NON CI SONO PIÙ I MASSONI DI UNA VOLTA: LA LOGGIA TORREGGIANI SI PERDE L’ARMADIO CON L’ARCHIVIO DEI NOMI (CHI TREMA?) - ASSOLTO DE MAGISTRIS PER OMISSIONE D’ATTI D’UFFICIO - ASSOLTO ANCHE L’EX VICE PRESIDENTE PUGLIESE TARQUINIO (PDL) - VIA LIBERA A WOODCOCK PER QUERELARE STORAX - SAVERIO ROMANO CREDE DI ESSERE STATO NOMINATO MINISTRO DELLA GIUSTIZIA E PARLA D’INTERCETTAZIONI INVECE CHE DI ORTAGGI - IL FEDERALISMO PASSA IN COMMISSIONE (PD ASTENUTO!)…

Condividi questo articolo


GustavoGustavo Raffi è il gran maesto del grande Oriente d\'Italia dal 1999 - Massoneria

1. \'PANORAMA\', SCOMPARSO ARCHIVIO LOGGIA TORREGGIANI...
(Adnkronos)
- \"Nomi, cognomi, fascicoli, corrispondenza: l\'intero archivio della loggia massonica \'Italia Domizio Torreggiani\' di Roma e\' scomparso in circostanze misteriose\". Lo rivela il settimanale \'\'Panorama\'\', in edicola domani. Il settimanale precisa inoltre che \"ai carabinieri e\' stato denunciato lo \'smarrimento\' dei documenti, nei verbali interni si parla invece di \'furto\'. Sospettata pure una possibile violazione della legge Anselmi. La loggia Torreggiani e\' affiliata al Grande Oriente d\'Italia\".

2. PUGLIA; ASSOLTO EX VICEPRESIDENTE,PDL \'ATTO TARDIVO\'...
(ANSA)
- L\'ex vicepresidente del consiglio regionale pugliese e attuale consigliere regionale del Pdl Lucio Tarquinio e\' stato assolto in via definitiva in Cassazione dall\' accusa di turbativa d\'asta in relazione ad un\'inchiesta sull\' affidamento dell\'appalto per il servizio di guardiania in alcune strutture sanitarie di Foggia. Tarquinio era difeso dall\' avv.Francesco Paolo Sisto. L\'inchiesta risaliva al 2005 e nel dicembre dello stesso anno Tarquinio, che all\'epoca era appunto vicepresidente dell\'assemblea regionale, venne arrestato insieme ad altre sette persone.

\'L\'assoluzione - commenta in una nota il capogruppo del Pdl in consiglio regionale, Rocco Palese, a nome del gruppo - non puo\' non riempirci di sincera soddisfazione per un pur tardivo atto di elementare giustizia che non poteva non essere tale. Resta l\'amarezza per le pesanti sofferenze e gli irreparabili danni inferti ingiustamente a persone innocenti, ivi compresa l\'impossibilita\' da parte di un eletto dal popolo di adempiere a lungo al proprio mandato, e la inquietante considerazione del periodo in cui tale privazione fu imposta, che corrispondeva pienamente ad un turno decisivo di elezioni quali le politiche del 2006\'.

LuigiLuigi De Magistris GetContent asp jpeg

La vicenda \'conferma - conclude Palese - le ragioni sacrosante di una profonda ed indifferibile riforma della giustizia, che ripristini finalmente il vero Stato di diritto anche nei confronti di magistrati piu\' o meno spudoratamente politicizzati, quali quelli che sono passati direttamente dai teoremi a senso unico agli scranni parlamentari e regionali\'.

3. DE MAGISTRIS ASSOLTO: LA VICENDA GIUDIZIARIA...
(ANSA)
- Luigi De Magistris assolto perché il fatto non sussiste. E\' quanto ha deciso oggi la prima sezione del tribunale di Salerno, presidente Teresa Belmonte, che si è pronunciata sulla vicenda che vedeva l\'europarlamentare imputato per il reato di omissione in atti d\'ufficio. I fatti risalgono al periodo in cui De Magistris era magistrato a Catanzaro e traggono origine da una denuncia di Luigi Stifanelli, un commerciante di Nardò in provincia di Lecce, contro i suoi usurai nonostante avesse perso lavoro e casa. I pm della Procura di Lecce non riuscirono però a braccare gli estorsori.

Di qui la volontà di Stifanelli di denunciare gli stessi magistrati. Il fascicolo successivamente passò per competenza alla Procura di Potenza dove però venne archiviato. Il commerciante allora denunciò anche le toghe potentine. Subito dopo entrò in scena Luigi De Magistris. Infatti, all\'ex pm della procura di Catanzaro vennero delegate le indagini nei primi giorni del 2007. Ma il 12 marzo l\'ex pm chiese l\'archiviazione per i colleghi di Potenza. Stifanelli presentò una denuncia per omissione in atti d\'ufficio. Oggi la sentenza che ha assolto l\'ex pm di Catanzaro, difeso dall\'avvocato Stefano Montone del foro di Napoli.

4. FEDERALISMO: OK A CLAUSOLA E TPL, PD SI ASTIENE...
(ANSA)
- La Commissione Bicamerale per il federalismo fiscale ha approvato la \'clausola di salvaguardia\' chiesta dal Pd per evitare l\'aumento della pressione fiscale a seguito dei tagli dovuti al decreto 78 e l\'inserimento nel decreto dell\'impegno per un fondo di 425 milioni per il trasporto pubblico locale alle regioni. A questo punto il Pd si asterrà sul voto finale.

BOSSIBOSSI CABRIOLET

5. FEDERALISMO: OK COMMISSIONE A DECRETO FISCO REGIONI. 15 VOTI FAVOREVOLI, PD SI E\' ASTENUTO...
(ANSA)
- Via libera della commissione bicamerale per il Federalismo al parere sul decreto attuativo relativo al fisco delle Regioni e delle Province. I voti a favore sono stati quindici e il Pd si è astenuto.

6. SCONTRO SU RESPONSABILITA\' MAGISTRATI, SI ATTENDE PARERE COMMISSIONE...
(Adnkronos)
- Sale lo scontro sull\'emendamento alla legge comunitaria, presentato dal relatore, il leghista Gianluca Pini, in base al quale la responsabilita\' civile dei magistrati scatta non piu\' in caso di dolo o colpa grave ma in presenza di violazione manifesta del diritto. La commissione Politiche comunitarie non ha ancora esaminato la proposta, in attesa che la Giustizia esprima il suo parere vincolante. Ed e\' qui che ora si e\' spostato lo scontro.

BERSANIBERSANI

Le opposizioni, Pd, Udc ed Idv, avanzano contestazioni di metodo, riprese anche dalla presidente Giulia Bongiorno, ricordando che e\' gia\' in corso l\'esame di una norma analoga e parlano di \"scippo e strumentalizzazione\".

Poi ci sono le considerazioni di merito. \"Viene stravolto il significato della sentenza della Corte di giustizia europea- ricorda l\'Udc Roberto Rao- e si determina un\'anticipazione del cuore della epocale riforma costituzionale della giustizia. Alfano apra gli occhi\".

RENATARENATA POLVERINI

7. POLVERINI, DOMANDE DA \'L\'ESPRESSO\' SU CASA ATER? HO COSE PIU\' IMPORTANTI...
(Adnkronos)
- \"Mi pare di avere altre cose molto piu\' importanti da fare\". Cosi\' il presidente della Regione Lazio Renata Polverini ha risposto a chi le chiedeva un commento alle dieci domande pubblicate sul sito internet del settimanale \'L\'Espresso\' sulla vicenda della casa dell\'Ater.

BERLUSCONIBERLUSCONI STORACE

8. STORACE, WOODCOCK DUE PESI E DUE MISURE...
(ANSA)
- \"Sopporteremo due pesi e due misure. Woodcock fa processare me per le stesse parole usate da Fini, che però non sarà processato. W la giustizia italiana!\". Lo ha affermato in una nota Francesco Storace, segretario nazionale de \"La Destra\", commentando la sentenza della Consulta che ha annullato la delibera del Senato di insindacabilità per le parole di Storace nei confronti del magistrato.

JohnJohn Henry Woodcock

9. ROMANO, INTERCETTAZIONI TEMA MATURO, LEGGE DA APPROVARE...
(Adnkronos)
- \"Per noi il tema delle intercettazioni e\' abbastanza maturo per approvare la legge in Parlamento e lo abbiamo posto. La questione si trascina irrisolta dai tempi del governo Prodi\". Lo ha detto il ministro dell\'Agricoltura Saverio Romano parlando con i giornalisti alla Camera.

SaverioSaverio Romano

10. DEVASTATO GAZEBO PRO BERLUSCONI DAVANTI A TRIBUNALE MILANO...
(AGI)
- Un uomo, intorno alle 11 di questa mattina, di origine straniera ha strappato cartelli, volantini e materiale che si trovava nei pressi del gazebo davanti a Palazzo di Giustizia dei sostenitori di Silvio Berlusconi. L\'uomo ha riversato tutti i fogli e i cartelli per strada ed e\' stato poi fermato e portato via dalle volanti della Polizia chiamate dai volontari. \"Sembrava fuori di se\' - ha raccontato un giovane sostenitore del premier - e diceva frasi contro il Presidente del Consiglio, affermando che deve essere processato e mandato in galera\". La situazione, ora, e\' tornata tranquilla. Il gazebo ha \'chiuso\', come tutti i giorni, alle 13.

 

 

Condividi questo articolo

politica

COALIZIONE DI TRAVERSO – FORZA ITALIA E LEGA LITIGANO SUGLI EMENDAMENTI ALLA MANOVRA (E LA MELONI GONGOLA): IL SOTTOSEGRETARIO LEGHISTA AL LAVORO, CLAUDIO DURIGON, DERUBRICA L’AUMENTO DELLE PENSIONI, CAVALLO DI BATTAGLIA DI MINIME: “SE NON CI SARANNO LE RISORSE IN QUESTA FINANZIARIA, LO FAREMO DURANTE LA LEGISLATURA”. E I FORZISTI SI INCAZZANO E ACCUSANO IL CARROCCIO: “HANNO FATTO LE BARRICATE SU QUOTA 103, SCEGLIENDO DI MANDARE IN PENSIONE GENTE CHE POTREBBE BENISSIMO CONTINUARE A LAVORARE AL POSTO DI CHI PRENDE UNA MISERIA…”