PURGHE PUTINIANE – “MAD VLAD” È SEMPRE PIÙ INCAZZATO PER GLI SCHIAFFONI CHE STA RIMEDIANDO IN UCRAINA, E HA TROVATO I CAPRI ESPIATORI PERFETTI: I GENERALI! GLI ULTIMI A ESSERE FATTI FUORI SONO SERGEJ KISEL, COMANDANTE DELLE FORZE OCCIDENTALI, ACCUSATO DEL RITIRO DA KHARKIV, CHE SAREBBE STATO DESTITUITO O ADDIRITTURA ARRESTATO, E L’AMMIRAGLIO IGOR OSIPOV, COMANDANTE DELLA FLOTTA DEL MAR NERO E RESPONSABILE DELLA FIGURA DI MERDA DELL’AFFONDAMENTO DELL’INCROCIATORE MOSKVA - IL PROSSIMO SARÀ IL CAPO DI STATO MAGGIORE GERASIMOV?

-

Condividi questo articolo


 

 

Enrico Franceschini per “la Repubblica”

 

IGOR OSIPOV IGOR OSIPOV

Una purga di generali, per punirli dei fallimenti nell'invasione dell'Ucraina. Decisa personalmente da Vladimir Putin, furioso per come sta andando la guerra. Nelle prime settimane del conflitto, quando diventò evidente che le truppe russe non riuscivano a conquistare Kiev e che la resistenza era più forte del previsto, il presidente licenziò un paio di capi dell'intelligence, a suo giudizio colpevoli di non averlo bene informato sulla capacità del nemico.

 

Adesso Putin se la prende con i militari. Secondo indiscrezioni diffuse dai servizi segreti ucraini, poi confermate dall'intelligence britannica e infine almeno in parte anche dal Pentagono, il capo del Cremlino ha sospeso il generale Sergej Kisel, comandante delle forze corazzate del distretto occidentale, accusato del fallimentare ritiro da Kharkiv, seconda maggiore città ucraina: sarebbe stato destituito o addirittura arrestato.

vladimir putin vladimir putin

 

Costretto a dimettersi anche l'ammiraglio Igor Osipov, comandante in capo della flotta del Mar Nero, capro espiatorio dell'umiliante affondamento dell'incrociatore Moskva, colpito da un missile di Kiev secondo la versione ucraina e occidentale, vittima di un incendio casuale secondo Mosca.

 

Altre fonti, ricavate da conversazioni sulla chat online dell'esercito su Telegram ma non ancora confermate dall'intelligence di Londra e di Washington, sostengono che la lista degli alti ufficiali defenestrati in questi giorni è più lunga: comprenderebbe anche il generale Vladislav Ershov, comandante della Sesta armata; il generale Arkadij Marzoev, comandante della Ventiduesima Armata; il vice- ammiraglio Sergej Pinchuk, messo sotto inchiesta; e il vicecomandante del generale Kisel, anch' egli coinvolto nella sconfitta di Kharkiv.

SERGEJ KISEL SERGEJ KISEL

 

Lo spionaggio britannico aggiunge che traballa pure la poltrona Valerij Gerasimov, il capo di stato maggiore delle forze armate russe: dato per estromesso già nei giorni scorsi, assente alla parata militare sulla Piazza Rossa del 9 maggio, ricomparso a sorpresa giovedì nella telefonata con il suo omologo americano, il generale Mark Milley, avrebbe «perso la fiducia di Putin», dicono gli 007 di Sua Maestà, sebbene sia possibile che gli venga data un'altra chance.

 

Se si aggiunge che una dozzina di generali russi sono stati uccisi in battaglia, l'invasione dell'Ucraina è stata una disfatta per i militari di Mosca con le stellette sulla divisa.

valerij gerasimov e vladimir putin valerij gerasimov e vladimir putin Valery Gerasimov, capo di Stato Maggiore Russia Valery Gerasimov, capo di Stato Maggiore Russia pierre levy - vladimir putin pierre levy - vladimir putin vladimir putin al vertice del csto patto sulla difesa collettiva vladimir putin al vertice del csto patto sulla difesa collettiva vladimir putin 4 vladimir putin 4 valerij gerasimov 5 valerij gerasimov 5 vladimir putin san nicola vladimir putin san nicola

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! - IN QUESTE ORE, COL M5S IN EBOLLIZIONE, CONTE E' UN ANIMA IN PENA. PER TIRARSI FUORI DALL'IMMAGINE DELL'''UOMO DEI PENULTIMATUM'' (BY GRILLO), CHIAMA GLI ESPONENTI DEL PD PER ANNUNCIARE CHE DOMANI CI SARA' LO STRAPPO DAL GOVERNO, A MENO CHE DRAGHI NON GLI DIA RAGIONE SU TUTTO. ALLE REPLICHE DI LETTA E FRANCESCHINI CHE NON ARRIVERA' UN GOVERNO TECNICO MA IL VOTO ANTICIPATO, CONTE INALBERA IL GHIGNO DI TRAVAGLIO: MEGLIO POCHI CHE MALE ACCOMPAGNATI - BLUFF O NON BLUFF, QUESTO E' IL PROBLEMA (CI PENSERA' GRILLO?)

“LA FIDUCIA? AL MOMENTO È TUTTO FERMO” – IL MOVIMENTO 5 STELLE SI IMPUNTA SUL SUPERBONUS: SENZA UN ACCORDO E UNA NORMA CHE SOLLEVI DALLE RESPONSABILITÀ L’ULTIMO TITOLARE DEL CREDITO, I GRILLINI MINACCIANO DI NON VOTARE IL DL AIUTI – IL PD PROVA A MEDIARE, LA LEGA SPINGE PER LA FIDUCIA AL DECRETO: “SAREBBE UN PRECEDENTE GRAVE, CON NOI CERTE ATTENZIONI NON CI SONO MAI STATE, SI APRIREBBE UN PROBLEMA POLITICO” – DOMANI L’INCONTRO DRAGHI-CONTE: SI CHIARIRANNO O SI APRIRÀ UNA CRISI DI GOVERNO?