Attentato bluff?? - mentre Maroni prevede \"nuovi episodi\", Repubblica e Il Fatto mettono in circolo dubbi pesanti sulla ricostruzione della notte pistolera di casa Belpietro - Il giallo della fuga: nessuno ha visto nulla, neanche le telecamere - La ricorrenza del caposcorta. Il poliziotto, unico testimone, nel ’95 sventò un attentato simile al giudice D’Ambrosio: l’attentatore non fu mai preso, l’agente fu promosso - D’Ambrosio: “Mi sembrò strano quell’attentato, sinceramente non ci ho mai creduto molto”…

Condividi questo articolo


1- PER IL CAPOSCORTA LA STORIA SI RIPETE: EPISODIO SIMILE AL 1995, LE INDAGINI NON PORTARONO A NULLA, L\'AGENTE FU PROMOSSO
Carlo Bonini per \"La Repubblica\"

BelpietroBelpietro + Rubina Affronte lancia il fumogeno a Bonanni

C\'è una ricorrenza nella storia di Milano. Il nome del suo protagonista. L\'assistente di pubblica sicurezza A. M., 44 anni, da 8 caposcorta di Maurizio Belpietro. E il poliziotto unico testimone, al momento, di quanto accaduto nella tromba delle scale del condominio di via Monte di Pietà.

IDENTIKITIDENTIKIT aggressore Belpietro

È lo stesso poliziotto - conferma a \"Repubblica\" il Dipartimento della Pubblica sicurezza - che la mattina del 14 aprile 1995, sempre a Milano, anche allora in qualità di agente addetto al servizio scorte, mette in fuga un solitario e mai rintracciato «uomo armato di carabina» che - come lo stesso A. M. racconterà - aspetta che l\'allora procuratore aggiunto Gerardo D\'Ambrosio esca di casa «per ucciderlo».

La rilevanza o meno di questa «ricorrenza» (per altro già da ieri mattina acquisita agli atti dell\'indagine della Procura di Milano e segnalata dalla questura di Milano all\'attenzione dei vertici del Dipartimento di Pubblica sicurezza a Roma) la stabiliranno evidentemente le indagini. È un fatto che, per come vengono riferite, la meccanica di quanto accaduto quel 4aprile 1995 e la sequenza degli eventi in via Monte di Pietà presentano significative somiglianze.

BelpietroBelpietro

Cambia l\'obiettivo (D\'Ambrosio ieri, Belpietro oggi) e l\'arma (allora un fucile, oggi una pistola), ma la scena si presenta identica. A. M. fronteggia da solo un uomo armato che riesce a mettere in fuga. Conviene dunque tornare a quel giorno di 15 anni fa e riproporre ciò che accadde per come ne riferì - proprio a \"Repubblica\" nell\'edizione del 19 aprile 1995 - lo stesso A. M. L\'uomo, allora, ha 29 anni e il grado di agente semplice e, da soli 3 mesi, è stato aggregato alla scorta di Gerardo D\'Ambrosio.

BelpietroBelpietro

Alle 9 del mattino del 14 aprile piove, e A. M., come ogni giorno, raggiunge su una Croma blindata con autista l\'abitazione del magistrato, un portone che affaccia in una via stretta, per raggiungere il quale si percorrono a piedi 20 metri limitati da una cancellata che protegge il giardino di una scuola materna comunale.

Racconta A. M. a \"Repubblica\": «Percorro da solo il vialetto, citofono al dottor D\'Ambrosio e gli dico che siamo arrivati. Quindi, vedo un tizio con l\'impermeabile nel cortile dell\'asilo. Prima penso: \"Ecco un altro fesso come me che sta qui a prendere l\'acqua\". Poi mi dico, ma se l\'asilo è chiuso per le vacanze di Pasqua, che ci sta a fare? Allora ho impugnato la pistola e mi sono detto: \"Adesso vado a vedere chi è questo\". A quel punto, ho visto quell\'uomo che si chinava per raccogliere un fucile. Non so quale tipo di fucile, ma certamente un fucile. Forse un sovrapposto, forse una carabina.

MaurizioMaurizio Belpietro DSC BelpietroBelpietro

Gli ho gridato qualcosa del tipo \"fermo polizia\". Lui si è messo a correre. Ha girato l\'angolo dell\'asilo e io a quel punto ho preso il giro largo per evitare che mi sparasse nella pancia. È la prima cosa che ci insegnano al corso. Se uno svolta, non metterci subito dietro la faccia, perché lì ci può essere una pistola che ti aspetta. Invece, quando è rientrato nel mio campo visivo era già oltre un cancello e stava saltando su una moto su cui lo attendeva un complice».

A. M. verrà promosso per aver sventato l\'attentato da agente semplice ad agente scelto.

2- D\'AMBROSIO E LO \"STRANO\" ATTENTATO DEL 1995
Scrive Davide Vecchi per \"Il Fatto Quotidiano\": Il giudice D\'Ambrosio, oggi senatore del Pd, lo ricorda come \"uno che prendeva il suo lavoro molto sul serio. Mi sembrò strano quell\'attentato, in una terribile giornata di pioggia. Sinceramente non ci ho mai creduto molto\".

ROBERTOROBERTO MARONI

3- MARONI, TEMO CHE QUESTO EPISODIO NON SIA L\'ULTIMO
(ASCA) -
\'Sono preoccupato per questo clima: Purtroppo non e\' il primo episodio e temo non sara\' l\'ultimo\'. Lo ha affermato il ministro dell\'Interno, Roberto Maroni, in riferimento allo sventato attentato a Maurizio Belpietro.

Maroni, a Varese, parlando a Sky Tg24 ha aggiunto che e\' necessario \'abbassare i toni delle polemiche politiche perche\' certe accuse, che si leggono magari su alcuni siti internet, possono dare a qualche mente malata lo spunto per fare queste cose\'.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - SOLO CON UN ACCORDO SUL DOPO-DRAGHI A PALAZZO CHIGI, POTRÀ SCATTARE IL SEMAFORO VERDE PER DRAGHI SUL COLLE. ED È L’UNICO MODO PER CONVINCERE SALVINI -  DOPODICHÉ BISOGNA ACCORDARSI CON BERLUSCONI PERCHÉ IL PD NON PUÒ TROVARE UN’INTESA SUL QUIRINALE SOLO CON LA DESTRA DELLA LEGA SENZA IL CENTRO DI FORZA ITALIA - IL PREMIER DEL DOPO-DRAGHI DEVE ESSERE UN POLITICO AL DI SOPRA DELLE PARTI MA UN DRAGHI 2 NON C’È. I COLAO STANNO ALLA POLITICA COME ROCCO SIFFREDI ALLA FILOSOFIA - IL BANANA VUOLE CONTRATTARE CON SALVINI E MELONI LA PERSONA DA PROPORRE. AL MOMENTO, LA PRIMA SCELTA È IL LEGGENDARIO MATTARELLA BIS, A SEGUIRE CASINI CHE È PERÒ MALVISTO DA GIORGIA E MATTEO POICHÉ PIERFURBY È IN PARLAMENTO CON I VOTI DEL PD...

IL VOTO PER IL QUIRINALE È L’ENNESIMA OCCASIONE PERDUTA PER I PARTITI – GALLI DELLA LOGGIA E LE TRAME SOTTOBANCO PER ELEGGERE IL CAPO DELLO STATO: “PUÒ UNA DEMOCRAZIA FUNZIONARE IN QUESTO MODO? PUÒ IN UNO DEI MOMENTI PIÙ CRUCIALI DELLA VITA PUBBLICA SCEGLIERE IL SILENZIO ELUSIVO, LE ALLUSIONI, LE STRIZZATE D'OCCHIO, I MESSAGGI INDIRETTI?” – M. FELTRI: “ALLO STATO ABBIAMO UN PIANO A, ALMENO CINQUE PIANI B, FORSE QUATTRO PIANI C, IN ARRIVO È IL PIANO D E DITEMI VOI SE QUESTO NON È UN FIOR DI RETROSCENA”