SCUSATE, SE IN DATA 11 NOVEMBRE 2010 DAGOSPIA AVEVA GIà SVELATO LE NOTTI DEL BUNGA BUNGA (NELL’INDIFFERENZA TOTALE GIORNALI) - TITOLO: \"IL BUNGA BUNGA È L’INSEGNA DI UNA DISCOTECA. COSTRUITA SCAVANDO SOTTO VILLA SAN MARTINO. LUCI STROBOSCOPICHE, UN PALCO, I SOLITI PALI DELLA LAP-DANCE E 5/6 SIGNORINE IN SCENA UOMO-VESTITE. MA IL COLPO DI SCENA CHE FA TANTO SGHIGNAZZARE UNA PLATEA COMPOSTA DI SOLITO DA UNA TRENTINA DI PERSONE È IL FATTO CHE LE RAGAZZE A CACCIA DI MARKETTE HANNO CALZATO SUL VOLTO ANCHE UNA MASCHERA CHE HA I CONNOTATI DI OBAMA, SARKOZY, ZAPATERO. O DI QUALCHE MINISTRO... \"

Condividi questo articolo


Da DAGOSPIA dell\'11 novembre 2010
http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/articolo-20168/1.htm

BERLUSCONI-RUBYBERLUSCONI-RUBY

DAGOREPORT - AD ARCORE VA IN SCENA IL PORNO-BAGAGLINO
Non esiste solo il Bunga-Bunga barzelletta o il Bunga-Bunga che dà il titolo a un collaudato spettacolino di Teatro Burlesque, con qualche signorina travestita da esploratrice a zonzo nella jungla che viene catturata da qualche nerboruto negrone o magari da una tosta regina d\'Africa e legata a un palo, torturata sessualmente e poi impalata per la gioia di una platea a caccia di emozioni sessuo-esotiche.

BarbaraBarbara Faggioli

No, esiste anche un altro Bunga-bunga. A svelarlo a Dagospia è una ragazza che ha partecipato allo \"svago post prandiale\" preferito da Berlusconi. Certo, non abbiamo nessuna prova, le foto ci sono ma nessuno, per ora le tira fuori, ma altre testimonianze ci assicurano che quanto scodellato non è per niente campato in aria.

BarbaraBarbara Guerra

Dunque. Il Bunga Bunga è l\'insegna di una discoteca. Costruita scavando sotto Villa San Martino, mejo nota come residenza del Banana di Arcore. Un locale che rappresenta una sorta di porno-Bagaglino che si riempie con la solita comitiva lelemoresca di fanciulle in fiore a caccia della marchetta che aiuti ad arrivare a fine mese, più qualche presenza occasionale di deputate in calore.

Una volta che Lor Signori hanno guadagnato tavolo e posto, decolla lo spettacolino. Che non ha nulla a che vedere con il Burlesque sessuo-afro. Perché a salire sul palco, sulle ali di qualche pezzo di Lady Gaga, sono cinque o sei fortunate completamente vestite da uomo.

BarbaraBarbara Guerra

Ma il colpo di scena che fa tanto sghignazzare una platea composta di solito da una trentina di persone è il fatto che le ragazze, oltre ad essere uomo-vestite, hanno calzato anche una maschera che ha i connotati di un presidente: Obama, Sarkozy, Lula, Cameron, Zapatero. O di qualche ministro.

E subito cominciano ad attorcigliarsi come edera ai pali da lap-dance, quindi \"Obama\" inizia a spogliare \"Zapatero\", \"Sarkozy\" toglie la camicia a \"Lula\", \"Cameron\" a smutandare \" Cameron\".

IrisIris Berardi

E\' facile capire come andrà a finire il teatrino con una ammucchiatona dove ti puoi anche addormentare tanto nessuno se ne accorge...

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”