''POTEVO FAR SALTARE IL VATICANO'' - LE BOMBE DI GOTTI TEDESCHI, EX PRESIDENTE DELLO IOR, ALLO SPECIALE DELLE ''IENE'' SU DAVID ROSSI: ''LA FONDAZIONE MPS AVEVA CONTI ALLO IOR? CREDO PROPRIO DI SÌ. SERVIVANO PER LE TANGENTI E I FONDI NERI. MA NESSUNO LO AMMETTERÀ MAI. LÀ DENTRO C'ERA TUTTO QUELLO CHE LEI NON PUÒ IMMAGINARE. IN UN SECONDO CAMBIAVANO LE INTESTAZIONI DI TUTTI I CONTI. LA CURIA VATICANA PUÒ COMMISSIONARE UN DELITTO? CI SONO PERSONE CHE NON MI MERAVIGLIEREBBE SE LO FACESSERO…'' - IL RUOLO (MINORE) DI MUSSARI, L'OPERAZIONE ANTONVENETA, E POI L'ESCORT DEI FESTINI

Condividi questo articolo

VIDEO - LA PARTE DELLO SPECIALE DELLE ''IENE'' CON GOTTI TEDESCHI

 

https://www.iene.mediaset.it/2019/news/david-rossi-mps-rivelazioni-vaticano-ettore-gotti-tedeschi-ior_353732.shtml

 

 

https://www.iene.mediaset.it/

 

Dopo la prima di presentazione, la seconda dedicata ai dubbi sulla caduta mortale, la terza a quelli sulle indagini, la quarta a una testimonianza fondamentale e la quinta al “caso escort”, siamo arrivati alla sesta e ultima parte dello Speciale Iene: “David Rossi: suicidio o omicidio?” che nel finale contiene rivelazioni veramente clamorose.

 

ETTORE GOTTI TEDESCHI IENE ETTORE GOTTI TEDESCHI IENE

Continuiamo intanto con la testimonianza dell’escort Stefano, iniziata nella quinta parte, che parla in particolare del suo dubbio che quei festini a base di sesso e droga fossero videoregistrati. Il che aumenterebbe il rischio di ricatto per gli esponenti di primo piano del mondo senese e nazionale che avrebbero partecipato.

 

Stefano accetta di incontrare anche Carolina Orlandi e gli dice di non aver mai visto il padre David Rossi ai festini. Antonino Monteleone va poi alla ricerca anche di una villa teatro di quelle feste.

 

Antonino Monteleone intervista anche la moglie di un uomo importante nelle istituzioni che sarebbe stato coinvolto nei festini e forse anche nelle indagini sulla morte di David Rossi.

 

Torniamo poi a inquadrare il caso nella crisi finanziaria in cui era coinvolta Mps quando è volato giù da una finestra della sede centrale della banca. Torniamo allora al biglietto con il nome di Ettore Gotti Tedeschi, ex presidente dello Ior, e il suo numero di cellulare trovati sulla sua scrivania quel giorno.

 

ETTORE GOTTI TEDESCHI IENE ETTORE GOTTI TEDESCHI IENE

Di viaggi frequenti a Roma per andare allo Ior di David Rossi avrebbe parlato anche un testimone misterioso a Luca Goracci, che ha seguito il caso per la famiglia. L’ex presidente di Mps Giuseppe Mussari cosa pensa del “caso Ior”? “È una bufala”.

 

Antonino Monteleone incontra a questo punto, in un lungo colloquio, Ettore Gotti Tedeschi, già presidente dello Ior e artefice dell'acquisto per conto del Banco Santander della Banca Antonveneta, che rivendette successivamente a Monte dei Paschi innescando ripercussioni negative a catena sulla banca senese.

 

ETTORE GOTTI TEDESCHI ETTORE GOTTI TEDESCHI

E proprio sull'acquisto di Banca Antonveneta da parte di Mps, che costò alla banca senese nove miliardi di euro (cui però vanno sommati i miliardi di debiti che la banca aveva in pancia), Gotti Tedeschi dice: "Mussari non voleva comprare l'Antonveneta. Della vendita se ne occupò Rothschild (la banca d'affari che curava per conto di Santander la vendita di Antonveneta, ndr). Mussari era entusiasta della fusione. Non dell'acquisto. Chi volle l'acquisto era la Fondazione". "Quindi Mussari ha subito la l'acquisto?", gli chiede Monteleone. "Questa è sempre stata la mia opinione", risponde il banchiere.

 

caso david rossi la iena antonino monteleone intervista escort 7 caso david rossi la iena antonino monteleone intervista escort 7

E la Iena gli chiede anche dei quattro conti correnti presso lo Ior che sarebbero stati aperti da uomini riconducibili alla Fondazione. Gotti Tedeschi risponde: "Credo che fosse vero. Chi si occupava di questi conti all'interno dello Ior era direttamente ***** della Fondazione. E naturalmente col presidente, ma mi tagliavano completamente fuori visto il mio ruolo con Santander nella vicenda Montepaschi. Quindi non sapevo assolutamente niente. E non ho mai visto Mussari venire in Vaticano. In realtà operava per conto di altri, diciamo per il sistema senese".

 

uomo misterioso guarda david rossi ore 20 e 11 uomo misterioso guarda david rossi ore 20 e 11

E perché la fondazione Mps potrebbe avere quattro conti correnti accesi presso lo Ior?", chiede Monteleone. "Sono tangenti, mi pare evidente", risponde il banchiere. "Se dice tangenti penso alla politica", lo incalza la Iena. "È evidente! Ma nessuno le confermerà l'esistenza di quei conti, perché lì c'era di tutto! Qua si tratta della Curia vaticana. Lì dentro c'era tutto quello che lei non può immaginare. C'erano delle persone che in un secondo cambiavano le intestazioni di tutti i conti. Un sistema che non permetteva a nessuno, se non alla Cupola, di risalire ai conti. È molto probabile quindi che quei conti ci fossero. Stavo per perdere la fede".

 

"Quando dice che la Curia vaticana le stava facendo perdere la fede...", gli fa eco Monteleone. "Anche La vita!", lo interrompe Gotti Tedeschi. "La Curia vaticana può commissionare un delitto secondo lei?". "Ci sono persone all'interno che non mi meraviglierebbe per niente se lo facessero. Dove c'è il bene c'è sempre il male. Nella Chiesa si perpetrano cose che non si dovrebbero neanche immaginare".

inchiesta delle iene su david rossi 4 inchiesta delle iene su david rossi 4 inchiesta delle iene su david rossi 1 inchiesta delle iene su david rossi 1 david rossi valigetta david rossi valigetta nicola marini monteleone nicola marini monteleone

 

Condividi questo articolo

politica

''MI SENTIVO INADEGUATO CON LE DONNE, VOLEVO SUICIDARMI''. MASSIMO TARTAGLIA, L'UOMO CHE LANCIÒ UN DUOMO IN FACCIA A BERLUSCONI: ''LUI AVEVA TUTTO, DONNE, SOLDI, POTERE, FAMA, E CHE IN CAMPAGNA ELETTORALE CI AVEVA DATO DEI COGLIONI. MA CON ME È STATO UN SIGNORE PERCHÉ… - STO SCRIVENDO UN LIBRO, INIZIATO CON UNA DONNA CONOSCIUTA SU MEETIC''. LA FIDANZATA RUSSA (SCAPPATA CON UN ALTRO), LA VITA A CASA COI GENITORI, E LA RIVELAZIONE: ''QUELLA CONTRO SILVIO FU LA SECONDA CAZZATA DELLA MIA VITA''