NON CI SONO PIÙ I MASSONI DI UNA VOLTA: LA LOGGIA TORREGGIANI SI PERDE L’ARMADIO CON L’ARCHIVIO DEI NOMI (CHI TREMA?) - ASSOLTO DE MAGISTRIS PER OMISSIONE D’ATTI D’UFFICIO - ASSOLTO ANCHE L’EX VICE PRESIDENTE PUGLIESE TARQUINIO (PDL) - VIA LIBERA A WOODCOCK PER QUERELARE STORAX - SAVERIO ROMANO CREDE DI ESSERE STATO NOMINATO MINISTRO DELLA GIUSTIZIA E PARLA D’INTERCETTAZIONI INVECE CHE DI ORTAGGI - IL FEDERALISMO PASSA IN COMMISSIONE (PD ASTENUTO!)…

Condividi questo articolo


GustavoGustavo Raffi è il gran maesto del grande Oriente d\'Italia dal 1999 - Massoneria

1. \'PANORAMA\', SCOMPARSO ARCHIVIO LOGGIA TORREGGIANI...
(Adnkronos)
- \"Nomi, cognomi, fascicoli, corrispondenza: l\'intero archivio della loggia massonica \'Italia Domizio Torreggiani\' di Roma e\' scomparso in circostanze misteriose\". Lo rivela il settimanale \'\'Panorama\'\', in edicola domani. Il settimanale precisa inoltre che \"ai carabinieri e\' stato denunciato lo \'smarrimento\' dei documenti, nei verbali interni si parla invece di \'furto\'. Sospettata pure una possibile violazione della legge Anselmi. La loggia Torreggiani e\' affiliata al Grande Oriente d\'Italia\".

2. PUGLIA; ASSOLTO EX VICEPRESIDENTE,PDL \'ATTO TARDIVO\'...
(ANSA)
- L\'ex vicepresidente del consiglio regionale pugliese e attuale consigliere regionale del Pdl Lucio Tarquinio e\' stato assolto in via definitiva in Cassazione dall\' accusa di turbativa d\'asta in relazione ad un\'inchiesta sull\' affidamento dell\'appalto per il servizio di guardiania in alcune strutture sanitarie di Foggia. Tarquinio era difeso dall\' avv.Francesco Paolo Sisto. L\'inchiesta risaliva al 2005 e nel dicembre dello stesso anno Tarquinio, che all\'epoca era appunto vicepresidente dell\'assemblea regionale, venne arrestato insieme ad altre sette persone.

\'L\'assoluzione - commenta in una nota il capogruppo del Pdl in consiglio regionale, Rocco Palese, a nome del gruppo - non puo\' non riempirci di sincera soddisfazione per un pur tardivo atto di elementare giustizia che non poteva non essere tale. Resta l\'amarezza per le pesanti sofferenze e gli irreparabili danni inferti ingiustamente a persone innocenti, ivi compresa l\'impossibilita\' da parte di un eletto dal popolo di adempiere a lungo al proprio mandato, e la inquietante considerazione del periodo in cui tale privazione fu imposta, che corrispondeva pienamente ad un turno decisivo di elezioni quali le politiche del 2006\'.

LuigiLuigi De Magistris GetContent asp jpeg

La vicenda \'conferma - conclude Palese - le ragioni sacrosante di una profonda ed indifferibile riforma della giustizia, che ripristini finalmente il vero Stato di diritto anche nei confronti di magistrati piu\' o meno spudoratamente politicizzati, quali quelli che sono passati direttamente dai teoremi a senso unico agli scranni parlamentari e regionali\'.

3. DE MAGISTRIS ASSOLTO: LA VICENDA GIUDIZIARIA...
(ANSA)
- Luigi De Magistris assolto perché il fatto non sussiste. E\' quanto ha deciso oggi la prima sezione del tribunale di Salerno, presidente Teresa Belmonte, che si è pronunciata sulla vicenda che vedeva l\'europarlamentare imputato per il reato di omissione in atti d\'ufficio. I fatti risalgono al periodo in cui De Magistris era magistrato a Catanzaro e traggono origine da una denuncia di Luigi Stifanelli, un commerciante di Nardò in provincia di Lecce, contro i suoi usurai nonostante avesse perso lavoro e casa. I pm della Procura di Lecce non riuscirono però a braccare gli estorsori.

Di qui la volontà di Stifanelli di denunciare gli stessi magistrati. Il fascicolo successivamente passò per competenza alla Procura di Potenza dove però venne archiviato. Il commerciante allora denunciò anche le toghe potentine. Subito dopo entrò in scena Luigi De Magistris. Infatti, all\'ex pm della procura di Catanzaro vennero delegate le indagini nei primi giorni del 2007. Ma il 12 marzo l\'ex pm chiese l\'archiviazione per i colleghi di Potenza. Stifanelli presentò una denuncia per omissione in atti d\'ufficio. Oggi la sentenza che ha assolto l\'ex pm di Catanzaro, difeso dall\'avvocato Stefano Montone del foro di Napoli.

4. FEDERALISMO: OK A CLAUSOLA E TPL, PD SI ASTIENE...
(ANSA)
- La Commissione Bicamerale per il federalismo fiscale ha approvato la \'clausola di salvaguardia\' chiesta dal Pd per evitare l\'aumento della pressione fiscale a seguito dei tagli dovuti al decreto 78 e l\'inserimento nel decreto dell\'impegno per un fondo di 425 milioni per il trasporto pubblico locale alle regioni. A questo punto il Pd si asterrà sul voto finale.

BOSSIBOSSI CABRIOLET

5. FEDERALISMO: OK COMMISSIONE A DECRETO FISCO REGIONI. 15 VOTI FAVOREVOLI, PD SI E\' ASTENUTO...
(ANSA)
- Via libera della commissione bicamerale per il Federalismo al parere sul decreto attuativo relativo al fisco delle Regioni e delle Province. I voti a favore sono stati quindici e il Pd si è astenuto.

6. SCONTRO SU RESPONSABILITA\' MAGISTRATI, SI ATTENDE PARERE COMMISSIONE...
(Adnkronos)
- Sale lo scontro sull\'emendamento alla legge comunitaria, presentato dal relatore, il leghista Gianluca Pini, in base al quale la responsabilita\' civile dei magistrati scatta non piu\' in caso di dolo o colpa grave ma in presenza di violazione manifesta del diritto. La commissione Politiche comunitarie non ha ancora esaminato la proposta, in attesa che la Giustizia esprima il suo parere vincolante. Ed e\' qui che ora si e\' spostato lo scontro.

BERSANIBERSANI

Le opposizioni, Pd, Udc ed Idv, avanzano contestazioni di metodo, riprese anche dalla presidente Giulia Bongiorno, ricordando che e\' gia\' in corso l\'esame di una norma analoga e parlano di \"scippo e strumentalizzazione\".

Poi ci sono le considerazioni di merito. \"Viene stravolto il significato della sentenza della Corte di giustizia europea- ricorda l\'Udc Roberto Rao- e si determina un\'anticipazione del cuore della epocale riforma costituzionale della giustizia. Alfano apra gli occhi\".

RENATARENATA POLVERINI

7. POLVERINI, DOMANDE DA \'L\'ESPRESSO\' SU CASA ATER? HO COSE PIU\' IMPORTANTI...
(Adnkronos)
- \"Mi pare di avere altre cose molto piu\' importanti da fare\". Cosi\' il presidente della Regione Lazio Renata Polverini ha risposto a chi le chiedeva un commento alle dieci domande pubblicate sul sito internet del settimanale \'L\'Espresso\' sulla vicenda della casa dell\'Ater.

BERLUSCONIBERLUSCONI STORACE

8. STORACE, WOODCOCK DUE PESI E DUE MISURE...
(ANSA)
- \"Sopporteremo due pesi e due misure. Woodcock fa processare me per le stesse parole usate da Fini, che però non sarà processato. W la giustizia italiana!\". Lo ha affermato in una nota Francesco Storace, segretario nazionale de \"La Destra\", commentando la sentenza della Consulta che ha annullato la delibera del Senato di insindacabilità per le parole di Storace nei confronti del magistrato.

JohnJohn Henry Woodcock

9. ROMANO, INTERCETTAZIONI TEMA MATURO, LEGGE DA APPROVARE...
(Adnkronos)
- \"Per noi il tema delle intercettazioni e\' abbastanza maturo per approvare la legge in Parlamento e lo abbiamo posto. La questione si trascina irrisolta dai tempi del governo Prodi\". Lo ha detto il ministro dell\'Agricoltura Saverio Romano parlando con i giornalisti alla Camera.

SaverioSaverio Romano

10. DEVASTATO GAZEBO PRO BERLUSCONI DAVANTI A TRIBUNALE MILANO...
(AGI)
- Un uomo, intorno alle 11 di questa mattina, di origine straniera ha strappato cartelli, volantini e materiale che si trovava nei pressi del gazebo davanti a Palazzo di Giustizia dei sostenitori di Silvio Berlusconi. L\'uomo ha riversato tutti i fogli e i cartelli per strada ed e\' stato poi fermato e portato via dalle volanti della Polizia chiamate dai volontari. \"Sembrava fuori di se\' - ha raccontato un giovane sostenitore del premier - e diceva frasi contro il Presidente del Consiglio, affermando che deve essere processato e mandato in galera\". La situazione, ora, e\' tornata tranquilla. Il gazebo ha \'chiuso\', come tutti i giorni, alle 13.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…