LO SCENEGGIATORE DEL \"CAINANO\", FRANCESCO PICCOLO, SULL’\"UNITÀ\" LA SPARA GROSSA - \"MA COSA C’ENTRA FINI, I SUOI VALORI DI DESTRA, CON LA GENTE DI SINISTRA? PERCHÉ DOBBIAMO INNAMORARCI PERSINO DI UNO COME BOCCHINO? - LA SPERANZA DEL TRAMONTO DI BERLUSCONI È TALMENTE PRESSANTE CHE SI APPLAUDE DI PIETRO. ORA, SE C’È UNO CHE NON È DI SINISTRA, È LUI - E GRILLO? UN MAESTRO DI POPULISMO. SIAMO ANDATI A FARGLI FESTA NELLE PIAZZE MENTRE CI STAVA FACENDO PERDERE LE ELEZIONI - LA VERITÀ È CHE A SINISTRA ARRUOLIAMO CHIUNQUE SI DICHIARI ANTIBERLUSCONIANO. GIORNALISTI COMPRESI. TIPO TRAVAGLIO. UNO CHE NON HA NIENTE DI SINISTRA\" -

Condividi questo articolo

1 - MA COSA C\'ENTRA FINI CON LA GENTE DI SINISTRA?
Fabrizio Roncone per il Corriere della Sera

«Ma no, mi creda, non è stata una provocazione: sull\'Unità, nella mia rubrica, ho scritto solo una misera, tragica verità». Provi a rispiegarla, Francesco Piccolo. «Allora, prendiamo Fini: ecco, io penso che la sua mossa sia rilevante e che avrà probabilmente conseguenze politiche assai importanti. Ma cosa c\'entra Fini con la gente di sinistra? Perché, negli ultimi giorni, vedo e ascolto invece decine e decine di militanti parlare di Fini come se...».

FRANCESCOFRANCESCO PICCOLO

Come se? Prosegua, coraggio. «Come se non avesse il percorso che conosciamo, e i valori di destra che sappiamo? Perché dobbiamo innamorarci di tutti e persino di uno come Bocchino che, beh, insomma, non ha esattamente il profilo politico di Fini? Il guaio è che invece di guardare a ciò che succede con interesse, noi di sinistra spesso facciamo un tifo scomposto».

GianfrancoGianfranco Fini

Fazioso, a volte miope. «Esatto. La speranza del tramonto di Berlusconi è talmente pressante che rende settari e intolleranti la maggior parte di noi. Alla fine ciò che conta è scagliarsi, aggredire...». A chi sta pensando? «Vuole dei nomi?». Sarebbe meglio. «Di Pietro. Se c\'è uno che non è di sinistra, è lui: eppure tutti là, ad applaudirlo».

Prosegua. «Grillo. Un maestro di populismo. Siamo andati a fargli festa nelle piazze mentre ci stava facendo perdere le elezioni... La verità è che a sinistra arruoliamo chiunque si dichiari antiberlusconiano. Giornalisti compresi». Giornalisti tipo? «Tipo Travaglio. Uno che non ha niente di sinistra, e come lui tanti, tanti altri...».

Un quadro sinistro. «Così infatti non facciamo più politica propositiva, ma sempre e solo di invettiva».
Lei è stato lo sceneggiatore del film «Il Caimano», con cui Nanni Moretti spiegò chi era, per lui, Silvio Berlusconi. «Se sta sottilmente insinuando che anche noi fummo faziosi, sbaglia. Il film trattava Berlusconi molto seriamente, e non con la solita stupida ironia snob di certa sinistra».

antonioantonio di pietro idvGianfrancoGianfranco Fini

2 - SINISTRATI/2: FINI, CON QUALCHE DOZZINA DI PARLAMENTARI, È RIUSCITO IL METTERE IN DIFFICOLTÀ BERLUSCONI PIÙ DI QUANTO ABBIA FATTO IL CENTROSINISTRA
Da Il Velino.it

\"Dovrebbe indurre qualche riflessione nel Pd - osserva Franco Debenedetti su IL FOGLIO - vedere che a Gianfranco Fini, dotato di indubbia esperienza e finezza politica ma certo né un Cavour né un Moro, con qualche dozzina di parlamentari, è riuscito il mettere in difficoltà Berlusconi più di quanto abbia fatto il centrosinistra, che pure in questi sedici anni per due volte è andato al governo.

Piuttosto che aggrapparsi ai distinguo, converrebbe riconoscerne la ragione: Fini ha parlato di politica. Ricordiamolo sulla giustizia: il suo rifiuto, specifico e motivato, del processo breve, aveva più forza dialettica di quello totale e pregiudiziale, dunque antipolitico, del centrosinistra. Questo, quando prova ad avanzare proposte politiche, finisce per disorientare il suo elettorato.

beppebeppe grillo TRAVAGLIOTRAVAGLIO

Da ministro del governo Prodi, Pier Luigi Bersani, aveva fatto approvare le famose ‘lenzuolate\': nello zelo era incappato in alcuni passi falsi, ma si era cucito addosso l\'immagine del liberalizzatore. Che cosa capisce l\'elettore di sinistra adesso che lo vede proporre, per compiacere Di Pietro, di abrogare il decreto Ronchi sulla liberalizzazione, non già dell\'acqua, che resta un bene pubblico, ma della manutenzione di una rete che anch\'essa resta pubblica?

Che senso ha, ancor più dopo l\'avanzata leghista al nord, lasciare solo Chiamparino a sostenere che nei servizi pubblici locali gli interessi dei comuni si possono salvaguardare senza detenere partecipazioni di maggioranza, e forse senza detenerne del tutto? ‘Il Pd è un partito fondato sul lavoro\', si legge sui manifesti. Fondato come vorrebbe Pietro Ichino, e molti con lui in entrambi gli schieramenti, oppure come propone Tito Boeri, o come Cesare Damiano che chiude all\'uno e all\'altro?

IlIl caimano ITALOITALO BOCCHINO

Il governo propone l\'arbitrato e ci fa una figuraccia, mostrandosi inetto perfino nello scrivere le norme: il Pd, invece di contrapporvi una posizione lungimirante, che tenga conto di come è cambiato il mercato del lavoro, preferisce incassare subito la riconferma dello status quo legislativo.

Fini - prosegue Debenedetti su IL FOGLIO - contesta la versione ufficiale per cui il ritardo nel presentare le liste elettorali nel Lazio sarebbe dovuto a un complotto di Radicali prepotenti e di giudici comunisti. Ma quando è scoppiato il caso, il Pd anziché cogliere l\'occasione di mostrarsi al paese come il partito che garantisce il gioco democratico, e offrire la soluzione legislativa per uscire dal pasticcio, preferisce cercare il proprio, illusorio come si è poi visto, vantaggio a breve.

IlIl caimano IlIl caimano

Sul federalismo, è comprensibile che chi ha fatto la riforma del titolo V sperando di portar via alla Lega qualche voto e non perdere le elezioni abbia difficoltà a presentare proposte credibili. Ma sul fisco, tema centrale del rapporto tra il cittadino e lo stato, Nicola Latorre sul Corriere chiede di ridurre l\'imposizione fiscale.

Carlo De Benedetti, sul Foglio, pone questo obbiettivo all\'interno di un progetto più articolato: quanti vi vedono uno sberleffo a Tremonti, cui così si rinfaccia di non avere fatto nulla per attuare i suoi virtuosi propositi di sedici anni fa, anche se questi possono trovare consensi allargati, e quanti invece solo per rispetto si trattengono dal gridare all\'inciucio?

bersanibersani

Dopo il drammatico scontro pubblico, la segreteria Pd punta sull\'obbiettivo a breve: arruoliamo Fini (e en passant Montezemolo e Casini) in una grande alleanza viola. Già intellettuali ricordano i giorni gloriosi dei girotondi come ‘festa della democrazia\' (Guido Crainz su Repubblica).

prodiprodi piange

D\'altra parte, senza un\'identità propria, un\'idea di paese, un programma, dove altro si può andare a parare? E\' possibile formare una maggioranza che condivida le idee del Bersani d\'antan, di Ichino sul lavoro, di Carlo De Benedetti sul fisco? La sinistra-sinistra, dopo le lezioni del 1998 e del 2007, avrà capito che conviene accettare con disciplina la vita da opposizione interna: a mettersi di traverso resta l\'antiberlusconismo duro e puro.

MASSIMOMASSIMO DALEMA MISTICO

Il Pd potrebbe scegliere la strategia a medio termine di conquistare le parti di elettorato che si renderanno disponibili con il mutare dei rapporti di forza all\'interno del centrodestra, facendo proprie le istanze - sul fisco, sulla giustizia, sulle libertà economiche - che esse esprimono e che Berlusconi ancora lascia insoddisfatte.

Invece, pressato dal ricatto dell\'antiberlusconismo pregiudiziale, sceglie l\'obbiettivo di breve termine, sperando di trarre vantaggio dalle debolezze dell\'ultima fase del berlusconismo. Non resta che attendere: i laburisti inglesi l\'hanno dovuto fare per... anni prima di ritornare al governo. Ma il Pd non si disperi: dopotutto Berlusconi non è una Thatcher\", conclude Debenedetti su IL FOGLIO.

 

 

Condividi questo articolo

politica

FRUCI DELLA RIBALTA - A DIFFERENZA DI TANTI SOLONI MORALISTI, SIAMO FELICI DI ESSERE ITALIANI; PIÙ ESATTAMENTE CI DIVERTE. DEL RESTO, QUANDO C'È IL M5S CHE LAVORA PER TE, PER IL TUO BUON UMORE, SIGNIFICA VIVERE IN UNA CONDIZIONE CHE ASSOMIGLIA AD UNA SEDUTA SPIRITICA DA BURLA, CON COMICI DEPUTATI, UMORISTI MASCHERATI DA SENATORI, SPIRITI SOLLAZZEVOLI CHE HANNO TRASFORMATO LA POLITICA IN CABARET. SUCCEDE SOLO QUI CHE IL NUOVO ASSESSORE ALLA CULTURA DI ROMA E’ LORENZA FRUCI, ESPERTA DI BURLESQUE E DI PIN-UP - L’ULTIMA BURLA DI VIRGINIA RAGGI CHE, AL POSTO DI LUCA BERGAMO, HA SCELTO LA COMPAGNA DI CLASSE 43ENNE, FINO A OGGI DELEGATA ALLE PARI OPPORTUNITA’ DEL CAMPIDOGLIO, TEORICA DELLO SPOGLIARELLO COME ''PORTAVOCE DI UNA NUOVA VISIONE DELLA DONNA, FINALMENTE PADRONA DEL PROPRIO CORPO E DEI PROPRI SENTIMENTI” - VIDEO