IL MISTERO DI VIA DE-GRADOLI! – NON SOLO NATALÌ: AL FAMIGERATO CIVICO 96 C’È UN APPARTAMENTO DI PROPRIETÀ DELL SOCIETÀ LUSSEMBURGHESE “ESQUILINE S.A” - “IL MISTERIOSO TRANS CHE CI ABITAVA SPARISCE POCHI GIORNI DOPO L’ESPLOSIONE DELLO SCANDALO M’ARRAZZO” – ALE-DANNO SOTTO IL TIRO DEL PD: “CHE STRANO, DUE PROFESSIONISTI E UN PERSONAGGIO PSEUDO-POLITICO VICINI AL SINDACO SI DEDICANO A SPECULAZIONI IMMOBILIARI SU UN APPARTAMENTO ATTORNO AL QUALE RUOTA LA STORIA PIÙ TORBIDA AVVENUTA NEGLI ULTIMI ANNI NEL LAZIO”...

Condividi questo articolo

Fabrizio Peronaci per \"Il Corriere della Sera - Roma\"

POLIZIAPOLIZIA IN VIA GRADOLI

Al contrario degli altri - Natalie, Jennifer, la povera Brenda, tutti dalla quarta in su - questo ha un fisico minuto. Un metro e 65, capelli neri, jeans attillati. Si affacciava nell\'atrio di via Gradoli 96 per ricevere i clienti - chissà quali uomini potenti, furtivi, imbarazzati - e poi si chiudeva alle spalle la porta dell\'interno 7a, edificio I, scala B. Via Gradoli: spunta un altro trans dagli inconfessabili segreti nella palazzina dei misteri d\'Italia, dal caso Moro all\'affaire Marrazzo.

NATALI\'NATALI\' A COLLOQIO CON I POLIZIOTTI IN VIA GRADOLI

Quel viado in servizio fino allo scorso ottobre, all\'epoca dell\'esplosione dello scandalo che ha travolto l\'ex governatore, all\'improvviso è sparito. Ha cambiato quartiere se non città. Messo in fuga dal circuito mediatico-giudiziario.

VIAVIA GRADOLI - NATALì

Ma c\'è una traccia su questo nuovo personaggio che il Comitato dei residenti, infuriato per il degrado e la presenza di malavita, ha continuato a seguire. E che adesso, anche alla luce delle rivelazioni sui proprietari dell\'appartamento preso in affitto da Natalie (due manager nominati dal Comune e Bruno Agresti, candidato pro-Alemanno alle elezioni del 2008), intende portare alla luce: «Quell\'appartamento che ora è vuoto e che domani sarà aperto dall\'ufficiale giudiziario per un debito di 12 mila euro con il condominio - racconta Carlo Maria Mosco, uno dei portavoce del Comitato - ha una proprietà dai contorni sorprendenti.

portaretroportaretro casa brenda by GMTcondominiocondominio di via Gradoli 96, a Roma, dove sarebbe avvenuto l\'incontro tra il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, e un transessuale di origini brasiliane (foto di Benvegnù-Guaitoli)

Attraverso un complicato gioco di scatole cinesi, infatti, si arriva alla Esquiline s.a., società con sede in Lussemburgo». In estrema sintesi, la storia del monolocale per incontri hard è questa: dall\'immobiliare «C1» si transita per la società «I», controllata dalla finanziaria «F», a sua volta nella disponibilità di un\'altra immobiliare che chiameremo «C2», la quale, infine, è al 50% della «Esquiline».

E adesso attenzione alle date: il misterioso transessuale locatore dei lussemburghesi sparisce pochi giorni dopo l\'esplosione dello scandalo, quando Marrazzo e Natalie sono su tutti i giornali e nei tg. Un caso? I residenti se lo chiedono: «Di certo c\'è che la rovina di questa strada, con centinaia di scantinati abusivi dati a stranieri, è proprio la scarsa trasparenza delle proprietà».

E intanto, sul fronte dell\'altro famoso appartamento di via Gradoli 96, quello dell\'interno 2 affittato a Natalie dalla «Todini & Cuomo», piovono prese di posizione.

portaretroportaretro casa brenda by GMT

Ieri il consigliere comunale del Pd Athos de Luca ha annunciato un «se non ritenga necessario, trattandosi di persone di sua fiducia, un chiarimento pubblico sui rapporti del dott. Andrea Todini, sindaco di \"Roma Entrate\", e Giannantonio Cuomo, sindaco di \"Zetema\", con il trans Natalie, anche alla luce del mutamento di nome e sede della società al\'indomani della vicenda Marrazzo».

«E\' quantomeno strano - rileva un altro consigliere pd, Massimiliano Valeriani - che due professionisti e un personaggio pseudo-politico vicini al sindaco si siano dedicati a speculazioni immobiliari su un appartamento attorno al quale ruota la storia più torbida avvenuta negli ultimi anni nel Lazio».

 

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! - BORSINO DELLA CRISI - A STASERA (SEMBRAVA IMPOSSIBILE POCHI GIORNI FA) MA SALVINI SEMBRA PROPRIO CUCINATO. L’ALTERNATIVA CHE SI PROSPETTA È AL 45% UN GOVERNO 5STELLE-PD E AL 45% UN GOVERNO ‘’URSULA’’ CON DENTRO ANCHE FORZA ITALIA E CENTRISTI VARI - GOVERNO LANCIATO DA PRODI CHE SPERA ARRIVI FINO ALL’ELEZIONE DEL SUCCESSORE DI MATTARELLA (CHE PENSA ESSERE LUI, OVVIAMENTE) - RESTA UN 10% PER LA REMOTA POSSIBILITÀ CHE SI RICOSTITUISCA UN NUOVO GOVERNO GIALLOVERDE SENZA CONTE

LA COALIZIONE URSULA È UNA SÒLA – LE SPORTELLATE DI MACALUSO CONTRO PRODI, RENZI E ZINGARETTI, CHE CORRONO FELICI VERSO L'ABBRACCIO MORTALE CON IL M5S: “VORREI CHIEDERE A CHI ABBIANO FATTO OPPOSIZIONE IN QUESTO ANNO. TUTTE LE LEGGI CONTRO CUI IL PD HA VOTATO SONO STATE AVALLATE DALL’INTERO GOVERNO” - “CONTE È UN GALANTUOMO, MA È STATO LUI A CONSENTIRE A SALVINI DI FARE LEGGI RAZZISTE. SE AVEVA QUESTE QUALITÀ CHE GLI RICONOSCONO OGGI, ALLORA PERCHÉ NON LE HA FATTE VALERE?