MI SCUDO PER L’INCONVENIENTE - GIUSEPPE CONTE VUOLE RIPRENDERSI LA REGIA DEL TEMA IMMIGRAZIONE: NELLA RISCRITTURA DEI DECRETI SICUREZZA DI SALVINI (CHE LA POCHETTE CON LE UNGHIE HA FIRMATO E PUBBLICIZZATO ALL’EPOCA) SI PENSA DI TOGLIERE LA RESPONSABILITÀ AI MINISTRI, PER EVITARE UN ALTRO CASO GREGORETTI - L’OBIETTIVO È DEPOLITICIZZARE (LEGGI DESALVINIZZARE) IL VIMINALE...

-

Condividi questo articolo

 

 

Emilio Pucci per “il Messaggero”

 

GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI DECRETO SICUREZZA GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI DECRETO SICUREZZA

Sbarrare la strada ad un nuovo caso Salvini al Viminale, o meglio al modo in cui il segretario della Lega ha inteso svolgere il ruolo di ministro. Altro che «pieni poteri». La mission del nuovo governo è quella di «desalvinizzare» il dicastero dell'Interno. Due giorni fa al vertice di maggioranza a palazzo Chigi è stato lo stesso premier Conte a tracciare questa direzione. «Nella prima bozza dei decreti Salvini ha spiegato era previsto che io non venissi informato nemmeno sulla politica degli sbarchi. Nella seconda che io non fossi parte in causa...».

 

conte lamorgese conte lamorgese

Da qui il cambio di rotta e il ragionamento che ha chiuso il primo confronto con i rappresentanti rosso-gialli: «Da oggi in poi non sarà così. Ogni decisione sarà in capo a chi guida il governo». Perché quando si tratta di bloccare gli sbarchi di migranti, di fermare una nave battente bandiera straniera non può che essere il presidente del Consiglio ad essere il responsabile di ogni scelta. Facendo anche da scudo agli altri ministri, evitando per esempio che possa esserci un altro caso Gregoretti o un'altra vicenda Open arms, con conseguenti strascichi giudiziari.

caso gregoretti voto su autorizzazione a procedere nei confronti di matteo salvini 7 caso gregoretti voto su autorizzazione a procedere nei confronti di matteo salvini 7

 

LA REGIA

Dunque la regia su temi come sicurezza e immigrazione torna a palazzo Chigi, la cabina di coordinamento sarà la sede del governo. Potrà essere il capo dell'esecutivo, coinvolgendo tutti i ministri interessati alla materia, a firmare in prima persona i decreti legge che vengono deliberati dal Cdm e emanati dalla presidenza della Repubblica.

 

Non succederà più che un componente del governo possa indirizzare da solo la politica del Paese per finire magari davanti ad un Tribunale dei ministri. Conte punta a spoliticizzare il Viminale, a spersonalizzarlo. Una strategia che potrà pure giovare al presidente del Consiglio qualora dovesse essere chiamato a testimoniare da Salvini nel processo che si è aperto a carico dell'ex ministro e in quelli che si apriranno. Potrà rivendicare il fatto di essere stato costretto a cambiare schema proprio perché con i dl Salvini aveva in qualche modo le mani legate.

Il cadavere di una donna sulla nave Gregoretti Il cadavere di una donna sulla nave Gregoretti

 

Il primo passo del nuovo corso è stato quello di separare i due provvedimenti: ci sarà un dl sulla sicurezza e un altro sull'immigrazione. Ma oltre all'intenzione di portare sotto il coordinamento della presidenza del Consiglio qualsiasi decisione sulla politica migratoria, c'è un cambiamento anche formale nel modus operandi del governo. Ogni atto del ministro dell'Interno dovrà essere concordato a priori con il premier.

 

migranti a bordo della open arms 1 migranti a bordo della open arms 1

Un principio che verrà inserito quando si riscriveranno i dl Salvini. Del resto la nomina di un prefetto al Viminale è servita anche per normalizzare la situazione ed evitare che il ministero dell'Interno sia sovraesposto e sempre al centro dello scontro politico. «Tornare alle funzioni e al ruolo tradizionale del ministro dell'Interno sarebbe sottolinea il presidente dei deputati di Leu, Fornaro un primo grande segnale di discontinuità e di ritorno alla normalità». «Hanno la salvinite acuta», accusano dal Carroccio. «Cancellare o anche cambiare i decreti sicurezza è un danno per l'Italia e per gli italiani. Non è un dispetto a Salvini», osserva il segretario leghista.

 

migranti si tuffano dalla open arms 1 migranti si tuffano dalla open arms 1

I TEMPI

matteo salvini e giuseppe conte approvazione decreto sicurezza bis 2 matteo salvini e giuseppe conte approvazione decreto sicurezza bis 2

Il lavoro di riscrittura dei Dl Salvini sarà probabilmente lungo. La Lamorgese ha chiesto tempo prima di inviare un documento che possa riassumere tutte le proposte sul tavolo. Dalla reintroduzione della protezione umanitaria al potenziamento del sistema di prima accoglienza; dal tema dell'eliminazione o riduzione delle multe alle Ong («Si va verso una proporzionalità», dice il viceministro dem Mauri) all'iscrizione all'anagrafe comunale per i richiedenti asilo. Ma ogni modifica andrà concordata con M5s che si è messo di traverso. «Bisogna attenersi solo ai rilievi del Capo dello Stato», ha spiegato anche ieri il capo delegazione Bonafede. In ogni caso non ci sarà alcuna discussione sulla possibilità di rivedere il memorandum sulla Libia. «E' qualcosa che non c'entra nulla con questi dl», spiegano dal governo.

NAVE GREGORETTI NAVE GREGORETTI migranti a bordo della open arms 2 migranti a bordo della open arms 2 NAVE GREGORETTI NAVE GREGORETTI marco gregoretti marco gregoretti Migranti scendono dalla nave Gregoretti Migranti scendono dalla nave Gregoretti

 

Condividi questo articolo

politica

SCONTRO TRA CONTE E IL COMITATO SCIENTIFICO CHE LO AFFIANCA A PALAZZO CHIGI. “NON POSSO FARE QUELLO CHE VOI DITE, L’ECONOMIA DEVE RIPARTIRE O IL PAESE RISCHIA IL FALLIMENTO”. ANCORA: “NON POSSIAMO OBBLIGARE TROPPO A LUNGO LA GENTE IN CASA. CI SONO PROBLEMI PSICOLOGICI DI CUI BISOGNA TENER CONTO. NON SIAMO IN CINA. QUELLO È UN REGIME. UN ALTRO MODO DI PENSARE. IN BASE AL DECLINO DELL’EMERGENZA SANITARIA, DAL 18 APRILE CI SARÀ UNA RIPRESA GRADUALE” - DAL PD, PERÒ, ARRIVANO ALCUNE CRITICHE. MA SULLA COMUNICAZIONE

“CHIEDO UN AMMORBIDIMENTO DELLE REGOLE DI BILANCIO, ALTRIMENTI DOBBIAMO FARE SENZA L’EUROPA E OGNUNO FA PER SÉ” – CONTE BATTE UN COLPO E FA IL DURO IN UN’INTERVISTA ALLA “BILD”: “LA GERMANIA NON HA ALCUN VANTAGGIO SE L’EUROPA SCENDE IN RECESSIONE. NON CHIEDIAMO DI PAGARE I NOSTRI DEBITI, SE NON USIAMO GLI EUROBOND L'UE PERDERÀ COMPETITIVITÀ” – “NON DOBBIAMO ALLA FINE STARCENE LÌ CON LE MANI INCROCIATE: OPERAZIONE RIUSCITA, MA IL PAZIENTE EUROPA È MORTO” – VIDEO