“FARAGE? UN ERRORE DI GIOVENTU’” – CONTE ARCHIVIA IL FLIRT CON IL RE DEGLI EUROSCETTICI BRITANNICI E IN EUROPA TORNA A BUSSARE ALLA PORTA DEI VERDI ALL’EUROPARLAMENTO PER LA DELEGAZIONE PENTASTELLATA, RIDOTTA A SEI EURODEPUTATI - L'APERTURA DEGLI ECOLOGISTI UE: "ALCUNI OSTACOLI DEL PASSATO SONO STATI RIMOSSI COME LA PRESENZA DI CASALEGGIO CHE RENDEVA TOTALMENTE OPACA LA GESTIONE DEL MOVIMENTO” -  MA PER AVERE IL VIA LIBERA SERVE L’OK DI EUROPA VERDE, IL MOVIMENTO GUIDATO DA BONELLI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Marco Bresolin per la Stampa

 

nigel farage nigel farage

Il Movimento Cinque Stelle torna a bussare alla porta dei Verdi all'Europarlamento. E questa volta è arrivato l'ex premier Giuseppe Conte in persona a chiedere ospitalità nel gruppo ecologista per la delegazione pentastellata, ormai ridotta a soli sei eurodeputati.

 

La notizia è che, rispetto ai precedenti tentativi, ora c'è una chiara apertura: per accogliere la pattuglia del M5S già in questa legislatura, ma soprattutto per costruire un'alleanza in vista delle Europee del 2024.

 

[...]

GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

Ma la ragione principale della visita era un'altra: il corteggiamento ai Verdi. Conte ha avuto un incontro di circa due ore con i membri dell'ufficio di presidenza del gruppo e presto potrebbe tornare a Bruxelles per una sorta di audizione con tutti gli eurodeputati verdi, che dovranno approvare l'ingresso dei grillini. L'ex premier, che ha definito le alleanze del passato con lo Ukip di Nigel Farage «un errore di gioventù», è parso ottimista: «È stato un bel confronto».

 

Ottimismo confermato anche dalle impressioni raccolte dalla parte opposta del tavolo. «Alcuni ostacoli del passato sono stati rimossi – spiega una fonte del gruppo ecologista – come la presenza di Casaleggio che rendeva totalmente opaca la gestione del Movimento».

GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

 

Inoltre l'addio di Luigi Di Maio ha permesso di riallacciare i contatti con gli ex M5S che sono transitati nel gruppo dei Verdi: Ignazio Corrao, Piernicola Pedicini e Rosa d'Amato. Sono stati proprio loro a fare da pontieri con il nuovo Movimento guidato da Conte, anche in vista di un ritorno a casa. Certo restano ancora alcuni ostacoli. Per esempio serve il via libera di Europa Verde, il movimento guidato da Angelo Bonelli che ha criticato questa mossa. Ma si tratta di un ostacolo considerato non insormontabile. 

 

nigel farage nigel farage

(...)

grillo farage grillo farage

 

Condividi questo articolo

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

“PENSO CHE UN COLPO DI STATO MILITARE POSSA ESSERE POSSIBILE” – PUTIN È ALLE BATTUTE FINALI? SECONDO ABBAS GALLYAMOV, EX SPEECHWRITER DEL PRESIDENTE RUSSO, SÌ: “L’ECONOMIA STA PEGGIORANDO E LA GUERRA È PERSA. I RUSSI CERCHERANNO DI TROVARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHÉ TUTTO QUESTO STA ACCADENDO. SI RISPONDERANNO DA SOLI. TEMPO UN ANNO, UN COLPO DI STATO DIVENTA REALE. SENZA VITTORIA SULL'UCRAINA, DOVRÀ AFFRONTARE I RUSSI IN DIFFICOLTÀ. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI LUI SE NON È FORTE. POTREBBE…”

“FACCETTA ROSSA” – ALDO GRASSO IRONIZZA SU GUIDO CROSETTO CHE HA CEDUTO ALLE INSISTENZE DI FIORELLO E HA INTONATO “BELLA CIAO”  - ALDO CAZZULLO SPIEGA PERCHE’ IL MINISTRO DELLA DIFESA HA CANTATO IL BRANO SIMBOLO DELLA RESISTENZA: "LO HA FATTO PER NON DARE UN DISPIACERE A FIORELLO E POI PERCHE’ E’ DI MARENE, IN PIEMONTE. DALLE SUE PARTI, CHE POI SONO LE MIE, QUANDO INTONAVAMO ‘BELLA CIAO’ DA RAGAZZI NON ERAVAMO NEPPURE SFIORATI DALL’IDEA DI FARE UNA COSA DI SINISTRA. PERALTRO QUEL BRANO I PARTIGIANI NON L'AVEVANO MAI CANTATO…" - VIDEO