I CONTI DELLA JUVE PIANGONO, MA IL CAMBIO DI ROTTA È GIÀ IN CORSO – I BIANCONERI HANNO GIÀ INIZIATO A LAVORARE PER COLMARE LE PERDITE REGISTRATE NELL’ULTIMO BILANCIO, CEDENDO GIOCATORI DALL’INGAGGIO PESANTE E PRENDENDO ALTRI CHE GUAGNANO MENO – I COSTI DIPENDONO ANCHE DAGLI STIPENDI DEGLI ANNI PRECEDENTI COME DOUGLAS COSTA E CRISTIANO RONALDO E SONO ATTESI EFFETTI POSITIVI SUL BILANCIO DOPO CHE SARANNO SMALTITI…

-

Condividi questo articolo


Domenico Marchese per www.repubblica.it

 

pavel nedved, andrea agnelli, maurizio arrivabene e federico cherubini pavel nedved, andrea agnelli, maurizio arrivabene e federico cherubini

Nonostante l'ultimo rosso (-254 milioni) l'inversione di tendenza è nella strategia, nell'ultimo mercato si è puntato a diminuire il monte ingaggi e a operare sui parametri zero I primi segnali sul cambio di rotta nella gestione economica e finanziaria della Juventus sono arrivati con la pubblicazione del bilancio consolidato di ieri sera, anche se le prime avvisaglie si erano avute nel mercato estivo.

 

Innanzitutto il "Piano di performance shares", che in tre esercizi compenserà le figure con responsabilità e ruoli strategici all'interno del club attraverso "compensi basati su strumenti finanziari". Si cerca di cambiare rotta, di invertire la tendenza che ha portato, complice anche la pandemia che negli ultimi tre esercizi ha colpito tutte le aziende del settore, a cinque bilanci in rosso consecutivi chiusi con il -254 dell'ultimo, record per il calcio italiano.

andrea agnelli davanti agli azionisti della juventus 1 andrea agnelli davanti agli azionisti della juventus 1

 

IL MERCATO E L'ABBATTIMENTO DEI COSTI

Oltre ai due aumenti di capitale sottoscritti tra il 2019 e il 2021, per un totale di 700 milioni, nell'ultimo mercato si è puntato a diminuire il monte ingaggi e a operare sul mercato dei parametri zero. Nonostante ciò "i costi operativi risultano in aumento principalmente per il personale tesserato (€ +27,7 milioni) e per i servizi esterni (€ +10,4 milioni), in parte compensato da minori oneri da gestione diritti calciatori (€ -5,5 milioni). 

 

andrea agnelli davanti agli azionisti della juventus 3 andrea agnelli davanti agli azionisti della juventus 3

A fronte di tali maggiori costi, sono stati registrati minori ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni per complessivi € 31,9 milioni (di cui € 24,1 milioni correlati al personale tesserato)". Costi che, però, dipendono principalmente ancora dal processo di smaltimento degli stipendi degli anni precedenti (Douglas Costa e Ronaldo per citarne due, ndR) che è andato a smaltimento in questo bilancio. Ecco perché gli effetti positivi sono attesi nei prossimi esercizi anche per le incisive azioni di sviluppo dei ricavi e di razionalizzazione dei costi "impostate a partire dall'esercizio 2020/2021 e aventi efficacia nel medio periodo". 

AGNELLI CRISTIANO RONALDO JUVENTUS BENEVENTO AGNELLI CRISTIANO RONALDO JUVENTUS BENEVENTO

 

Nell'ultima sessione, quella estiva, la Juventus ha chiuso il mercato con un attivo di 4 milioni, anche se nel bilancio viene presa in considerazione anche la sessione invernale in cui sono arrivati a Torino Vlahovic e Zakaria.

 

L'ACCORDO SUGLI STIPENDI SOTTO LA LENTE DELLA CONSOB

La Juventus ha anche fornito un aggiornamento sulla vicenda legata all'accordo firmato con i calciatori per lo slittamento di una parte degli stipendi, trovato durante il lockdown del 2020. La Consob ha iniziato ad effettuare controlli e verifiche ad inizio 2021 per "alcune criticità con riferimento alla contabilizzazione di talune operazioni", come comunicato dallo stesso ente. 

ANDREA AGNELLI CON MAURIZIO ARRIVABENE E PAVEL NEDVED ANDREA AGNELLI CON MAURIZIO ARRIVABENE E PAVEL NEDVED

 

Nella nota pubblicata ieri la Juventus ha affermato di fornire collaborazione "con l'Autorità e confida di chiarire ogni aspetto di interesse, ritiene di aver costantemente operato nel rispetto delle leggi e delle norme che disciplinano la redazione delle relazioni finanziarie, in conformità agli applicabili principi contabili e relativi criteri di applicazione e in linea con la prassi internazionale della football industry, come inoltre confermato dai pareri sulle questioni di natura legale e tecnico-contabile acquisiti dalla Società".

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ETICA E COTICA – URSULA VON DER LEYEN HA GLISSATO DI FRONTE ALLE DOMANDE SUL SUO ABITO BLU NOTTE: A CHI LE CHIEDEVA CHI FOSSE LO STILISTA, HA RISPOSTO CANDIDAMENTE DI NON RICORDARSI IL NOME, A DIFFERENZA DI GIORGIA MELONI, CHE HA SUBITO URLATO “ARMANI” A QUANTI LE FACEVANO LA STESSA DOMANDA. MORALE DELLA FAVA? LA DIMENTICANZA DI URSULA SIGNIFICA CHE QUEL VESTITO SE L’È COMPRATO. CHI INVECE TENDE A RIVELARE CON ECCESSIVA FOGA (E POCA ELEGANZA) IL MARCHIO DELL’ABITO CHE INDOSSA, DI SOLITO LO FA PERCHÉ SI TRATTA DI UN REGALO…

business

cronache

10 ANNI FA MORIVA RICCARDO SCHICCHI, L’UOMO CHE HA CAMBIATO IL COMUNE SENSO DEL PUDORE IN ITALIA - BARBARA COSTA: “HA AVUTO TRE GRANDI AMORI, E TUTTI PORNO E TUTTI UNGHERESI: ILONA, MERCEDES AMBRUS, E EVA HENGER. È JEFF KOONS CHE PORTA VIA ILONA A SCHICCHI. E LUI CE L’HA AVUTA ANNI A MORTE CON L’ARTISTA E LO DEMOLISCE, NEL SUO MEMOIR: ‘QUEST’UOMO SI VANTAVA DI AVERE 8 RAPPORTI SESSUALI AL GIORNO, MA AL DUNQUE CON ILONA, SUL SET, DOVEVAMO "SOSTENERE" IN MILLE MODI…’. IN UNA INTERVISTA DEL 2010 A "L’ESPRESSO” SCHICCHI HA RIVELATO: “IL GIORNO DEL MATRIMONIO TRA JEFF E ILONA, MENTRE LUI SI VESTIVA DA SPOSO, IO E ILONA ABBIAMO FATTO L’AMORE NELLA STANZA DELLA SPOSA…”

sport

cafonal

viaggi

salute