BUY OR SELL? - LA POLITICA IN ITALIA, SI SA, È LA QUINTESSENZA DELLA TRASVERSALITÀ, PER CUI LE GRANDI BANCHE INTERNAZIONALI HANNO COMMISSIONATO SONDAGGI UN GIORNO SÌ E L’ALTRO PURE. VOGLIONO CAPIRE IN ANTICIPO COME FINIRÀ PER MUOVERSI SU ACQUISTO O VENDITA DEI TITOLI ITALIANI. UNA VITTORIA NETTA DEL CENTRODESTRA, E LO SI CAPIRÀ STANOTTE DALLE PROIEZIONI DEI VOTI AL SENATO, E LA PAROLA SARÀ “SELL”, VENDERE. DOMANI MATTINA NE VEDREMO DELLE BELLE…

-

Condividi questo articolo


goldman sachs goldman sachs

DAGOREPORT

La politica in Italia, si sa, è la quintessenza della trasversalità, per cui le grandi banche internazionali, tra cui primeggia la Goldman Sachs, la società leader che opera a livello mondiale nell'investment banking, nel trading di titoli e nella gestione di investimenti, non ci capiscono un tubo e hanno commissionato sondaggi un giorno sì e l’altro pure. 

 

I poteri forti finanziari vogliono capire in anticipo come finirà per muoversi su acquisto o vendita dei titoli italiani. Una vittoria netta del centrodestra, e lo si capirà stanotte dalle proiezioni dei voti al Senato, e la parola sarà “sell”, vendere. Domani mattina ne vedremo delle belle…

 

GRANDE FINANZA ALLA FINESTRA MA NESSUNO EVOCA L'APOCALISSE

Marcello Astorri per “il Giornale”

ITALIA CROLLO BORSA TEMPESTA PERFETTA IN ARRIVO ITALIA CROLLO BORSA TEMPESTA PERFETTA IN ARRIVO

 

Forse si tratta solo della quiete prima della tempesta, ma per il momento è tranquilla l'atmosfera che si percepisce ai piani alti della finanza italiana e internazionale. Chi si aspettava report di fuoco da parte di banche e società d'investimento, con prospettive apocalittiche in caso di vittoria del centrodestra, probabilmente è rimasto deluso. Qualche voce preoccupata è emersa, ma è tutt' altro che un fuoco di fila compatto.

 

In questa fase, a prevalere è l'equilibrio e diversi grandi istituti, come Intesa Sanpaolo, preferiscono non pubblicare niente fino ai risultati della tornata elettorale e poi valutare eventualmente un commento post voto, in particolare se si rivelasse una situazione netta.

 

CARLO MESSINA CARLO MESSINA

L'altra grande banca italiana, Unicredit, ha elaborato alcuni documenti con il bilancino: in uno dei più recenti, si limita a notare come gli ultimi sondaggi sembrino premiare la coalizione di centrodestra che dovrebbe conquistare la maggioranza assoluta dei seggi. E se così fosse, il nuovo governo potrebbe essere pienamente in carica già all'inizio di novembre. Niente commenti angosciati, quindi. Solo una fotografia degli scenari più probabili.

 

Mantiene il profilo istituzionale anche Mediobanca. Così come Deutsche Bank preferisce non esporsi divulgando i documenti interni sugli scenari politici. Si è sbilanciato un po' di più, invece, il centro studi di Allianz.

 

Andrea Orcel Andrea Orcel

In un report del 9 settembre, riferendosi alla coalizione tra Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia sottolinea come i loro impegni elettorali si concentrino «su costose spese fiscali, che potrebbero mettere alla prova le finanze pubbliche» e mette in guardia il possibile nuovo governo dal non «tornare indietro» alla dissolutezza fiscale pre-Draghi.

 

Pur notando come, in realtà, «l'allargamento dello spread sovrano tra Btp e Bund tedesco rifletta principalmente l'aumento generale dei tassi d'interesse» piuttosto che un rischio politico legato all'Italia.

 

Alberto Nagel Alberto Nagel

«Spero che i primi avvertimenti che abbiamo già visto (da parte delle agenzie di rating) non siano forieri di qualcosa di negativo per il rating sovrano, in quanto sarebbe un vero problema per chiunque guidi il paese», ha dichiarato a Reuters Alessandro Tentori, chief investment officer di Axa Investment Managers Italia. 

SALVINI BERLUSCONI MELONI LUPI SALVINI BERLUSCONI MELONI LUPI

 

L'agenzia europea Scope Ratings tuttavia sostiene, come riporta Bloomberg, che l'Italia a prescindere da quale sarà il nuovo governo «non si scosterà dalla strada delle riforme» e per questo supporta il suo rating di "BBB+" con un outlook "stabile". Anche perché, aggiungono gli analisti, ogni governo italiano avrà comunque margini ristretti di manovra. 

 

Se infatti l'Istat ha rivisto al rialzo il Pil al +6,7% per il 2021, nel 2022 la crescita dovrebbe fermarsi al 3,3%. E il prossimo anno dovrebbe frenare nettamente sotto all'1% con rischi crescenti di recessione.

 

PINO INSEGNO MELONI PINO INSEGNO MELONI

Piuttosto tranquillo anche Kevin Thozet, membro dell'investment committee della casa d'investimenti francese Carmignac. In riferimento a un possibile governo guidato da Giorgia Meloni, l'esperto ha sottolineato come quest' ultima abbia mitigato i toni nella campagna elettorale. E, per capire la portata della sua agenda politica, molto «dipenderà da quali saranno i ministri eletti e dalla loro provenienza, dall'establishment politico italiano o da una base euroscettica». 

 

Per Carmignac, semmai, può costituire un problema per i mercati finanziari se alla coalizione per avere la maggioranza non fosse necessario l'apporto di un partito consolidato come Forza Italia.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

“MARIE THERESE MUKATSINDO AVEVA TRASFORMATO SE STESSA IN UNA SPECIE DI WANNA MARCHI DELL’ACCOGLIENZA” – “LA VERITÀ”: “LA KARIBU NON SAREBBE STATA UNA COOPERATIVA, MA UNA DITTA A CONDUZIONE FAMIGLIARE O AL MASSIMO UN'ASSOCIAZIONE. CHE NEL GIRO DI POCHI ANNI AVREBBE GESTITO PIÙ DI 60 MILIONI DI EURO DI FONDI PER L'ACCOGLIENZA. UN FIUME DI DENARO EROGATO SENZA CHE NESSUNO SI ACCORGESSE DELLA REALE NATURA DELLE DUE COOP. UNA PICCOLA HOLDING CHE HA POTUTO NON PAGARE OLTRE 1 MILIONI DI EURO DI TASSE E PIÙ DI 100.000 EURO DI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI” – LO STIPENDIO DA 4.500 EURO E LETTERE CHE SMENTISCONO LA MOGLIE DI SOUMAHORO

RENZI VUOLE ALLA VIGILANZA RAI LA BOSCHI. E “IL FATTO QUOTIDIANO” LO UCCELLA ‘’PER I RAPPORTI DI AFFARI CON LUCIO PRESTA. OSSIA L'AGENTE DEI VIP ACCREDITATO DI FARE IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO IN RAI (E PERSINO I PALINSESTI) E INDAGATO ASSIEME A RENZI PER "RAPPORTI CONTRATTUALI FITTIZI" DIETRO I QUALI SI NASCONDEREBBE UN PRESUNTO FINANZIAMENTO ALLA POLITICA. TRA I CONTRATTI FIRMATI CON RENZI, QUELLO PER LA REALIZZAZIONE DEL DOCUMENTARIO "FIRENZE SECONDO ME" PER IL QUALE RENZI HA INCASSATO CIRCA 450 MILA EURO, ANDATO IN ONDA SU DISCOVERY LE CUI RIPRESE ERANO INIZIATE QUANDO ANCORA IL NETWORK ERA DIRETTO DA MARINELLA SOLDI, ORA PRESIDENTE DELLA RAI…