LA “MILITIA” CHE MINACCIA ALE-DANNO – POLVERINI E PIERFURBY VICINI ALL’ACCORDO – LA MANOVRA DA 24 MLD (LARUSSA: “TUTTI I MINISTRI ACCETTINO I TAGLI”) – INTERCETTAZIONI: TESTO APERTO A MODIFICHE (E LUCHINO PLAUDE AD ALFANO) – SCAZZO CICCHITTO-PERINA – IL DALEMIANO LATORRE APRE ALLA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE…

Condividi questo articolo

1 - PIANTI...
Jena per \"La Stampa\" - La lettera del ministro Bondi è così accorata che mi ha fatto piangere dalle risate.

GIANNIGIANNI ALEMANNO

2 - \"MILITIA\" MINACCIA: DOSSIER SUL PASSATO DI ALEMANNO...
Da \"la Repubblica\" - \"Militia\", il gruppo di estrema destra che ha firmato molti gesti di razzismo a Roma, ora minaccia il sindaco Gianni Alemanno. Dopo il blitz dei Ros, che all\'alba di due giorni fa hanno perquisito le sedi del movimento, il leader Maurizio Boccacci rilancia le accuse: «Alemanno non faccia lo stupido, se tiro fuori delle cose su di lui come sindaco dura solo mezz\'ora».

Il leader di Militia ha parlato ieri durante una conferenza stampa che si è svolta nella sede del movimento neofascista, minacciando di rendere pubblico \"un dossier su Alemanno che riguarda il suo passato e cose che ancora non si sanno su di lui».

RENATARENATA POLVERINI

Oltre a Boccacci, i Ros hanno indagato altri tre estremisti. Uno di questi, Massimiliano De Simone, durante la conferenza stampa ha raccontato: «Dall\'88 al \'91 ho passato delle notti con Alemanno ad attaccare i manifesti di Forza Nuova a Montesacro». Il sindaco si è detto tranquillo: «Non mi faccio certo intimorire da oscure e inconsistenti minacce di ricatti sul mio passato o sul mio presente politico».

3 - POLVERINI-UDC: COMUNE VOLONTA\' ACCORDO A BREVE...
(ANSA) - C\'é la comune volontà di trovare un accordo nei prossimi giorni tra la presidente della Regione Lazio Renata Polverini e l\'Udc in merito all\'ingresso in giunta dei nuovi assessori. E\' quanto riferiscono fonti centriste in merito al dialogo politico in corso tra i vertici dei cattolici e la governatrice del Lazio.

Sempre secondo quanto si apprende in ambienti centristi quella di questa mattina tra Polverini e il segretario Udc Lorenzo Cesa sarebbe stata una telefonata molto cordiale e amichevole nella quale Polverini avrebbe affermato che avrebbe incontrato domani i suoi assessori. Le parti si risentiranno presto per chiudere la partita, anche se, ribadiscono i centristi, l\'Udc ritiene più importante in questo momento conoscere le scelte della presidente in merito alle questioni sanitarie.

PIERFURBYPIERFURBY CASINI

4 - BONAIUTI: SARA\' DI 24 MLD, MA NIENTE NUOVE TASSE...
(ANSA) - Si stanno dando le ultime limature alla manovra economica da 24 miliardi che il governo presenterà a breve. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti fa il punto sulle misure allo studio dell\'Esecutivo nel corso di una telefonata con \'Mattino5\'. Non ci sarà alcun condono edilizio - spiega - si tratta piuttosto di \"mettere a catasto due milioni di unità abitative\".

PAOLOPAOLO BONAIUTI

Così come \"non si metteranno le mani nelle tasche degli italiani, non ci saranno quindi nuove tasse\", prosegue annunciando la riduzione delle spese dei ministeri, che dovrà essere concordata con i responsabili dei singoli dicasteri. Da un lato si persegue l\'obiettivo di limitare il peso e il perimetro dello Stato, dall\'altro c\'é la volontà di spendere meglio i soldi pubblici, dice ancora il sottosegretario.

Anche per quanto riguarda le pensioni, non sono assolutamente previsti ritocchi alle loro entità, mentre ci potranno essere rimodulazioni delle finestre di uscita. Si sta procedendo sentendo anche le parti sociali. Il ministro dell\'Economia da ieri sta avendo una girandola di contatti, oltre che con il presidente del Consiglio e tutti i ministri competenti, con i rappresentanti di sidacati, imprenditori e delle categorie. Bonaiuti conferma l\'ipotesi del congelamento degli stipendi dei manager. \"In un periodo di riduzione generale delle spese é giusto che chi guadagna di più dia il suo contributo\", sottolinea evidenziando il valore più simbolico che contabile di questa specifica operazione.

TREMONTITREMONTI

5 - LA RUSSA: TUTTI I MINISTRI ACCETTINO I TAGLI...
(ANSA) - E\' \'inutile mettersi a piangere\'\' perché \"i tagli li fanno tutti in Europa\", e \"tutti i ministri li devono accettare come li accetto io in quanto rappresentante di un governo che deve raggiungere degli obiettivi\". Lo dice al Corriere della Sera il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, a proposito della manovra economica al vaglio del governo che potrebbe portare a un taglio \"forse del 10%, ma uguale per tutti\" dei budget dei ministeri.

6 - LUPI: IL CONDONO EDILIZIO E\' FANTOMATICO. ATTENDERE TESTO, TROPPE VOCI FUORI DA REALTA\'...
(ANSA) - \"Bisogna aspettare il testo altrimenti ci sono commenti e critiche basati su cose che non corrispondono alla realtà come, per esempio, un fantomatico condono ediliziò. Lo ha affermato il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi che stamani si è recato al Pirellone, sede della regione Lombardia, per una visita con il presidente Roberto Formigoni.

larussalarussa soldato

\"E\' evidente - ha aggiunto Lupi - che il metodo sarà quello del confronto con le parti sociali e con l\'opposizione a cui chiediamo, per una volta, di non avere pregiudizi ma un\'assunzione di responsabilità. Non possono pensare sempre che Berlusconi è il nemico e che che tutto ciò che fa è male\"

7 - INCONTRO PDL, TESTO APERTO IN AULA: DURATO UN QUARTO D\'ORA INCONTRO GASPARRI-CICCHITTO-QUAGLIARELLO...
(ANSA) - \"Ci siamo visti per parlare delle intercettazioni e della manovra economica. Sulle intercettazioni pensiamo che prima si finisce e meglio è. Il testo deve rimanere aperto in Aula\". Così il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, sintetizza il breve colloquio, che assieme al vice capogruppo vicario, Gaetano Quagliarello ha avuto con l\'omonimo della Camera, Fabrizio Cicchitto, nella Sala Maccari.

Gasparri ha precisato che \"sui punti controversi la Commissione si è già pronunciata\" e prevede il licenziamento del ddl con la seduta notturna che comincia alle 21:15 in Commissione Giustizia. Per quanto riguarda la manovra solo un accenno in attesa della consulta del Pdl di stasera. Prima della riunione nella Sala Maccari, Quagliarello, scherzando coi cronisti, aveva parlato del \"patto del crodino\" per definire le ultime posizioni del Pdl sulle intercettazioni e in effetti è durato lo spazio di un aperitivo.

ANGELINOANGELINO ALFANO

8 - MONTEZEMOLO, BENE DISPONIBILITA\' ALFANO...
(ANSA) - \"Apprezzo Alfano sia nella sostanza sia nel metodo\". E\' quanto afferma il presidente della Ferrari e della Fondazione Italia Futura, Luca Cordero di Montezemolo, dopo la disponibilità annunciata dal ministro della Giustizia, Angelino Alfano, a riesaminare il ddl sulle intercettazioni.

Montezemolo ha affermato che \"con franchezza diciamo che siamo stati intossicati da intercettazioni che spesso poco o niente hanno avuto a che fare con le realtà processuali\". Secondo Montezemolo, poi, si è aggiunto un \"uso anche a volte distorto da parte della magistratura\" ma, a suo parere \"attenzione, le intercettazioni sono fondamentali per le indagini e per scoprire reati importanti\".

MONTEZEMOLOMONTEZEMOLO jpeg

Dopo aver manifestato il proprio \"apprezzamento per lo sforzo del ministro Alfano\" Montezemolo ha aggiunto che \"ci vuole il giusto equilibrio per ottenere qualcosa di condivisibile da tutti, per bilanciare il diritto alla privacy con questo strumento fondamentale senza il quale importanti reati non sarebbero mai stati scoperti\".

9 - BOCCHINO: TORNARE A EQUILIBRATO TESTO CAMERA...
(ANSA) - \"Sulle intercettazioni sta emergendo la necessità di sposare la linea della prudenza e della mediazione, tornando all\'equilibrato testo che fu varato dalla Camera. E\' opportuno sgombrare presto il campo da alcune previsioni che minano alla radice la tenuta del provvedimento, come il divieto di pubblicazione per riassunto degli atti e le megamulte agli editori\". Lo afferma Italo Bocchino, vicecapogruppo Pdl alla Camera e presidente di Generazione Italia.

FABRIZIOFABRIZIO CICCHITTO

10 - CICCHITTO, PERINA SI DOCUMENTI...
(ANSA) - \"L\'On. Flavia Perina prima di polemizzare sulla base di una ricostruzione, fatta da \'la Repubblica\', di ciò che avrei detto, avrebbe dovuto documentarsi. Infatti, se avesse letto il testo della mia risposta al dott. Grasso avrebbe visto che condividevo con lui l\'esigenza di ribadire l\'autonomia della Magistratura dal governo, ma che gli ricordavo che essa per essere reale deve riguardare anche le forze politiche, cosa che in Italia non avviene per ciò che riguarda una parte della magistratura\".

E\' quanto afferma il capogruppo del pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto che replica alla finiana Flavia Perina \"Ciò - sottolinea Cicchitto - ha creato conseguenze molto negative per la tutela dello stato di diritto. Ieri tutti hanno parlato in memoria di Giovanni Falcone, ma Falcone fu un esempio di magistrato che aprì nuove vie nella lotta alla mafia, e ciò fu un delle ragioni del suo assassinio; ed egli ha fatto tutto ciò sulla base della più rigorosa autonomia, tant\'é che proprio per questo fu attaccato da \'L\'Unita\" e da tutto un settore della magistratura e delle forze politiche. Su tutto ciò esiste una documentazione inconfutabile\".

FLAVIAFLAVIA PERINA

11 - LEHNER, FINIANI RAPPRESENTANO A MALAPENA SE STESSI...
(ANSA) - \"La cornice liberaldemocratica si fonda sulla rappresentatività. Fabrizio Cicchitto rappresenta il popolo della libertà e, in aggiunta, anche la cultura italiana. Perina, Granata e Bocchino rappresentano a malapena solo se stessi, familiari esclusi, ergo dovrebbero prendere atto del loro fallimento esistenziale ed esternare solo per chiedere ciambelle di salvataggio\": lo afferma Giancarlo Lehner, deputato del Pdl.

bocchinobocchino

12 - LATORRE, SEPARARE CARRIERE? SE NE PUO\' DISCUTERE...
(ANSA) - \"Personalmente ho molti dubbi sulla separazione delle carriere ma non considero una cosa sconvolgente e drammatica discuterne. Non lo considero un tabù del quale non si debba neanche discutere o un rischio per la democrazia. Ripeto: personalmente non sono convinto dell\'utilità della separazione delle carriere, ma smettiamola di pensare che parlandone si minacci la democrazia. L\'unica cosa fondamentale è preservare l\'autonomia dei magistrati\". Lo afferma a KlausCondicio, il programma di approfondimento politico di Klaus Davi, il vice presidente dei senatori del Pd Nicola Latorre.

NICOLANICOLA LATORRE

 

 

Condividi questo articolo

politica