UN EGO CON UN PARTITO INTORNO – NELLA EX SEDE DEL PD DI VIA DEI CAPPELLARI, CHE ORA ACCOGLIE LA PRIMA SEZIONE DI “ITALIA VIVA”, LA GIGANTOGRAFIA PIÙ GRANDE È QUELLA DI RENZI. DELLE VECCHIE IMMAGINI RESTANO ALDO MORO ED ENRICO BERLINGUER – VIA LE FOTO DI GRAMSCI, TOGLIATTI, NILDE IOTTI E PETROSELLI - SONO RIMASTI ANCHE I LIBRI, MENTRE SI SONO AGGIUNTE LE LOCANDINE DELLE LEOPOLDE E I POSTER DELLA BOSCHI E DELLA BONETTI – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Concetto Vecchio per “la Repubblica”

inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 1 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 1

 

D a Gramsci a Renzi. Nella sede di Italia Viva in via dei Cappellari, alle spalle di Campo de' Fiori, la prima aperta l' altra sera a Roma, l' immagine più grande è quella del leader: Matteo Renzi. Questa fino a poche settimane fa era la casa del Pd e ora il mutamento iconografico illumina la trasformazione di un partito che si è alleggerito di storia.

la gigantografia di matteo renzi nella sede di italia viva a roma la gigantografia di matteo renzi nella sede di italia viva a roma

 

inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 8 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 8

Delle vecchie gigantografie sono rimaste appese quelle di Aldo Moro ed Enrico Berlinguer. Via i ritratti di Antonio Gramsci, Nilde Iotti, Pietro Scoppola, Palmiro Togliatti, il sindaco comunista Luigi Petroselli, i partigiani festanti nei giorni della Liberazione. Lì prevaleva il rosso, qui è un drappo verde a sormontare la saracinesca. In via dei Giubbonari - prima dello sfratto e del trasloco qui, nel 2016 - si affiggevano le pagine dell' Unità all' esterno. I tesserati erano 430.

 

inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 9 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 9

L' anno scorso erano scesi a 320, l' 80% dei quali è passato con Italia viva "per non morire populisti o giustizialisti", afferma il coordinatore Luciano Nobili. Sono rimasti i libri, si è aggiunta la farfalla gialla evocata da Liliana Segre nel suo discorso all' Europarlamento sulla Shoah, e le locandine delle Leopolde, i poster di Maria Elena Boschi e della ministra Bonetti, e uno grande di Renzi con la sovrascritta "Ritorno al futuro". Dopodiché è il regno della contraddizione.

inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 12 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 12

 

Il "partito della guerriglia", che terremota il governo, come prima atto annuncia un' iniziativa a sostegno del ministro democratico Roberto Gualtieri, candidato alle supplettive. I militanti benestanti, di età media piuttosto alta, annuiscono. Uno di loro, Raffaele Pellegrino, 82 anni, confessa: «Io mantengo le due tessere, Pd e Italia viva. Perché gli avversari sono a destra».

inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 11 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 11 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 7 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 7 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 2 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 2 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 5 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 5 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 6 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 6 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 3 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 3 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 10 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 10 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 4 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 4 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 13 inaugurazione sede italia viva in via dei cappellari 13

 

Condividi questo articolo

politica

VOLANO GLI STRACCI TRA GOVERNO E REGIONI SUL DIFFONDERSI DEL CONTAGIO DA CORONAVIRUS. J’ACCUSE DI CONTE: "IL FOCOLAIO PERCHÉ UN OSPEDALE NON HA SEGUITO I PROTOCOLLI. PRONTI A INTERVENIRE SUI POTERI DEI GOVERNATORI. NON È POSSIBILE CHE TUTTE LE REGIONI VADANO IN ORDINE SPARSO”. IL PRESIDENTE DELLA LOMBARDIA FONTANA AL CONTRATTACCO: "PAROLE IN LIBERTA’, LE SUE IDEE IRRICEVIBILI E OFFENSIVE". DALLA LEGA: "IL PREMIER DICE COSE DA FASCISTA". SOSPESO IL PAGAMENTO DELLE TASSE NELLE ZONE ROSSE