DAGO-BOMBA! E SE LA SOLUZIONE PER AUTOSTRADE FOSSE LO SPEZZATINO? MENTRE GIANNI MION E I VERTICI DI ATLANTIA SONO IN CONCLAVE E STUDIANO LA PROPOSTA DEFINITIVA DA PRESENTARE AL GOVERNO PER EVITARE LA REVOCA, SI FA STRADA L’IDEA CHE OLTRE A SCENDERE SOTTO LA MAGGIORANZA ASSOLUTA NEL CONTROLLO DI ASPI, LA CONCESSIONE POSSA ESSERE “ASCIUGATA” CEDENDONE PEZZI AD ALTRI OPERATORI. PER ESEMPIO AL GRUPPO TOTO, CHE GIÀ GESTISCE LA STRADA DEI PARCHI, POTREBBE ANDARE LA DORSALE ADRIATICA…

-

Condividi questo articolo

GIANNI MION 1 GIANNI MION 1

Dagonews

 

E se la soluzione fosse lo spezzatino? Mentre Gianni Mion, uomo della famiglia Benetton, e i vertici di Atlantia sono in conclave per preparare la proposta definitiva da presentare al Governo per evitare che passi la revoca – ora anche Fico nei 5stelle si è pronunciato per garrotare i Benetton – si fa strada l’idea che oltre a scendere sotto la maggioranza assoluta nel controllo di Aspi (si parla di Atlantia al 30%, con il 70% in mano a Cdp e F2i) la concessione possa essere asciugata cedendone pezzi ad altri operatori.

 

carlo toto carlo toto

Per esempio, al gruppo Toto, che è concessionario di Strada dei Parchi (la Roma-L’Aquila-Pescara), cui potrebbe essere ceduta la dorsale adriatica – che appunto si ricollegherebbe a Pescara – che per fatturato e kilometraggio è circa un quarto del totale di Aspi. E quella di Ancona potrebbe non essere la sola tratta cedibile.

 

conte di maio conte di maio

Questo doppio dimagrimento dei Benetton, cessione della maggioranza di Aspi e cessione di pezzi della concessione, piace sia al Pd, con la sola eccezione dell’ineffabile ministra De Micheli, che fin dall’inizio del suo mandato ha tifato per i trevigiani, sia ai più moderati dei 5stelle, da Di Maio a Fraccaro. Anche perché eviterebbe incursioni di fondi stranieri, tipo l’australiano Macquarie, rappresentato in Italia dall’ex presidente di Telecom Fulvio Conti, gia minacciosamente attivo sul dossier Open Fiber-Tim.

LA LETTERA DI PAOLA DE MICHELI A GIUSEPPE CONTE E BUCCI SUL PONTE DI GENOVA LA LETTERA DI PAOLA DE MICHELI A GIUSEPPE CONTE E BUCCI SUL PONTE DI GENOVA Paola De Micheli parla all'Abbazia di San Pastore a Contigliano Paola De Micheli parla all'Abbazia di San Pastore a Contigliano crollo ponte morandi genova 28 crollo ponte morandi genova 28 ZINGARETTI - CONTE - DI MAIO ZINGARETTI - CONTE - DI MAIO CARLO TOTO CARLO TOTO crollo ponte morandi genova 29 crollo ponte morandi genova 29 GIANNI MION GIANNI MION carlo bertazzo carlo bertazzo crollo ponte morandi genova 31 crollo ponte morandi genova 31 luciano benetton luciano benetton crollo ponte morandi genova 30 crollo ponte morandi genova 30 crollo ponte morandi genova 27 crollo ponte morandi genova 27 GIANNI MION GIANNI MION gianni mion gianni mion LUCIANO BENETTON LUCIANO BENETTON conte di maio conte di maio GIANNI MION GIANNI MION

 

Condividi questo articolo

politica

“PER SPIEGARE LA DISSOLUZIONE DELLA SINISTRA IN ITALIA MI SOFFERMO SU UNA FOTO DI MARIA ELENA BOSCHI” - FULVIO ABBATE: “LO SGUARDO SI RITROVA CALAMITATO UNICAMENTE DALLA “H” DORATA DELLA FIBBIA DELLA CINTURA, INIZIALE DI UN MARCHIO DI LUSSO E ORGOGLIO GLOBALE, PLANETARIO, PROVINCIALE, RIONALE, DA SABATO IN DISCOTECA. LA CONVINZIONE CHE LA SINISTRA DEBBA MOSTRARSI MUTANTE, ESTRANEA AL SUO STESSO GERME, COSÌ DA DIVENTARE CONVINCENTE AGLI OCCHI DEGLI ESTRANEI, LA RENDE RISIBILE, E NESSUNO PENSI CHE…”