IL VITTIMISMO NON SERVE A NIENTE: VA BENE STREPITARE CONTRO L’EUROPA, MA LA RESPONSABILITÀ DEL CAOS MEDITERRANEO CE L’HA ANCHE LO STATO ITALIANO – SULL’EMERGENZA MIGRANTI S’IMPONE UNA DOMANDA: È DA UN DECENNIO CHE SAPPIAMO CHE LA SITUAZIONE SI RISOLVE SOLO TROVANDO LA QUADRA CON LIBIA E TUNISIA. ALLORA COM’È POSSIBILE CHE NESSUN GOVERNO ITALIANO, DI DESTRA, SINISTRA O CENTRO, SIA RIUSCITO A TROVARE LA SOLUZIONE? È SEMPRE COLPA DEGLI ALTRI STATI UE CHE CI ABBANDONANO O SIAMO PIPPE NOI?

-

Condividi questo articolo


Francesca Basso per il “Corriere della Sera”

 

LE ROTTE DEI MIGRANTI VERSO L ITALIA LE ROTTE DEI MIGRANTI VERSO L ITALIA

È stata la riunione delle convergenze parallele in cui tutti i Paesi Ue hanno espresso le proprie difficoltà nei confronti del fenomeno migratorio e tenuto il punto.

 

Ma tutti hanno convenuto che «bisogna trovare una strada comune», rimandata al consiglio ordinario Affari interni dell'8 dicembre, come ha spiegato il ministro ceco dell'Interno Vít Rakuan al termine del consiglio straordinario di ieri pomeriggio, che ha insistito sul fatto che «è stato su tutte le rotte migratorie».

 

La riunione di ieri è stata convocata su richiesta della Commissione (e fortemente voluta da Parigi) dopo lo scontro tra Italia e Francia sul caso della nave Ocean Viking, che Roma non ha fatto sbarcare.

 

GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN

Per il Mediterraneo centrale la Commissione ha presentato nei giorni scorsi un piano d'azione in 20 punti che ieri è stato accolto con favore da tutti. La commissaria agli Affari interni Ylva Johansson ha annunciato che presenterà presto un piano d'azione per la crisi migratoria anche per la rotta balcanica.

 

Lo sforzo è stato di evitare scontri e creare un clima «positivo» ma le distanze sono rimaste. Il ministro dell'Interno Piantedosi, al termine del Consiglio si è definito «molto soddisfatto» e ha spiegato che i rapporti con la Francia sono «normalissimi e buonissimi» e che «non c'è stata nessuna necessità di confronto».

 

piantedosi piantedosi

Il ministro francese Gérald Darmanin al suo arrivo aveva detto che «se l'Italia non prende navi, non accetta la legge del mare, non c'è più motivo di fare i ricollocamenti». Piantedosi ha anche aggiunto che «all'Italia non sono state fatte richieste». Nel suo intervento il ministro ha chiesto «un impegno strutturale e più coraggioso» all'Ue sulla dimensione esterna del fenomeno migratorio, ripensando alla radice «l'impegno dell'Ue nel continente africano» e «rafforzando la collaborazione con i principali Paesi di origine e soprattutto di transito».

 

MIGRANTI IN UN CAMPO DI DETENZIONE IN LIBIA MIGRANTI IN UN CAMPO DI DETENZIONE IN LIBIA

C'è stata l'apertura, ha detto Rakuan, a «interventi finanziati direttamente dalla Ue che possano impedire le partenze e rafforzare i meccanismi di rimpatrio». La Spagna ha comunque già detto no all'ipotesi di hotspot in Africa.  Quanto al caso Ocean Viking, Piantedosi ha detto che nella riunione «non si è trattato di casi singoli né di gestione operativa».

 

Il vicepresidente della Commissione Ue, Margaritis Schinas, ha ribadito l'apertura a un codice di condotta per le Ong (che invece non piace alla Germania), ricordando però che l'esecutivo «non ha le competenze legali»: «Le operazioni delle Ong non possono avvenire nel selvaggio west, serve ordine, un quadro di cooperazione, dialogo con Stati membri e Ong».

 

E di fronte all'ipotesi di un nuovo caso Ocean Viking, per Schinas non ci sono dubbi su come ci si debba comportare al di là del nuovo piano d'azione: «Non stiamo improvvisando - ha detto - il diritto internazionale obbliga gli Stati responsabili della zona Sar nelle acque internazionali di fare il necessario, cioè salvare la vita delle persone, farle sbarcare nei loro porti e registrare il loro status».

OCEAN VIKINGS - MEME BY CARLI OCEAN VIKINGS - MEME BY CARLI

 

Il piano comunque è «importante» perché dà «una lettura positiva alla politica europea della migrazione agli occhi dei populisti, degli estremisti e degli xenofobi che hanno utilizzato l'Ocean Viking per attaccare l'Europa».

margaritis schinas margaritis schinas le autorita francesi bloccano i migranti a ventimiglia 3 le autorita francesi bloccano i migranti a ventimiglia 3 margaritis schinas margaritis schinas ursula von de leyen giorgia meloni fumio kishida pedro sanchez g20 bali ursula von de leyen giorgia meloni fumio kishida pedro sanchez g20 bali IL TWEET DI SALVINI SUL CASO OCEAN VIKING IL TWEET DI SALVINI SUL CASO OCEAN VIKING VIGNETTA ELLEKAPPA - SALVINI MELONI E IL CASO OCEAN VIKING VIGNETTA ELLEKAPPA - SALVINI MELONI E IL CASO OCEAN VIKING giorgia meloni ursula von der leyen 3 giorgia meloni ursula von der leyen 3 giorgia meloni ursula von der leyen 2 giorgia meloni ursula von der leyen 2 le autorita francesi bloccano i migranti a ventimiglia 1 le autorita francesi bloccano i migranti a ventimiglia 1

 

Condividi questo articolo

politica

GLI EFFETTI DELLA GUERRA MELONI-RAMPELLI NON PREOCCUPANO FRANCESCO ROCCA, CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE LAZIO, CHE SI SENTE LA VITTORIA IN TASCA - COME DAGO-RIVELATO RAMPELLI, COMMISSARIATO DA DONNA GIORGIA, PUNTA A “CONTROLLARE” ALMENO 5-6 CONSIGLIERI NEL LAZIO PER AVERE LA GOLDEN SHARE SULLA PROSSIMA AMMINISTRAZIONE DI CENTRODESTRA. IL CANDIDATO GOVERNATORE È PIÙ TRANQUILLO. “FARANNO A GARA A SFIDARSI SULLE PREFERENZE E FARANNO GUADAGNARE VOTI ALLA COALIZIONE” – LA GRANA AUTONOMIA (CHE NON PIACE A ROCCA)…

DAGOREPORT – GIORGIA MELONI HA DECISO DI TAGLIARE DEFINITIVAMENTE LE VECCHIE RADICI (EURO-SCETTICISMO E SOVRANISMO): STA TRATTANDO UN’ALLEANZA TRA IL SUO GRUPPO ECR, CONSERVATORI E RIFORMISTI, E IL PPE IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE DEL 2024 – A NEGOZIARE CON BRUXELLES CI PENSA IL MINISTRO DEGLI ESTERI, ANTONIO TAJANI, GRANDE AMICO DEL PRESIDENTE DEL PPE MANFRED WEBER (BERLUSCONI, CHE SOGNAVA DI TRAGHETTARE GLI EX MISSINI NEL SALOTTO DEMOCRATICO EUROPEO, E' STATO SCAVALCATO) - NUOVO RAPPORTO TRA GIORGIA E URSULA CHE SOGNA LA RICONFERMA COME PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE – L’OSTACOLO POLACCO E I SOCIALISTI FIACCATI DAL QATARGATE

SAPETE QUAL ERA IL MITO DI GIORGIA MELONI AI TEMPI DEL LICEO? MICHAEL JACKSON -  A “UN GIORNO DA PECORA” LE RIVELAZIONI DI UNA EX COMPAGNA DEL LICEO DELLA DUCETTA: “IL SUO BRANO PREFERITO ‘MAN IN THE MIRROR’. A 16 ANNI, ANDAMMO A UN SUO CONCERTO A ROMA. PRIMA PROVAMMO A VEDERLO SOTTO L’HOTEL IN CUI SOGGIORNAVA, LEI ERA EMOZIONATISSIMA – A SCUOLA LA CHIAMAVAMO PER COGNOME, ‘LA MELONI’. ERA L’UNICA CHE DOVEVA LAVORARE PER AIUTARE A CASA. MA ERA UNA SECCHIONA “AVEVA LA MEDIA DEL 9”