CARIGE, LA SPUTTANESCION GRILLINA - GIAN ANTONIO STELLA: “IL 10 DICEMBRE 2015 ALESSANDRO DI BATTISTA, NELLA SCIA DEL SUICIDIO DI UN POVERETTO, TUONÒ: “SALVANO LE BANCHE CON I SOLDI DELLA POVERA GENTE. FA PARTE DELLA TRASFORMAZIONE IN "DEMOCRAZIA BANCARIA" CHE STIAMO SUBENDO” - MICHELE SERRA: “IL SALVATAGGIO DI UNA BANCA CON DENARI PUBBLICI, SE LO FACCIO IO, È UNA MISURA A SOSTEGNO DEI RISPARMIATORI. SE LO FAI TU, È UN VERGOGNOSO CEDIMENTO AL CAPITALE”

-

Condividi questo articolo

1 - BANCHE DA SALVARE E ACCUSE DIMENTICATE

Gian Antonio Stella per il “Corriere della Sera”

 

GIAN ANTONIO STELLA GIAN ANTONIO STELLA

«S' affondano le mani nelle casse - crak! / si trovano sacchetti pieni d' oro - crak! / e per governare, come fare? / Rubar, rubar, rubar, sempre rubare!». Ulisse Barbieri, il commediografo mantovano che nel 1896 scrisse «Il crak delle banche», una canzone che irrideva con feroce allegria al rapporto tra i politici e i banchieri, già allora odiatissimi dal popolino, si sarebbe divertito a vedere il governo gialloverde costretto, per evitare un disastro ai risparmiatori di Carige, a varare uno di quei salvataggi bancari sui quali per anni aveva maramaldeggiato su chi stava al governo allora. Chiaro: sia benvenuto il realismo. Meglio tardi che mai.

 

Ma senza dimenticare gli errori, le complicità e le schifezze su questi temi che contribuirono a rovinare tanta gente, è interessante leggere oggi sul Foglio che il Consiglio dei ministri che ha lanciato un salvagente all' istituto di credito genovese è durato otto minuti, un terzo del tempo impiegato da altri governi, secondo l' allora indignato Gigi Di Maio, per fare operazioni simili.

 

alessandro di battista e luigi di maio sulle piste di moena 1 alessandro di battista e luigi di maio sulle piste di moena 1

Per non dire di certe sparate. Come quella del 10 dicembre 2015 quando Alessandro Di Battista, nella scia del suicidio di un poveretto, tuonò: «Ho il voltastomaco. Salvano le banche con i soldi della povera gente. L'hanno sempre fatto. Fa parte della trasformazione in "democrazia bancaria" che stiamo subendo da anni. Un pensionato si è ucciso dopo aver perso i risparmi nel salvataggio di Banca Etruria. Oggi diranno che chi lo ricorda è uno sciacallo. Per me gli sciacalli, quelli veri, stanno in Parlamento! L'Italia è diventata una Repubblica fondata sulla banche, non sul lavoro. Le banche finanziano i giornali, a volte ne detengono una quota di proprietà. Le banche finanziano la politica e in cambio ricevono i famosi decreti salvabanche».

 

Una accusa non nuova. Mesi prima, il 22 aprile, dopo il naufragio nel Canale di Sicilia di una carretta del mare carica di 800 migranti, aveva preso a pesci in faccia alla Camera Matteo Renzi, reo di aver «sciorinato un maremoto di luoghi comuni», dicendogli in aula: «La verità è che se gli italiani che si impiccano, gli africani che fuggono, i pensionati che rovistano nella mondezza o gli studenti che lasciano l' Italia non fossero persone ma banche, li avreste già salvati».

 

CARIGE CARIGE

2 - L’AMACA

Michele Serra per “la Repubblica”

 

Già lo si sapeva da prima, che il salvataggio di una banca con denari pubblici, se lo faccio io, è una misura a sostegno dei risparmiatori. Se lo fai tu, è un vergognoso cedimento al Capitale. Già lo si sapeva da prima perché la politica italiana è nella sua fase pavloviana, se suona il campanello dei miei amici applaudo, se suona il campanello dei miei nemici fischio. Ogni gesto e ogni parola sono il riflesso meccanico del gesto e della parola che l'hanno preceduto.

 

Tutto è leggibile in anticipo, prima ancora che le cose vengano dette, ed è per questo che le parole sembrano così vuote, così poco interessanti. Che cosa volete che dica, Di Maio, facendo più o meno l' identica cosa che fece Renzi: che ringrazia «i governi precedenti» per avergli dato una buona idea? Manco morto. E che cosa volete che dicano, «i governi precedenti», che Di Maio ha fatto la cosa giusta, ovvero più o meno la stessa cosa fatta da loro? Ma figuriamoci.

michele serra (2) michele serra (2)

 

L'epoca delle tifoserie è una specie di caricatura al ribasso, molto al ribasso, dell' epoca delle ideologie. Non deve meravigliare che il ministro dell'Interno, nonché il politico più popolare d'Italia, abbia i modi e il linguaggio di un capobranco: è la conseguenza logica della riduzione della politica a una faida tra branchi rivali. Noi sessantenni cresciuti nella rigidità ideologica si sperava, perduta la partita, di assistere al trionfo delle sfumature.

Errore. I quarantenni che ci hanno (giustamente) spodestato sono molto più rigidi di noi. Se vedono una sfumatura, mettono mano alla pistola.

 

Condividi questo articolo

politica

NEL SUO INTERVENTO AL SENATO, GIUSEPPE CONTE PRENDE A SGANASSONI MATTEO SALVINI E ANNUNCIA LE DIMISSIONI - DAI SILENZI SUL RUSSIAGATE ALLA “SCARSA RESPONSABILITA’ ISTITUZIONALE” FINO ALL’USO STRUMENTALE DEI SIMBOLI RELIGIOSI NEI COMIZI, IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO MOLLA CEFFONI - “LA DECISIONE DI INNESCARE LA CRISI È IRRESPONSABILE. È STATA ANNUNCIATA SUBITO DOPO AVER INCASSATO LA FIDUCIA SUL DL SICUREZZA BIS, CON UNA COINCIDENZA CHE SUGGERISCE OPPORTUNISMO POLITICO. SOLLECITARE I CITTADINI A VOTARE OGNI ANNO È IRRESPONSABILE” - CONTE CHIUDE TOTALMENTE ALL’ALLEANZA CON LA LEGA: "L'AZIONE DI GOVERNO QUI SI ARRESTA" E APRE, TRA LE RIGHE, AL PD... – VIDEO