"DE ROSSI? SE POTESSE, FINIREBBE LA CARRIERA A ROMA” - MARCELLO LIPPI A RADIO CAPITAL: “E’ UN GRANDE CAMPIONE E RAGAZZO FANTASTICO. NON HA EREDI. MA ANCHE LUI HA COMMESSO ERRORI, COME L’ESPULSIONE CONTRO GLI STATI UNITI AI MONDIALI 2006. MI DICEVANO CHE NON MERITAVA, MA LO FECI GIOCARE IN FINALE E SEGNO' IL RIGORE"

-

Condividi questo articolo

Da www.capital.it

 

l esultanza di daniele de rossi l esultanza di daniele de rossi

Daniele De Rossi ha annunciato il suo addio alla Roma. Non finirà la sua carriera nella sua squadra del cuore, di cui è stato capitano e bandiera, così come è capitato ad altri campioni: non vogliono o non possono? "Non vogliono non credo. Vorrebbero, ma forse non possono. Sono convinto che se potesse finirebbe la carriera a Roma", dice a Radio Capital Marcello Lippi, ex ct che lanciò De Rossi in nazionale, "Se è responsabilità delle società? Di questo non dico niente, parlo delle mie impressioni perché non ho neanche parlato con Daniele. Probabilmente, siccome la voglia di giocare a calcio è ancora grande, ha deciso di andare altrove per non smettere.

 

daniele de rossi daniele de rossi

Ci siamo goduti questa persona straordinaria, un grande campione e un ragazzo fantastico", continua Lippi, "Ho avuto il piacere e l'onore di farlo esordire in nazionale, e di accompagnarlo fino a diventare campione del mondo. Come ho detto anche per altri ragazzi che mi hanno accompagnato in quella fantastica avventura del Mondiale vinto nel 2006, qualunque cosa faranno nella vita sicuramente la faranno bene, perché sono uomini veri, con la U maiuscola".

 

A proposito del mondiale in Germania, Lippi ricorda che "qualche erroruccio l'ha commesso anche De Rossi, in certi momenti non si è saputo controllare, come in occasione dell'espulsione contro gli Stati Uniti. Rischiò di far finire il suo mondiale. Ha avuto poi la fortuna di essere disponibile per la finale.

 

MARCELLO LIPPI MARCELLO LIPPI

E contrariamente a quello che pensavano tanti altri che mi dicevano che non meritava di giocare, io lo feci giocare: aveva sbagliato e pagato, c'era bisogno di lui e io lo feci giocare. E ha avuto anche la soddisfazione di segnare uno dei rigori decisivi". L'attuale direttore tecnico della Cina ammette di non vedere eredi di De Rossi: "È un giocatore molto particolare, che ha segnato tanto e si è prestato a tante soluzioni tattiche. Non vedo in questo momento altri giocatori con queste caratteristiche"

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute