1- SE SI VOTA, E SOTTOLINEO \"SE\", L’ALLEANZA TRA BERLUSCONI E BOSSI CONQUISTEREBBE IL PREMIO DI MAGGIORANZA, IL 55% DEI SEGGI ALLA CAMERA DEI DEPUTATI - 2- L’UNICA ALTRA MAGGIORANZA NUMERICAMENTE POSSIBILE MA POLITICAMENTE ASSAI IMPROBABILE È QUELLA CHE SOMMA PD, SEL DI VENDOLA, IDV, UDC E FLINIANI: FAREBBE 51/52 PER CENTO. IN PURA TEORIA PERÒ PERCHÈ UNA SIMILE PROPOSTA ELETTORALE SAREBBE DESTINATA A PERDERE CONSENSI SULLA SINISTRA, QUELLI CHE NON VOTANO UN’ALLEANZA CON GIAN-ELISABETTO E PIERFURBY, E SULLA DESTRA, QUELLI DI FINI E CASINI CHE NON VOTANO UN’ALLEANZA CON VENDOLA E DI PIETRO. FACILE IPOTIZZARE CHE SE NE ANDREBBERO IN FUMO ALMENO UN DIECI PER CENTO DEI VOTI E SI TORNEREBBE AL PUNTO DI PARTENZA, ALL’ALLEANZA BERLUSCONI E BOSSI CHE ARRIVA “PRIMA” -

Condividi questo articolo


MarcoMarco Benedetto DIRETTORE DI BLITZ

Da \"blitzquotidiano.it\"

L\'umore, anzi il \"naso\" dei più dice: Pdl 28 per cento, Lega 12 per cento. Poi annusa il risultato complessivo dell\'alleanza Berlusconi-Bossi e \"lascia\" qualche \"etto\" di consenso in più sulla bilancia: 41 per cento a quella che oggi è la maggioranza di governo. Poi rivolge il suo fiuto alla, anzi alle opposizioni.

\"Sente\" il Pd al 25 per cento, la Sel di Vendola al 6 per cento, l\'Idv di Di Pietro all\'otto per cento. Farebbe in totale 39 per la sinistra comunque assemblata e mescolata, sia nella sua versione \"riformista\" che \"alternativa\" o \"giudiziaria\". E infatti solo il 23 per cento di chi azzarda un pronostico pone questa alleanza sopra il 40 per cento dei consensi.

A Fini e a Casini, a Fli e Udc attribuito un \"sentore\" rispettivamente del cinque e del sei per cento. Coincide con la previsione di un ipotetico \"centro\" collocato dai più sopra il 10 per cento complessivo dei voti. Per Grillo e le sue Cinque Stelle pronostico del tre per cento.

SILVIOSILVIO BERLUSCONI

Dunque, Berlusconi più Bossi al 41 per cento, magari qualcosa in più. Bersani più Vendola e Di Pietro al 40 per cento nella migliore delle ipotesi, magari qualcosa in meno. Il \"centro\" di Fini e Casini, qualora ci fosse e si presentasse come tale, intorno al 12 per cento. Tre per cento circa alla lista \"anti sistema\" di Grillo. Fa circa 95 per cento dei voti potenziali e il \"naso\" sembra aver tenuto conto anche dei voti che si distribuiscono su mini liste (ad esempio la Destra di Storace) o su liste locali (Val D\'Aosta, Trentino).

Sono le elezioni prossime venture, le elezioni \"percepite\", quelle che la gente \"sente\" sulla pelle indipendentemente dal dato ufficiale. Percepite, come accade per la temperatura o l\'inflazione. Percepite perchè il sondaggio di Blitz era appunto sulla percezione, su come le elezioni vengono \"sentite\". Non si chiedeva: cosa voterete. Si chiedeva: cosa pensate che voteranno gli italiani.

UMBERTOUMBERTO BOSSI ANNOIATO

E la risposta è stata chiara e abbastanza netta. Per nulla lontana da quella che danno i sondaggi che i partiti si palleggiano e soppesano tra le mani dopo averli commissionati e pagati un bel po\' di soldi. La risposta che viene dalle \"elezioni percepite\" è che, se si vota, il Pdl perde ma Berlusconi vince. L\'alleanza tra Berlusconi e Bossi è quella che conquisterebbe il premio di maggioranza, il 55 per cento dei seggi alla Camera dei deputati.

antonioantonio di pietro idv

L\'unica altra maggioranza numericamente possibile ma politicamente assai improbabile è quella che somma Pd, Sel, Idv, Udc e Fli: farebbe 51/52 per cento. In pura teoria però perchè una simile proposta elettorale sarebbe destinata a perdere consensi sulla sinistra, quelli che non votano un\'alleanza con Fini e Casini, e sulla destra, quelli di Fini e Casini che non votano un\'alleanza con Vendola e di Pietro. Facile ipotizzare che se ne andrebbero in fumo almeno un dieci per cento dei voti e si tornerebbe al punto di partenza, all\'alleanza Berlusconi e Bossi che arriva \"prima\".

grillogrillo

Appena meno impervio appare il tentativo di una maggioranza che somma Pd, Sel, Idv e Udc. In teoria il 44 circa per cento. Ma anche qui basta una piccola erosione di entusiasmo elettorale (i cattolici moderati che votano Udc e non se la sentono di votare i \"rossi\", il \"popolo\" dell\'astensione di sinistra che non corre a votare Casini) e si scende a quota 40 per cento.

CasiniCasini Fini

Certo, il \"naso\" che la domanda di Blitz ha messo e mosso in attività (circa duemila risposte) non è in grado di misurare a chi andrebbero i premi di maggioranza regionali in termini di seggi al Senato. Quindi non conferma e non smentisce la possibilità di elezioni \"pareggiate\": Berlusconi e Bossi con la maggioranza dei seggi alla Camera e senza maggioranza al Senato.

FRANCESCOFRANCESCO STORACE

Però il \"naso\" sente che nonostante tutto se si vota a primavera 2011 Berlusconi continua, in qualche modo continua. Forse più debole e quindi politicamente \"incattivito\", ma continua. Spinto perfino da elezioni siffatte più verso la presidenza della Repubblica che verso la presidenza del Consiglio. Con tutto quel che consegue in termini di revisione o autentico smontaggio della Costituzione.

NIKINIKI VENDOLA

Con insospettabile \"competenza\", il \"naso\" avverte lo stato di salute dei partiti. Malato il Pdl: il 45 per cento lo vede sotto il 28 per cento dei consensi, e solo il 5 per cento sopra il 34. Malatissimo il Pd: il 34 per cento lo vede sotto ilo 25 per cento dei consensi e solo ilo 10 per cento sopra il 29. In \"forma\" la Lega: l\'87 per cento la vede in crescita, il 13 per cento addirittura sopra il 14. In \"gamba\" anche l\'Idv: solo il 16 per cento la vede sotto il 5 per cento.

PIERLUIGIPIERLUIGI BERSANI

A vele spiegate la Sel: solo il 14 per cento la vede sotto il 3 per cento, il 45 per cento la colloca sopra il 5 per cento. Insomma Vendola e Di Pietro si prendono i voti di Bersani: questo il movimento \"percepito\". In accettabili, anzi buone condizioni il neonato partito di Fini e quello di Casini, il 77 per cento colloca Fli tra il 4 e il 6 per cento, il 60 per cento piazza l\'Udc tra il 5 e il sette. Incerta secondo il \"naso\" la sorte parlamentare della lista di Grillo: il 44 per cento la colloca intorno al quattro per cento, cioè intorno alla soglia dentro o fuori riguardo alla conquista di seggi.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO