PATTY DADDY MICA MOLLA L’OSSO: STUDIA UN’ALTRA ‘POSIZIONE’ PER IL BANANA INFOJATO - DICE L’ACCHIAPPACAZZI DEL TAVOLIERE: PRONTO UN NUOVO LIBRO CON PARTICOLARI MAI RACCONTATI SU QUELLA NOTTE E CON UN DVD DI FILMATI INEDITI GIRATI A PALAZZO GRAZIOLI, IMMAGINI CHE RIPRENDONO BERLUSCONI A SUA INSAPUTA IN MOMENTI “CALDI” - MONTA IL SOSPETTO: I SERVIZI SEGRETI DIETRO LA ‘VISITA’ DELLA D’ADDARIO A PALAZZO GRAZIOLI - VULPIO: “UNA “MISSIONE TELEGUIDATA” DA UNA PARTE DEI SERVIZI COINVOLTI NELLA STESSA “GUERRA SPORCA” CHE OGGI VEDE PROTAGONISTA, SUO MALGRADO, ELISABETTA TULLIANI”

Condividi questo articolo

Gianluigi Nuzzi per Libero

PATRIZIAPATRIZIA DADDARIO

Allora, Maurizio Sorge, da paparazzo di vip e gossip a stupratore di Patrizia D\'Addario?
«Ma quale stupro non c\'è stato nemmeno un bacio. La verità è che la D\'Addario non ha perso il vizio di registrare ogni giorno video e audio per finalità che rimangono ancora tutte da scoprire. Eravamo da giorni ospiti nella villa salentina dell\'imprenditore Salvatore de Lorentis per un servizio fotografico e delle serate della escort e di alcune ragazze. Entriamo in confidenza. Patrizia ci parlava anche del futuro, di video con immagini inedite di Berlusconi a palazzo Grazioli che avrebbe presto diffuso.

PatriziaPatrizia Daddario gradisca presidente presentazione

D\'improvviso abbiamo scoperto che registrava le nostre conversazioni, ci filmava con i cellulari. Perché? Mistero. Abbiamo preso paura, che intenzioni avrà? E così è stata allontanata da casa con il risultato che ci ha denunciati tutti per abusi sessuali. Prendano pure il mio dna, sono pulito. Non temo nulla».

Partiamo dall\'inizio che è meglio.
«Sono arrivato alla villa lunedì sera 16 agosto. Avevo ricevuto un ingaggio da Fabrizio Citterio, che mi aveva telefonato per mandarmi in Puglia per un servizio fotografico a de Lorentis in risposta a un articolo uscito su DivaDonna della sua ex Carolina Marconi. Citterio mi dice che ci sarà anche la D\'Addario per delle foto...».

PATRIZIAPATRIZIA DADDARIO

Quando conosce la D\'Addario?
«Subito, appena arrivato. Entriamo in simpatia, parliamo di lavori, dei progetti. Eravamo tutti insieme, c\'era lei, c\'erano anche altre ragazze, come Giorgia Nicole Basciano e Arianna Gaia Necchi di Uomini e Donne, c\'era Fabrizio Citterio con la fidanzata Nadia. La D\'Addario dice che è pronta con un nuovo libro, svela particolari mai raccontati finora su quella notte. Il libro è già scritto, ci dice, e uscirà con un dvd con un paio di filmati inediti girati a palazzo Grazioli, immagini che riprendono Berlusconi a sua insaputa in momenti particolari».

Quali?
«Non l\'ho detto nemmeno ai magistrati che mi hanno interrogato ».

Potrebbe dirlo a noi.
«La mattina nel suo bagno. Il premier non ne sapeva niente».

Bel rispetto della privacy sempre stando a quello che vi racconta... magari era una balla per farsi bella.
«Era convinta, determinata. Ci confida che c\'è anche il progetto per un film con Alain Delon con il ruolo di Berlusconi».

Boom.

daddariodaddario sbarca al lido

«Beh per dimostrarlo ci ha mostrato sul telefonino una fotografia ».

E chi ritraeva?
«Lei a cena con Delon. Io non avevo capito ma Citterio l\'ha riconosciuto subito, era lui. Ci ha raccontato che una professionista di fiducia le aveva detto che una persona importante voleva incontrarla. Così lei andò a questa cena trovando al tavolo Delon ».

Addirittura? Torniamo a palazzo Grazioli.
«A me e Citterio questi progetti comunque interessano. Un dvd della D\'Addario su palazzo Grazioli venderebbe centinaia di migliaia di copie. Le propongo di farle da agente, di trovare qualcuno che acquisti i diritti. Suggerisco una divisione quasi a metà: il 60% lo incassa lei, il rimanente io. L\'accordo verbale è quasi fatto tanto che quando la chiama Giorgio Tosi de L\'Espresso per un servizio di foto lei risponde che da quel momento \"Sorgi è il mio fotografo\" tanto che Tosi rinuncia agli scatti».

DaddarioDaddario

Vivevate nella stessa villa?
«Sì, de Lorentis è un imprenditore generoso. Mi aveva proposto di trattenermi sino a domenica prossima, suggerendomi le spiagge dove avrei trovato vip come Biagio Antoniacci, Morandi, Rutelli per delle foto da vendere... L\'altra sera ha pure ospitato tre giocatori della sua squadra di calcio nella foresteria dove dormivo io. Così lunedì sera ci porta tutti a cena. Paga lui il conto a Gallipoli, al ristorante Marechiaro dove andiamo in una dozzina di persone, D\'Addario compresa, per poi passare al bar Torresuda dove Patrizia aveva fatto una serata qualche giorno prima. Dopo andiamo in discoteca a La Praia dove Nicole e Arianna facevano una serata».

daddariodaddario silvio-party a parigi

E siete tornati in villa...
«Alle 4 di mattina, la D\'Addario, Lerry, un collaboratore di de Lorentis ed io rimaniamo nel patio della casa a parlare sino alle 7 di mattina. Lei torna sui video di palazzo Grazioli, su Berlusconi, sul libro che ha scritto, il primo, per il quale si lamenta di aver incassato solo 8 mila euro. Dice che da un anno non fa sesso, che ha vissuto segregata a casa. Si lamenta di non aver mai visto un euro dei soldi ricevuti per le interviste rilasciate a tv e giornali. Insomma, una lagna. L\'indomani dopopranzo la D\'Addario chiede alle ragazze dei tampax perché aveva il ciclo tanto che dobbiamo andare in una boutique a Gallipoli per comprare un pareo e dei costumi per realizzare meglio e \"coperto\" il servizio fotografico. E lì capita il primo incidente...».

Cioè?
«Con Nadia, la compagna di Citterio, andiamo in negozio. La D\'Addario prova costumi, camice, vestiti. Insomma per farla breve acquista abiti per un conto salatissimo: 2.400 euro e chiede a Nadia di pagare come spese di produzione del servizio fotografico. Lei non ci sta, ricorda che per le foto serve solo pareo e costumi, le due litigano e alla fine la D\'Addario sborsa 730 euro mentre 250 li paga Nadia. Patrizia si era presa persino un vestito di Armani che certo non serviva per il servizio fotografico».

ilil set del servizio fotografio di Patrizia D\'Addario, dal blog di Novella 2000

E arriviamo alla vigilia delle violenze denunciate dalla D\'Addario.
«Ma quali violenze? La sera corre via un po\' fredda, cena fuori poi tutti a casa. La accompagno fino alla camera dove mi fa altre confidenze sulla figlia, il marito, una vita incasinata. Cercavo di carpire più notizie possibili per capire se diceva balle anche perché gli affari si moltiplicavano. La D\'Addario, ad esempio, chiedeva 6 mila euro per delle foto glamour che Fabrizio Citterio aveva concordato con Barbieri da scattare all\'hotel Principe di Savoia di Milano ».

ilil set del servizio fotografio di Patrizia D\'Addario, dal blog di Novella 2000

Girava droga in villa?
«L\'unica tirata di spinello l\'ho fatta nel 1976 da ragazzo. Anche qui sono pronto a tutti gli esami, bulbo del capello compreso. Comunque, l\'incidente capita il giorno dopo, mercoledì. Siamo a pranzo in casa quando la cuoca avvisa de Lorentis che la D\'Addario videofilma tutto con i telefonini, con l\'I-phone. Le chiediamo perché e lei scoppia a piangere, io guardo sul cellulare e vedo catalogati almeno venti filmati. Ne apro uno a caso, era stato girato in cucina - filmato innocuo ma ci preoccupiamo ugualmente, ricordando i filmati fatti al premier. Che intenzioni reali ha la D\'Addario? Così l\'accompagniamo in camera per fare le valigie. Lei piange, abbiamo affari insieme dice, \"ma quali affari, non se ne fa più niente e basta\".

ilil set del servizio fotografio di Patrizia D\'Addario, dal blog di Novella 2000

In camera poi dalla borsa salta fuori un altro registratore. Solo audio. Chiedo di potere ascoltare il nastro per sapere se ci aveva registrato. Schiaccio \"start\" e sento gracchiare registrazioni di conversazioni. A decine. È una donna che registra ogni cosa. Ecco registrati colloqui anche illuminanti come quelli della D\'Addario con un giornalista di un importante quotidiano nazionale in cui gli annuncia delle cose contro Berlusconi, della voglia di metterlo di nuovo in quel posto al premier in autunno e che dovevano fare insieme qualcosa il 20 del mese. C\'erano telefonate di lei che manda la figlia contro il padre, poi tra lei e l\'avvocato Antonio Cattaneo e anche con Citterio e il sottoscritto in conferenza».

ilil set del servizio fotografio di Patrizia D\'Addario, dal blog di Novella 2000

E poi che succede?
«La D\'Addario se ne va e noi, che avremmo consumato violenze carnali e chissà cos\'altro siamo talmente preoccupati che andiamo prima a cena fuori al ristorante \"Le tre caravelle\" e poi in discoteca. L\'indomani arriva la polizia, quindici uomini e fanno la perquisizione. Ma la violenza non c\'è stata. Sto preparando una querela per calunnia». È preoccupato? «Sì ma sa di cosa? Non delle accuse ma di questa donna. Se la sinistra si affida a lei per battere Berlusconi siamo proprio alla frutta. E lo dico certo non da berlusconiano. È da quarant\'anni che voto a sinistra».

IlIl Fotto-Romanzo di Patty D\'addario per gentile concessione di \"Oggi\"

IL SOSPETTO: I SERVIZI SEGRETI DIETRO AL PATRIZIA-GATE
La D\'Addario è stato strumento dei servizi segreti? La novità arriva da Carlo Vulpio, inviato del Corriere della Sera e soprattutto già candidato dell\'Italia dei Valori. Insomma, un ex amico di Marco Travaglio, fine conoscitore del D\'Addario gate e che aveva seguito passo dopo passo Luigi De Magistris quando da pubblico ministero a Catanzaro con le sue inchieste voleva mettere sotto scacco mezza Italia.

PatriziaPatrizia Daddario - PER GENTILE CONCESSIONE DI NOVELLA 2000

Oggi Vulpio imbuca su Dagospia, il sito di Roberto d\'Agostino che tutti consultano ma nessuno ammette di amare, una lettera che svela retroscena inquietanti attribuiti proprio alla escort: «La D\'Addario - escort per sua scelta, nessuno le ha imposto nulla - si è comportata da ricattatrice pur di raggiungere i suoi obiettivi (per giunta di molto dubbia legittimità, come il cambio di destinazione di un edificio già condonato in un\'area vincolata)». E poi l\'affondo: «Continuare a pensare, o fingere di pensare, come fa Travaglio, che la visita della D\'Addario a palazzo Grazioli sia stata una zingarata di un\'allegra combriccola di cocainomani e non anche una \"missione teleguidata\" da una parte dei servizi segreti coinvolti nella stessa \"guerra sporca\" che oggi viene vede protagonista, suo malgrado, Elisabetta Tulliani, significa offendere l\'intelligenza propria e l\'altrui».

patriziapatrizia daddario

Una \"missione teleguidata\"dagli 007. Urge saperne di più. Speriamo che intervenga qualche procura a fare chiarezza e non ci debba pensare il solito D\'Agostino.

 

 

Condividi questo articolo

politica