"C'E' SINTONIA TRA BIDEN E DRAGHI. LE FORZE STRANIERE DEVONO LASCIARE LA LIBIA" - CON UN DOPPIO COLPO L'INCARICATO D'AFFARI PRESSO L'AMBASCIATA AMERICANA A ROMA, THOMAS SMITHAM, MANDA UN MESSAGGIO A EUROPEI, RUSSI, CINESI E TURCHI - "I RAPPORTI CON L'ITALIA SONO MOLTO IMPORTANTI PER NOI E LA NUOVA AMMINISTRAZIONE VUOLE RAFFORZARE E RINNOVARE I LEGAMI…"

-

Condividi questo articolo


joe biden joe biden

AMBASCIATA USA, C'È SINTONIA TRA BIDEN E DRAGHI

(ANSA) - "C'è sintonia tra l'amministrazione Biden e il governo Draghi. Possiamo lavorare insieme su tanti temi importanti". Lo ha detto in un Forum all'ANSA Thomas Smitham, Incaricato d'Affari Usa, sottolineando che in questo momento c'è sintonia anche tra Usa e Ue. "I rapporti con l'Italia sono molto importanti per noi e la nuova amministrazione vuole rafforzare e rinnovare i legami. In questo contesto la visita di Di Maio a Washington è stata molto importante, è stato un onore accoglierlo come primo ministro degli Esteri. Apprezziamo poi - ha aggiunto Smitham - le parole di Mattarella in occasione dei 160 anni della nostre relazioni".

MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI

 

AMBASCIATA USA, LE FORZE STRANIERE LASCINO LA LIBIA

 (ANSA) - "La Libia è estramamente importante per l'Italia e Blinken e Di Maio hanno parlato nel loro incontro a Washington della necessità di collaborare di più su questo tema. La nostra posizione, comune con Roma, è che le forze straniere debbano lasciare il Paese". Lo ha detto in un forum all'ANSA Thomas Smitham, Incaricato d'Affari presso l'ambasciata Usa in Italia. "Tra poche settimane arriverà qui il nostro ambasciatore in Libia per avere un colloquio con l'Italia su questo tema così importante", ha sottolineato l'attuale numero uno dell'ambasciata.

IL SEGRETATIO DI STATO USA blinken E LUIGI DI MAIO IL SEGRETATIO DI STATO USA blinken E LUIGI DI MAIO

 

Condividi questo articolo

politica

“TUTTO QUESTO HA LO STILE DI UNA VENDETTA POLITICA” – LA DIFESA DI MASSIMO D’ALEMA DALLE ACCUSE DELLA FONDAZIONE DEI SOCIALISTI EUROPEI, CHE SOSTIENE CHE SI SIA INTASCATO ILLEGITTIMAMENTE 500MILA EURO: “IO LO SO DA DOVE VIENE QUESTO ATTACCO” (PERCHÉ NON FA I NOMI?) - “LA RETRIBUZIONE ERA DI 5MILA EURO NETTI AL MESE, E SONO STATO PAGATO MENO DEL VALORE DELLE MIE PRESTAZIONI. DOPO L’USCITA DAL PARLAMENTO AVEVO MOLTE OFFERTE DI LAVORO. IN PARTICOLARE DA UNA SOCIETÀ INGLESE CHE MI OFFRIVA…"

“È DAL FEBBRAIO DEL 1975 CHE L’ABORTO NON È PIÙ UN REATO” - L’AVVOCATO SARA KELANY (ISCRITTA A FRATELLI D’ITALIA) DIFENDE LA MELONI DOPO L’ACCUSA DI SELVAGGIA: “LA PERLA SCOVATA DALLA LUCARELLI SAREBBE CHE LA LEGGE 194 È DEL 1978  E CHE DUNQUE,  ESSENDO GIORGIA DEL 1976, AI TEMPI NARRATI ABORTIRE SAREBBE STATO UN REATO. MA LA CORTE COSTITUZIONALE, CON LA SENTENZA 27/1975, AVEVA ESPRESSAMENTE SANCITO CHE NON POTESSERO ANDARE INCONTRO A CONSEGUENZE PENALI COLORO CHE PROCURAVANO L’ABORTO E LE DONNE CHE VI CONSENTIVANO..."