GIOCHI PREZIOSI: “IL CALCIO AL TEMPO DEL COVID? UN DISASTRO. IO UN SELF MADE MAN? DOVREI VIVERE IN AMERICA, LI' I MERITI VENGONO RICONOSCIUTI” – IL PRESIDENTE DEL GENOA A "CAMPIONI DEL MONDO" SU RADIO 2 PARLA DEL TAGLIO DEGLI STIPENDI AI CALCIATORI, DELLA SUPERLEGA, DI GRAVINA E DELLA CORSA ALLA PRESIDENZA FIGC - IL GENOA? C'È SEMPRE UN MOMENTO PER INIZIARE E UNO PER FINIRE. IL PROBLEMA È SEMPRE A CHI LASCI: FINORA GLI INTERLOCUTORI SONO STATI POCO CREDIBILI. SPERO CHE…”

-

Condividi questo articolo

preziosi preziosi

Francesco Persili per Dagospia

 

“Il calcio al tempo del Covid? Un disastro”. Il presidente del Genoa Enrico Preziosi parla ai microfoni della trasmissione di Radio 2 “Campioni del Mondo” condotta da Marco Lollobrigida della “crisi generale” di quella che è una delle dieci principali industrie italiane. Stadi vuoti, difficoltà con le tv (c’è una causa aperta tra la Lega Serie A e Sky), le aziende dietro alle società che soffrono, tutto il sistema è in difficoltà.

 

preziosi preziosi

E i calciatori? Il taglio degli stipendi può essere uno strumento a disposizione dei presidenti? “I costi sono fissi, le entrate non ci sono, è evidente che questo crea problemi. Bisogna capire la strada più semplice per differire, ridurre un po’, fare qualche sacrificio. Bisogna prendere atto della situazione, i giocatori non sono spettatori, ma i protagonisti”.

 

de laurentiis preziosi de laurentiis preziosi

Preziosi si sofferma anche sull’ingresso dei fondi nella media company creata per gestire e commercializzare i diritti tv. “Abbiamo perso oltre 250 milioni di fatturato per il Covid. I fondi hanno prospettive a lungo termine. E così che si deve pensare in un momento di crisi: chi investe pensa che il Covid sarà sconfitto e che ci sarà una ripresa”. Sulla Superlega, “sbocco inevitabile” per Andrea Agnelli, il patron genoano si dice contrario a “certi tipi di cambiamento”: “Escludere alcune città o regioni è impossibile da noi. Non rientra nello spirito italiano”.

 

“Il Genoa? Sono 18 anni che sono qui. C'è sempre un momento per iniziare e uno per finire. Il problema è sempre a chi lasci: finora gli interlocutori sono stati poco credibili. Spero che possa esserci una trattativa che dia soddisfazione a chi cede e soprattutto a chi arriva”.

de laurentiis preziosi 1 de laurentiis preziosi 1

 

Preziosi ha confermato l'operazione di mercato con il Marsiglia che porterà a Genova l'ex romanista Kevin Strootman, dà ragione a Ciccio Graziani sul problema delle rose troppo ampie (“Dovremmo avere 18 giocatori più 6 giovani, ci sono tantissimi sprechi”) e dà il suo endorsement a Gravina nella corsa alla presidenza Figc: “Ha fatto un grandissimo lavoro. Si è guadagnato la stima di tutti. Per quanto mi riguarda, il voto per lui è certo". Finale con Domenico Marocchino sulla sua storia imprenditoriale: “Io un self made man? Dovrei vivere in America, lì certi meriti vengono riconosciuti…”

ENRICO PREZIOSI ENRICO PREZIOSI ENRICO PREZIOSI ENRICO PREZIOSI

 

strootman strootman GALLIANI PREZIOSI GALLIANI PREZIOSI ENRICO PREZIOSI ENRICO PREZIOSI STROOTMAN STROOTMAN

 

preziosi foto mezzelani gmt047 preziosi foto mezzelani gmt047 preziosi foto mezzelani gmt046 preziosi foto mezzelani gmt046 ballardini preziosi ballardini preziosi

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

COME MAI IL TITOLO DELLA CATENA DI VIDEOGIOCHI “GAMESTOP”, CHE NON SE LA PASSA BENISSIMO, HA FATTO +5000% IN UN MESE A WALL STREET? È TUTTO MERITO DI UN CANALE REDDIT CHE VUOLE FREGARE I COLOSSI DELLA SPECULAZIONE, SPECIALIZZATI NELLO SHORT SELLING, CON IL SUPPORTO DI ELON MUSK – È L’INIZIO DELLA RIVOLTA CONTRO L’ESTABLISHMENT O LA SOLITA BOLLA DI RAGAZZINI DESTINATA A SGONFIARSI? CHI SI RIBELLA AI MERCATI DI SOLITO FINISCE MALE, MA PER ORA LA BATTAGLIA LA STANNO VINCENDO...

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute