresidente del XIII Municipio, Angelo Paletta - di fare nostro l\'appello del sindaco Alemanno convinti anche noi che si tratti di un atto di trasparenza da parte di chi ricopre un incarico istituzionale nei confronti di chi ci ha riposto la propria fiducia\'\'.

alemannoalemanno giovane fascista

Il minisindaco Vizzani ha risposto all\'appello del sindaco \'\'ricordando comunque che il test e\' a discrezione e non obblighiamo nessuno a sottoporsi. Certo e\' che abbiamo un senso di responsabilita\' e dobbiamo dimostrarlo sempre, a maggior ragione quando ci e\' richiesto espressamente\'\'.

3- QUANDO ZACCAI PROPONEVA IL TEST ANTIDROGA PER AUTISTI DEI MEZZI PUBBLICI DOPO UN INCIDENTE MORTALE
Nicoletta Orlandi Posti per \"Libero - Roma\" del 24 dicembre 2008

PIEROPIERO MARRAZZO CAPELLI BIANCHI

Non solo gli autisti dei mezzi pubblici. Anche i politici dovrebbero sottoporsi ai test antidroga. La proposta arriva dal Pdl che sia in Comune che in Provincia propone un esame tossicologico per tutti i consiglieri. Dopo la morte di un anziano investito da un autista dell\'Atac che aveva assunto sostanze stupefacenti prima di mettersi alla guida del bus, il presidente della commissione capitolina ai trasporti, Antonello Aurigemma, si dice pronto a sottoporsi al test per dare il buon esempio. E spiega: \"A effettuare i narcotest non devono esser solo gli autisti, che svolgono un lavoro preziosissimo per la città anche, a volte, in condizioni limite, ma anche noi amministratori\".

marrazzomarrazzo gmt

Sulla stessa lunghezza d\'onda i consiglieri provinciali Zaccai, Panella e Lucarelli ed il vicecapogruppo del PdL Enrico Folgori. Che allarga la cerchia dei soggetti da coinvolgere anche agli amministratori di Palazzo Valentini. \"Auspico e invito a effettuare il test antidroga anche alla Provincia di Roma\", spiega Folgori, \"a cominciare dal presidente per finire sino all\'ultimo dei consiglieri\".

SILVIOSILVIO SIRCANA

4- LUXURIA GODE: NON SOLO SIRCANA E MARRAZZO, ANCHE A DESTRA VANNO A TRANS
(ANSA) -
\"Cade il teorema usato da simpatizzanti, direttori, politici e giornalisti del centrodestra, secondo cui quelli della sinistra come Marrazzo e Sircana vanno a trans e loro no\": cosi\' Vladimir Luxuria commenta la vicenda di Pierpaolo Zaccai, consigliere provinciale di Roma finito in ospedale dopo aver assunto cocaina.

\"Premetto gli auguri di pronta guarigione al consigliere provinciale Zaccai\" precisa Luxuria, che poi aggiunge: \"si e\' saputo che il consigliere provinciale della Pdl era in un festino a base di coca in compagnia di alcune trans in zona San Giovanni. Mi auguro solo che su di lui non si abbattera\' l\'accanimento morboso, distruttivo e ipocrita che ha gia\' visto in Marrazzo una vittima\".

2 - SOSPESO DAL PDL - GRIDAVA DISPERATO: \"AIUTO, AIUTO MI HANNO INCASTRATO\"
Corriere.it

Un consigliere Pdl della Provincia di Roma, Pier Paolo Zaccai è stato ricoverato alle tre di notte in stato confusionale all\'ospedale Grassi di Ostia dopo aver partecipato a un festino a base di cocaina e sesso, al quale erano presenti alcuni trans. L\'uomo, le cui condizioni di salute non destano preoccupazioni, ha lasciato l\'ospedale in tarda mattinata dopo aver rifiutato i test tossicologici.

Secondo quanto si apprende da fonti sanitarie, Zaccai ha riportato una contusione al ginocchio per la quale ha dichiarato di essere caduto dalle scale. «In attesa di comprendere meglio le dinamiche che hanno portato al ricovero in ospedale del consigliere provinciale del Pdl Pier Paolo Zaccai, riteniamo opportuno sospendere cautelativamente dal partito il consigliere in questione» ha dichiarato Vincenzo Piso, coordinatore regionale del Pdl del Lazio.

IL RACCONTO - A svelare il retroscena della serata sarebbe stato uno dei trans partecipanti al festino, che ha riferito l\'accaduto alle forze dell\'ordine. Il consigliere si sarebbe affacciato in uno stato confusionale dal balcone della casa nella quale si stava svolgendo il festino - sembra di proprietà del transessuale in via Manlio Torquato, nel quartiere Appio-Tuscolano - urlando frasi sconnesse e improvvisando un comizio.

ZaccaiZaccai

Intanto la Polizia del commissariato Appio sta indagando: un trans, probabilmente sudamericano, per il quale si sta valutando anche la regolarità della permanenza in Italia, è stato interrogato e anche il consigliere provinciale Pier Paolo Zaccai verrà ascoltato.

LA TESTIMONIANZA DELLO STUDENTE - «Sono stato svegliato intorno alle 6 dalle urla di un uomo affacciato dal balcone al primo piano del palazzo di fronte. Quel politico gridava disperato: \"Aiuto, aiuto mi hanno incastrato\". Ha svegliato tutto il vicinato». A parlare è Michele, studente fuori sede, che abita al palazzo di via Manlio Torquato in zona Appio dove il consigliere provinciale Pier Paolo Zaccai è stato soccorso.

«Indagavo sui trans e perciò mi hanno incastrato - farneticava il consigliere - poi quattro o cinque trans hanno preso pc e altri oggetti e sono scappati prima dell\'arrivo della polizia». Lungo le stradine limitrofe parecchi bar e negozi. Tra questi una lavanderia che alle 6 aveva appena aperto. «L\'ho sentito urlare disperato - ha raccontato la titolare - pensavo l\'avessero picchiato. Qui c\'é sempre un via vai di transessuali, almeno una ventina in zona, e di macchinoni di grossa cilindrata». Poi la donna, riferendosi al caso Marrazzo, dice: «Vabbè una volta per uno non fa male a nessuno».

 

 

 

Condividi questo articolo

politica