PARTE LA SFIDA PER LA PRESIDENZA PD. IN LIZZA MARTINA, CUPERLO, PINOTTI E L'IPOTESI (DAGOANTICIPATA) DI MATTEO RENZI. IL COLLE ATTENTO ALLE MOSSE DEL TOSCANO: LA NASCITA DI UN NUOVO 'POLO' COSTRINGEREBBE IL PREMIER CONTE A TRATTARE SU TUTTO CON UN INTERLOCUTORE POLITICO CHE RIVENDICHEREBBE PARI DIGNITÀ COME AZIONISTA DI GOVERNO. MA TRA RENZI E MATTARELLA I RAPPORTI SONO GELIDI, ANZI INESISTENTI, DA QUANDO...

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

renzi martina renzi martina

Nell'attesa di capire cosa farà da grande Matteo Renzi (qualsiasi cosa deciderà non lo farà comunque prima della Leopolda) nel partito Democratico ci si interroga su chi prenderà il posto di Paolo Gentiloni come prossimo presidente del PD. Una posizione ambita tanto più ora che il partito di Nicola Zingaretti è tornato al governo. Tra i nomi più accreditati che circolano in queste ore al Nazareno (al netto della possibile offerta di Zingaretti a Matteo Renzi: la Presidenza del partito in cambio dello stop alla scissione, indiscrezione anticipata da Dagospia la scorsa settimana e ripresa in grande stile dai giornaloni stamattina) si fanno quelli di Maurizio Martina, Gianni Cuperlo ed anche una quello di una donna, Roberta Pinotti.

 

Ma a spezzare l'idillio zingarettiano potrebbe però intervenire la nascita del gruppo renziano alla Camera, ipotesi non troppo gradita nemmeno dalle parti del Colle per le fibrillazioni che potrebbe portare in seno al governo e alla maggioranza (la nascita di un nuovo 'polo' costringerebbe il Premier Conte a trattare su tutto con un nuovo interlocutore politico che rivendicherebbe pari dignità come azionista di governo).

 

mattarella e gentiloni mattarella e gentiloni

Ma la cosa non sembra preoccupare più di tanto il toscano (che comunque non ha ancora deciso se e quando fare il grande passo). D'altra parte i rapporti tra Renzi e Mattarella sono praticamente inesistenti ("non si parlano da anni" spiegano dal giglio magico). I rapporti tra i due si interruppero dopo la sconfitta referendaria dell'ex Premier: Renzi avrebbe voluto andare subito al voto (per capitalizzare il 40% ottenuto al referendum) ma il Quirinale disse no preferendo far proseguire la legislatura con la successiva nascita del governo Gentiloni. Da quel momento, rivelano a Dagospia fonti di primo piano del giglio magico, tra il senatore semplice di Rignano e il Quirinale è sceso il gelo. Che dura tutt'ora. E che potrebbe acuirsi in caso di gruppi autonomi parlamentari.

MATTARELLA RENZI MATTARELLA RENZI

 

Ps, dite a Matteo Renzi che, come Dagoanticipato nelle scorse settimane, in caso di scissione dei gruppi parlamentari Luca Lotti, l'attuale Ministro della Difesa Guerini e Marcucci difficilmente sarebbero disposti a seguirlo. E avrebbe perplessità sul progetto anche Maria Elena Boschi...

 

Condividi questo articolo

politica

TOH, GUALTIERI E FRANCESCHINI FINALMENTE HANNO CAPITO CHE IL CONTE CASALINO, DOPO AVER INFINOCCHIATO QUELLO SPROVVEDUTO DI DI MAIO, RESPONSABILE DI AVERLO PORTATO A PALAZZO CHIGI ALL’EPOCA DI SALVINI, HA PRESO PER IL CULO ANCHE IL PD, INCIUCIANDO CON L’INETTO ZINGARETTI – MA, AL DI LÀ DEL MES (I 5STELLE ALLA FINE DIRANNO DI SÌ) I NODI RISCHIANO DI VENIRE PRESTO AL PETTINE PER IL CONTE DELLA VASELINA: COME AFFRONTARE AD ESEMPIO IL DRAMMA DELLA CASSA INTEGRAZIONE, CHE SCADE A SETTEMBRE? I SOLDI SONO FINITI E UNA MONTAGNA DI DISOCCUPATI CHE RISCHIA DI TRAVOLGERE TUTTO E TUTTI