PAOLO SAVONA SI INSEDIA ALLA PRESIDENZA DELLA CONSOB - CON IL SUO ARRIVO, LA COMMISSIONE TORNA AD OPERARE NELLA SUA COMPOSIZIONE COMPLETA DI CINQUE MEMBRI - PER QUANTO RIGUARDA IL PARERE DELL'ANTITRUST IN ARRIVO, L’EX MINISTRO PUÒ DORMIRE SONNI TRANQUILLI: ECCO PERCHÈ

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

il ministro paolo savona il ministro paolo savona

Preoccupati per l'insediamento di Paolo Savona in Consob? Niente da preoccuparsi perché si è insediato ufficialmente ieri mattina anche se in molti nella sede della Commissione nazionale per le società e la Borsa lo attendevano con ansia già da lunedì scorso. Solo un piccolo ritardo dovuto alle formalità burocratiche legate alla registrazione del contratto presso la Corte dei Conti che prevede 240mila euro all'anno per 7 anni (anche se in molti speravano venisse utilizzato il "modello Freccero": gratis e soltanto per un anno dato che Savona è in pensione). Ma evidentemente la Consob non è la Rai.

paolo savona paolo savona

 

Ed anche per quanto riguarda il prossimo parere dell'Antitrust, dopo aver già brillantemente superato l'esame Anac, Paolo Savona, può dormire sonni tranquilli. Gli esposti presentati all'Autorità garante della concorrenza e del mercato al momento sono due: uno dal finanziere londinese Giuseppe Bivona e l'altro dal capogruppo Pd in Commissione Finanza Luciano D'Alfonso: "Abbiamo presentato un esposto perché si accertino le eventuali ipotesi di incompatibilità o di conflitto di interessi nella nomina di Paolo Savona a presidente della Consob, sia rispetto alla carica di ministro per gli affari europei ricoperta all'atto dell'approvazione della delibera preliminare del consiglio dei ministri del 5 febbraio 2019, che rispetto ai pregressi incarichi di amministratore e al suo ruolo nel fondo Euklid".

 

GIUSEPPE CONTE PAOLO SAVONA GIUSEPPE CONTE PAOLO SAVONA

Ma a quanto risulta a Dagospia (che già anticipò il via libera dell'Anac di Cantone) Paolo Savona può dormire sonni tranquilli: i super tecnici dell'Authority fanno notare che "nei mesi scorsi il sardo non è stato Ministro di un dicastero economico (questo si che sarebbe stato un problema) e oltretutto da Ministro degli Affari Europei non ha mai avuto deleghe sull'uso dei fondi comunitari (la qual cosa avrebbe potuto configurare un conflitto di interessi)". Insomma, salvo clamorose sorprese, anche l'Antitrust non potrà fare altro che accertare la bontà della nomina Consob targata Conte-Mattarella.

 

Condividi questo articolo

politica