E ORA IL LABOUR SI BUTTA AL CENTRO? IL 71ENNE JEREMY CORBYN LASCIA DEFINITIVAMENTE LA GUIDA DEL PARTITO: “HO FALLITO SULL’OBIETTIVO DI TORNARE AL GOVERNO” - IL SUCCESSORE DOVREBBE ESSERE IL 57ENNE KEIR STARMER, AL SUO FIANCO IN QUESTO QUINQUENNIO COME MINISTRO OMBRA DELLA BREXIT, MA CONSIDERATO PIÙ MODERATO ED 'ECUMENICO' DI LUI...

-

Condividi questo articolo

corbyn corbyn

(ANSA) - Un messaggio per salutare i compagni del Labour, dopo 5 anni segnati da un ritorno a sinistra del partito, ma anche da molte divisioni, da una vittoria elettorale sfiorata a sorpresa nel 2017 e da una disfatta storica nel dicembre 2019. Jeremy Corbyn, 71 anni, dimissionario da 4 mesi, lascia oggi formalmente il timone dell'opposizione britannica al successore che domani sarà proclamato eletto: con ogni probabilità il 57enne Keir Starmer, al suo fianco in questo quinquennio come ministro ombra della Brexit, ma considerato più moderato ed 'ecumenico' di lui, e nettamente favorito nello scrutinio interno che s'è chiuso ieri rispetto alle due rivali donne superstiti, Rebecca Long-Bailey e Lisa Nandy. Un addio in tono minore, oscurato dall'emergenza coronavirus, ma che Corbyn ha voluto comunque suggellare rivolgendosi con passione agli iscritti.

 

Keir Starmer e Jeremy Corbyn Keir Starmer e Jeremy Corbyn

"Ho fallito" sull'obiettivo di riportare il partito al governo, ha ammesso, rivendicando tuttavia di aver contribuito a "cambiare l'agenda" della politica britannica, a scalfire i dogmi dell'austerity e del liberismo economico. Guidare il Labour "è stato l'onore della mia vita", ha sottolineato Corbyn non senza emozione, dicendosi certo che per tornare a vincere il partito debba ritrovare l'unità, ma senza rinnegare la riscoperta della battaglia "per la giustizia sociale, l'uguaglianza, la cura dell'ambiente".

corbyn corbyn

 

Battaglia da cui personalmente non intende ritirarsi, dopo oltre mezzo secolo di militanza: per continuare a "far campagna per il socialismo, la pace, l'equità". Nel giorno del passo d'addio, al suo fianco non è mancata la moglie Laura Alvarez, avvocato e attivista dei diritti umani di origine messicana, che rompendo la ferra discrezione abituale ha difeso in un articolo per il Daily Mirror l'eredità del marito, proclamandosi "orgogliosa" di lui e denunciando con forza coloro che in questi anni lo hanno a suo dire vilipeso: inclusi i nostalgici di un Labour più centrista.

 

Keir Starmer Keir Starmer

"E' stato incredibilmente duro per me", ha scritto Alvarez, "vedere mio marito calunniato e le sue parole distorte dagli oppositori e parte dei media. Ma è stato anche più duro vederlo attaccato nel suo stesso partito. E la brutale ironia di tutto ciò è che uniti avremmo potuto tornare a guidare il Paese, non lasciarlo ai Tory" di Boris Johnson, ha concluso, dichiarandosi convinta che mai come oggi l'impegno irriducibile di Jeremy per la sanità pubblica sarebbe stato utile al governo in tempi di pandemia.

Keir Starmer Keir Starmer

 

Condividi questo articolo

politica

I SONDAGGI SULLE REGIONALI FANNO TREMARE IL PD, A OGGI QUATTRO REGIONI SICURE AL CENTRODESTRA E TRE IN BILICO - IL 21 SETTEMBRE ZINGA LO RITROVIAMO SOLO NEI CAMPI ROM - E NEL PD STA MONTANDO UNA CRESCENTE COLLERA CHE METTE IN DISCUSSIONE LA SCADENZA DEL 2022 DELL'ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA COME DATA LIMITE PER NON ROMPERE L'ALLEANZA CON I 5STELLE - SE SI SONO RIVELATI IMPOSSIBILI GLI ACCORDI PER LE REGIONALI, UN PATTO PER ELEGGERE IL SUCCESSORE DI MATTARELLA CON I 5STELLE NON E’ AFFATTO GARANTITO - C'E' ANCHE IL RISCHIO CHE RENZI FACCIA SALTARE CONTE AD AGOSTO