MARINA SVALUTATION – LA SVALUTAZIONE DI MONDADORI MANDA IN ROSSO I CONTI FININVEST

Nel civilistico 2012 della holding guidata da Marina Berlusconi i 220 milioni di svalutazioni determinano una perdita di 193,1 - Sul totale pesano come un macigno i 136,5 milioni di svalutazione della casa editrice di Segrate - Mantenuto il valore di carico di Mediaset a 528,2 milioni…

Condividi questo articolo

Andrea Giacobino per IlMondo.it

MARINA BERLUSCONiMARINA BERLUSCONi MARINA E BERLUSCONIMARINA E BERLUSCONI

A trascinare in rosso i conti della Fininvest, holding della famiglia di Silvio Berlusconi, è stata anzitutto la controllata quotata Arnoldo Mondadori. Nel civilistico 2012 della holding guidata da Marina Berlusconi le svalutazioni sono pari a 220 milioni e hanno determinato una perdita di 193,1 milioni rispetto all'utile di 106 milioni dell'esercizio precedente.

Secondo quanto ricostruito da ilmondo.it del totale dei writeoff ben 136,5 milioni hanno riguardato la quota del 53% circa nella casa editrice di Segrate il cui valore di carico si è ridotto così da 460,8 a 324,3 milioni.

OSCAR NIEMEYER - SEDE DELLA MONDADORI A SEGRATEOSCAR NIEMEYER - SEDE DELLA MONDADORI A SEGRATE

La seconda svalutazione più significativa in base all'impairment test è avvenuta sulla quota in Mediobanca (pari complessivamente al 2% circa fra titoli sindacati e non), rettificata di 48 milioni da 226,1 a 178 milioni; ma rilevante è stato anche il writeoff sulla partecipazione del 23,9% in Molecular Medicine passata da 44,8 a 21,4 milioni, senza tralasciare altre svalutazioni minori come quelle sulla quota nella Schemaquattordici guidata da Alessandro Benetton (6,2 milioni) e sull'immobiliare Isim.

marina e berlumarina e berlu

E' stato invece mantenuto il valore di carico di Mediaset, asset principale a 528,2 milioni. Il rosso civilistico di Fininvest è stato ripianato attingendo per 32 milioni alla riserva straordinaria, per 1,1 milioni alla riserva contributi in conto capitale, per 8,8 milioni alla riserva di fusione, per 38,8 milioni alla riserva da scissione e per i restanti 112,9 milioni alla riserva di utili portati a nuovo.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica