I CASINI CINGUETTATI DI TWITTER PIERCIP: BANALITÀ A RAFFICA E I SUOI S’INCAZZANO – LA BOUTADOPOLI DEL SOLLEONE! VOLANO COME STRACCI LE PROPOSTE PADANE SU PROF E BANDIERE? SEMPRE E SOLO “BOUTADES” PER BOCCHINO, RONCHI E FINI…

Condividi questo articolo


1 - I CASINI DI PIERFERDINANDO IN RETE: BANALITÀ A RAFFICA E I SUOI S'INCAZZANO
Non sono in molti i politici italiani che usano Twitter, il microblog andato in palla qualche giorno fa per un attacco informatico di origine russa. Poi ti leggi i commenti ai cinguettii che quotidianamente emette Pierfurby Casini, e capisci perché. Lo scorso 7 agosto, ispirato, Piercip solenne annunciava: "Acqua azzurra, acqua chiara". "Oddio, ha sbarellato", gli ha fatto subito eco Daniel.

casini nudocasini nudo

Tre giorni prima, il 4 agosto filosofeggiava: "Viviamo in un'epoca in cui il superfluo è la nostra unica necessità". Implacabile Marcello del Bono gli risponde: "Bisognerebbe spiegarlo ai 3 milioni di italiani che vivono in povertà assoluta". Il giorno dopo Casini ironizza, con un pensierino a Silvio Berlusconi: "Certo che la fortuna esiste. Se no come potremmo spiegare il successo degli altri?". "Maremma brunetta toglietegli la connessione", si spazientisce Rael, mentre Woland commenta: "Questa te la diceva Forlani?".

PIERFERDINANDO CASINI CON FRANCESCO GAETANO E AZZURRA CALTAGIRONE - copyright PizziPIERFERDINANDO CASINI CON FRANCESCO GAETANO E AZZURRA CALTAGIRONE - copyright Pizzi

Non contento Piercip, carica video sulla fuga dei cervelli da Is Molas in Sardegna e insiste con le massime: "E' primo canone dell'arte politica essere franco e fuggire dall'infingimento, promettere poco e mantenere quel che si è promesso". "Questa è surreale", chiosa Roberto Orsini. Per bak, invece, "ha chiaramente bevuto".

2 - BOUTADOPOLI! LE PROPOSTE PADANE SU PROF E BANDIERE? SEMPRE E SOLO "BOUTADES" PER BOCCHINO, RONCHI E FINI ...
Nell'estate di sputtanopoli e della mignottocrazia, il termometro delle tensioni interne alla maggioranza è una parolina di origine francese, "boutade". Usata ed abusata, in particolare dagli ex-Alleanza Nazionale per circoscrivere e minimizzare le cannonate della Lega sul quartier generale. L'esame di dialetto per i docenti, proposto dal partito di Umberto Bossi? "Mi sembra una boutade", si spazientiva a fine luglio Italo Bocchino, raddoppiato dal ministro per l'attuazione del programma di governo, Gianfranco Rotondi ("Una boutade estiva").

fini bossifini bossicasini nudo02casini nudo02

Inizia agosto e il Partito del Sud, che agita il PdL, diventa per un altro ministro, Andrea Ronchi "una boutade giornalistica". Il 5 agosto tocca alla proposta leghista sul tricolore e le bandiere regionali: "Una boutade agostana", la liquida di nuovo Bocchino.

Il giorno dopo è ancora Ronchi: "Io la prendo come una boutade, su certi temi non si scherza". Passano 24 ore e ancora Bocchino fa un richiamino: "Che sia una boutade lo sa anche la Lega". Come se non bastasse, il presidente della Camera Gianfranco Fini l'8 agosto vola a Marcinelle e delle bandiere della Lega, che dice? "Non vale la pena di rispondere, si tratta soltanto di una boutade estiva ..."

 

 

Condividi questo articolo

politica

“SE CONTE DECIDESSE DI FARE POLITICA E LASCIASSE IL GOVERNO DRAGHI, SAREI DISPOSTO A DARE UNA MANO” – BOOM! MICHELE SANTORO È PRONTO A SCENDERE (DI NUOVO) IN POLITICA AL FIANCO DI “GIUSEPPI”, MA SOLO SE SI STACCA DA “MARIOPIO” E DAL PD: “IN ITALIA MANCA LA SINISTRA, E NON È UN MISTERO, MA SI PUÒ RICOSTRUIRE UN'OFFERTA PLITICA INTORNO ALLA QUESTIONE DELLA GUERRA" - "SE LA LOGICA È QUELLA DI CASALINO, UNA ‘CASETTA NUOVA’ PER LA ‘MERCANZIA VECCHIA’, NON CI CASCA NESSUNO. NIENTE STAMPELLE AL PD. IO CI CREDO. CONTE È ARRIVATO IN POLITICA PER GENTILE CONCESSIONE, MA NON CI PUÒ RESTARE A LUNGO. O LA FA, LA POLITICA, O NON ESISTERÀ PIÙ”

“SIAMO SICURI CHE UN PO’ DI PUTIN NON CI SERVIREBBE” – MATTIA FELTRI PROVA A RICAPITOLARE I PUNTI SALIENTI DELLO PSICODRAMMA CONTE-GRILLO-TRAVAGLIO: “PARE CHE DRAGHI ABBIA CALDEGGIATO LA RIMOZIONE DI GIUSEPPE CONTE. PARE, PERCHÉ DRAGHI NEGA. A CONFERMARE SONO LO STESSO CONTE E UNA SETTANTINA DI PARLAMENTARI E AMICI” – “IL PREMIER DECIDE DI AFFRETTARE IL RITORNO A ROMA DA MADRID. CONTE ANNUNCIA IL DRAMMATICO FACCIA A FACCIA: CI VEDIAMO OGGI. DRAGHI HA UN'IDEA DIVERSA: NON NE SO NULLA. SERVE ALMENO UN'ALTRA…”