Altro che TAGEN-TOPA! LO schiaffo alL'INFOJATO è ARRIVATO DA OBAMA-MEDVEDEV - Potevano firmare L'accordo SUL DISARMO DOMANI a L'Aquila davanti aI GRANDI DEL G8 - MA SANNO BENE CHE Berlusconi in OGNI modo se ne sarebbe assunto la paternità - TIMES, EL PAIS, LE POINT: FICHE, FICHETTE E FICONI E GLI ITALIANI FANNO LA FIGURA DEI COGLIONI

Condividi questo articolo

DAGO-REPORT
Ecco il vero schiaffo al Cavaliere del Cialis! Altro che Noemi, altro che Patrizia D'Addario, altro che le festicciole a Villa Certosa. Obama atterra a Mosca, mentre tutti si chiedevano il perché andasse lì un giorno prima del G8 visto che il presidente russo Medvedev lo avrebbe poi incontrato a L'Aquila. E firma un trattato storico per il disarmo nucleare e lo smantellamento degli arsenali atomici di cui parla e parlerà tutto il mondo, pari forse solo all'accordo tra Reagan e Gorbaciov.

obama silvio medvedevobama silvio medvedev

Proprio poche ore fa lo stesso Medvedev, con riferimento al premier italiano, aveva avvisato sibillino in un'intervista che Usa e Russia non hanno bisogno di mediatori se si vogliono parlare, la stessa cosa che ripeteva la Casa Bianca da tempo con il nuovo corso di Obama.

Al Corriere della Sera che chiedeva al leader russo "Berlusconi può essere il mediatore giusto tra Russia e America?" Medvedev replicava glaciale: "Noi contiamo sul suo aiuto e sul suo sostegno di amico. Ma questo non vuol dire che comunichiamo con gli altri Paesi attraverso l'Italia e il capo del suo governo".

MEDVEDEV E OBAMAMEDVEDEV E OBAMA

Potevano firmare un accordo del genere a L'Aquila davanti a Berlusconi, che in qualche modo se ne sarebbe assunto la paternità. Potevano firmarlo a Roma, prima del G8, per ricordare Pratica di Mare.

Ma ecco invece la crudele soluzione delle diplomazie, scavalcare l'Italia sul tempo e fare tutto prima del G8, per ribadire al mondo che Russia e America si parlano e si accordano senza bisogno di intermediari autocanditati. Lo smacco diplomatico per Re Silvio, neppure lontanamente informato o citato dai due leader mondiali, è senza precedenti. E condotto a termine da Obama e Medvedev con rara perfidia, a poche ore dal summit mondiale abruzzese. Sono davvero finiti i tempi di Giorgino Bush...

Berlusconi e BushBerlusconi e Bush

2 - FICHE, FICHETTE E FICONI E GLI ITALIANI FANNO LA FIGURA DEI COGLIONI - TIMES, LE POINT, PARIS MATCH, EL PAIS: oggi i valori dell'Italia sono politica, sesso e denaro, Cos'ALTRO VI DANNEGGIA DI Più? - "APPRENDEte NOTIZIE DA TV CHE NON INFORMA"...
Elsa Muschella per il "Corriere della Sera"

Le foto. Se ci siano davvero oppure no, in giro per l'Europa e pronte a deflagrare all'alba di questo G8, nessuno lo dice. Il Sunday Times, però, è sicuro di quanto appena scritto sull'«intreccio lesbo che ha fatto ridere Silvio» e sul finto matrimonio celebrato tra i viali di Villa Certosa.

Berlusconi e BushBerlusconi e Bush

Perciò - nonostante la certezza del presidente del Consiglio su quegli scatti «frutto di manipolazione o di fotomontaggi digitali» e il comunicato di Palazzo Chigi contro l'«attacco concertato» e la «morbosa campagna di stampa» - il domenicale britannico tira dritto con la versione del suo corrispondente da Roma John Follain: «Io ho fatto tutte le verifiche possibili e ho ascoltato le mie fonti». Stop.

The Times, invece - testata diversa dal Sunday Times, ma medesimo editore: Rupert Murdoch - stamattina «alza il sipario» con un articolo sulle prospettive per il G8, si domanda se Coppito sia la sede giusta per un incontro tra i grandi e riserva un breve commento alla reazione di Berlusconi su ciò che è comparso sui giornali stranieri.

New York TimesNew York Times

Se poi si chiede un'opinione personale al corrispondente Richard Owen, il britannico rigore si trasforma in pragmatismo: «La spiegazione che offre Palazzo Chigi semplicemente non è vera. Io sono un giornalista della stampa estera ma non mi limito a riportare quello che scrivono i colleghi italiani. Per seguire le vicende del vostro premier sono stato a Napoli, i miei colleghi a Bari e a Porto Rotondo: qui al Times facciamo le nostre verifiche e sì, certo, leggiamo la stampa italiana ma non solo quella accusata di essere contraria al vostro esecutivo: nei miei articoli ho citato Il Giornale e Libero. E non ci vedo niente di male».

E se la nota di Palazzo Chigi citava espressamente il gruppo Murdoch, Owen ribatte che «l'attenzione alla vita privata di Berlusconi è puro interesse giornalistico avanzato anche dal Daily Mail, dal Daily Telegraph e dall'Observer, per non parlare del País o dei giornali di Francia e Germania: il vero problema è che l'Italia non è abituata al giornalismo anglosassone ed europeo. E, soprattutto, che la maggior parte di voi apprende le notizie non dai giornali ma da una tv che non informa».

Incontro Obama MedvedevIncontro Obama Medvedev

A Parigi, più che delle fotografie preferiscono parlare del Cavaliere e del suo ruolo sulla scena internazionale. Se il progressista Le Monde avesse avuto gli scatti in questione la scelta editoriale sarebbe stata rapidissima: «Non è il genere di immagini che pubblichiamo - spiega il corrispondente Philippe Ridet -. Il punto però è un altro: Berlusconi ha detto tutto e il contrario di tutto. Non si può avere fiducia nelle sue giustificazioni».

Sul fronte conservatore, il settimanale di destra Le Point sta preparando per giovedì un lungo servizio sul Cavaliere a cura del corrispondente Dominique Dunglas, che si è concentrato «sulla personalità di Berlusconi per cercare di spiegare ai nostri lettori, che sono al corrente di vicende ormai pubbliche, come un uomo della sua età ami circondarsi da ragazze.

conferenza stampa obama medvededconferenza stampa obama medveded

Gli scatti di Zappadu? Se sono rilevanti si pubblicano senza se e senza ma. Quelli che pubblicò Oggi nel 2007, ad esempio, lo erano eccome: dimostravano una complicità collettiva sconcertante». Giovedì sarà nelle edicole francesi anche una lunga intervista a Patrizia D'Addario su Paris Match, a firma François de Labarre.

Infine, «Berlusconi sotto il fuoco delle polemiche aspetta i leader mondiali» è il tema che oggi affronta El País con la penna di Miguel Mora, che al Corriere dice: «Nessuno esprime un giudizio personale su cosa fa Berlusconi a casa sua, quello che per me è assolutamente rilevante è la non coerenza tra le sue proposte politiche e la sua vita privata. Lui rappresenta l'Italia davanti al G8 e al mondo intero e oggi i valori dell'Italia sono politica, sesso e denaro: se tutto questo non danneggia l'immagine del vostro Paese, cos'altro?».

 

 

Condividi questo articolo

politica

“MIA MADRE FA LA REGISTA, MA NON È SPIELBERG” – CALENDA FA FINTA DI ESSERE UN CANDIDATO DEL POPOLO: “SONO NATO E VISSUTO NEL QUARTIERE AFRICANO, NON AI PARIOLI, NON VENGO DA UNA FAMIGLIA RICCA COME SI PENSA” – “A UN RAGAZZO DELLA PERIFERIA DIREI CHE SERVE AVER STUDIATO E LAVORATO: MI RENDO CONTO CHE FORSE QUEL RAGAZZO PENSA GLI SIA PIÙ VICINO UNO CHE HA VENDUTO LE BIBITE AL SAN PAOLO, MA POI…” – VIDEO: QUANDO DICEVA “SAREI UN CIALTRONE SE MI CANDIDASSI A ROMA”