E ORA IL LABOUR SI BUTTA AL CENTRO? IL 71ENNE JEREMY CORBYN LASCIA DEFINITIVAMENTE LA GUIDA DEL PARTITO: “HO FALLITO SULL’OBIETTIVO DI TORNARE AL GOVERNO” - IL SUCCESSORE DOVREBBE ESSERE IL 57ENNE KEIR STARMER, AL SUO FIANCO IN QUESTO QUINQUENNIO COME MINISTRO OMBRA DELLA BREXIT, MA CONSIDERATO PIÙ MODERATO ED 'ECUMENICO' DI LUI...

-

Condividi questo articolo

corbyn corbyn

(ANSA) - Un messaggio per salutare i compagni del Labour, dopo 5 anni segnati da un ritorno a sinistra del partito, ma anche da molte divisioni, da una vittoria elettorale sfiorata a sorpresa nel 2017 e da una disfatta storica nel dicembre 2019. Jeremy Corbyn, 71 anni, dimissionario da 4 mesi, lascia oggi formalmente il timone dell'opposizione britannica al successore che domani sarà proclamato eletto: con ogni probabilità il 57enne Keir Starmer, al suo fianco in questo quinquennio come ministro ombra della Brexit, ma considerato più moderato ed 'ecumenico' di lui, e nettamente favorito nello scrutinio interno che s'è chiuso ieri rispetto alle due rivali donne superstiti, Rebecca Long-Bailey e Lisa Nandy. Un addio in tono minore, oscurato dall'emergenza coronavirus, ma che Corbyn ha voluto comunque suggellare rivolgendosi con passione agli iscritti.

 

Keir Starmer e Jeremy Corbyn Keir Starmer e Jeremy Corbyn

"Ho fallito" sull'obiettivo di riportare il partito al governo, ha ammesso, rivendicando tuttavia di aver contribuito a "cambiare l'agenda" della politica britannica, a scalfire i dogmi dell'austerity e del liberismo economico. Guidare il Labour "è stato l'onore della mia vita", ha sottolineato Corbyn non senza emozione, dicendosi certo che per tornare a vincere il partito debba ritrovare l'unità, ma senza rinnegare la riscoperta della battaglia "per la giustizia sociale, l'uguaglianza, la cura dell'ambiente".

corbyn corbyn

 

Battaglia da cui personalmente non intende ritirarsi, dopo oltre mezzo secolo di militanza: per continuare a "far campagna per il socialismo, la pace, l'equità". Nel giorno del passo d'addio, al suo fianco non è mancata la moglie Laura Alvarez, avvocato e attivista dei diritti umani di origine messicana, che rompendo la ferra discrezione abituale ha difeso in un articolo per il Daily Mirror l'eredità del marito, proclamandosi "orgogliosa" di lui e denunciando con forza coloro che in questi anni lo hanno a suo dire vilipeso: inclusi i nostalgici di un Labour più centrista.

 

Keir Starmer Keir Starmer

"E' stato incredibilmente duro per me", ha scritto Alvarez, "vedere mio marito calunniato e le sue parole distorte dagli oppositori e parte dei media. Ma è stato anche più duro vederlo attaccato nel suo stesso partito. E la brutale ironia di tutto ciò è che uniti avremmo potuto tornare a guidare il Paese, non lasciarlo ai Tory" di Boris Johnson, ha concluso, dichiarandosi convinta che mai come oggi l'impegno irriducibile di Jeremy per la sanità pubblica sarebbe stato utile al governo in tempi di pandemia.

Keir Starmer Keir Starmer

 

Condividi questo articolo

politica

STURM UND TRUMP! IL PRESIDENTE USA PORTATO CON LA FAMIGLIA NEL BUNKER DURANTE LE MANIFESTAZIONI DAVANTI ALLA CASA BIANCA (ERA DALL’11 SETTEMBRE CHE IL BUNKER NON VENIVA UTILIZZATO) – AMERICA IN RIVOLTA DOPO L’OMICIDIO FLOYD. LE RIBELLIONI E LE VITTIME DEL CORONAVIRUS SONO E SARANNO ADDEBITATE A TRUMP. BIDEN VOLA: ORA HA 10 PUNTI DI VANTAGGIO NEI SONDAGGI (SENZA FAR NULLA…). PS: GLI SCONTRI SOCIALI POTREBBERO INCENDIARE ANCHE L’EUROPA, CAUSA POVERTÀ, CHE SI PREFIGURA DILAGANTE…

CRISTALLO IN FRANTUMI – GLI ITALIANI? VISTI DAGLI OCCHI RADICAL CHIC DELLE SARDINE E DALLA LEADER CALABRESE JASMINE CRISTALLO SONO UN POPOLO DI CIUCCI: “L’ITALIA È IL PAESE PIÙ IGNORANTE D’EUROPA E CHE SI PIAZZA IN DODICESIMA POSIZIONE A LIVELLO MONDIALE”, SCRIVE SCAGLIANDOSI CONTRO “GLI INTELLETTUALI INDIGNATI PER IL TONO ‘PATERNALISTICO’ DI CONTE DURANTE L’EMERGENZA SANITARIA” – DETTO DA QUELLI CHE AVEVA TWITTATO CHE ALDO MORO ERA STATO AMMAZZATO DALLA MAFIA…