"C’ERA UN RE PELE’ E ORA C’E’ UN DIO DIEGO" -  GARANZINI: "IL PIÙ STUPEFACENTE CORDOGLIO COLLETTIVO NELLA STORIA DELLO SPORT DI TUTTI TEMPI. E' UN FENOMENO AI CONFINI DEL PARANORMALE, PERCHE' LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DI CHI LO PIANGE LO AVEVA PERSO DI VISTA 25 ANNI FA. IL LUNGO RICORDO FIRMATO MACRON E' TRA I PIU' BELLI CHE SI SIANO LETTI IN QUESTI GIORNI..."

-

Condividi questo articolo

Gigi Garanzini per “la Stampa”

maradona san paolo maradona san paolo

 

Ancora Maradona? Ancora e sempre, perché lo vuole la ghente. Così la chiamava lui, aspirando la g e bucando con gli occhi la telecamera quando aveva un messaggio forte da lanciare. La ghente.

 

Quella che lo ha amato, lo ha capito, quella che a dispetto di tutto lo ha comunque tenuto nel cuore per tutti questi anni.

 

Quella che sta dando vita a un funerale ininterrotto e planetario, proprio come fosse stato lui a chiamarla a raccolta per l' ultimo saluto.

 

morte maradona tifosi in piazza 7 san paolo morte maradona tifosi in piazza 7 san paolo

Ed è un fenomeno ai confini del paranormale, perché la stragrande maggioranza di chi lo piange ai quattro angoli del mondo lo aveva perso di vista la bellezza di 25 anni fa: al tempo degli ultimi calci in Argentina, con una coda breve quanto ingloriosa da Ct più di dieci anni fa. Appese le scarpe al chiodo, tracce assai più profonde delle sue da allenatori o da dirigenti avevano lasciato, per esempio, fuoriclasse come Di Stefano e Cruyff commemorati e celebrati come meritavano: e come toccherà a Pelè quando arriverà il suo turno, il più tardi possibile.

morte maradona tifosi in piazza 7 san paolo morte maradona tifosi in piazza 7 san paolo

 

Sono i tre nomi del calcio del passato che sino a ieri si contendevano con Maradona i tre gradini del podio di tutti i tempi. Ma dal pomeriggio di mercoledì - starà sghignazzando a quest' ora Diego da lassù- anziché voi soloni veri o presunti ha cominciato a votare la ghente. La giuria popolare. E non ce n' è stato più per nessuno.

MARADONA MESSI MARADONA MESSI

 

È evidente, ed era francamente impensabile, che un fiume carsico di ricordi, di magìe, di debordante umanità ha continuato a scorrere per un quarto di secolo. Nelle vene aperte non solo dell' America Latina, avrebbe detto il suo amico Galeano, o dei quartieri spagnoli: ma del mondo intero.

 

Dando vita al più stupefacente cordoglio collettivo nella storia dello sport di tutti tempi. Con la sua brava dose di melassa, si capisce, perché questa era inevitabile prima della comunicazione globale e dei social, figurarsi ora. Ma con una serie di omaggi fuori ordinanza, a cominciare da quello dell' Eliseo.

maradona macron maradona macron

 

Il lungo ricordo firmato Macron è tra i più belli che si siano letti in questi giorni: un onore che la République aveva riservato sino a qui solo a capi di stato e grandi personaggi francesi, e ha esteso per la prima volta a un calciatore che in Francia non ha mai giocato. E poi in ordine sparso la maglia degli All Blacks con il numero 10 deposta sul campo, quella del Newell' s di Rosario mostrata da Messi dopo il suo gol che fu per Leo la prima e per Diego la penultima.

 

maradona messi maradona messi

Anche la ghente di Napoli e la sua squadra hanno fatto di tutto per onorarlo: la splendida parata serale del Napoli in divisa argentina nello stadio che presto si chiamerà Maradona e le tante manifestazioni d' affetto della città, dove a volte ci si è dimenticato del lockdown e anche di mettere la mascherina. Ma le regole vanno sempre rispettate. Parola di Rino Gattuso, tecnico del Napoli, che ieri sera al termine della sfida vinta contro la Roma ha voluto chiarire: «Maradona è una leggenda, però in questo momento bisogna fare i bravi altrimenti se ne pagano le conseguenze».

diego armando maradona allo stadio san paolo diego armando maradona allo stadio san paolo messi maradona messi maradona diego armando maradona allo stadio san paolo diego armando maradona allo stadio san paolo

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

cronache

sport

LA VERSIONE DI MUGHINI – L'INTER DOMINA LA JUVE E AGGANCIA IL MILAN IN VETTA. PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI C’ERA IN CAMPO UNA SQUADRA SUPERIORE AI BIANCONERI. LO STREPITOSO BARELLA DA SOLO VALEVA PIÙ DI TUTTO IL CENTROCAMPO JUVENTINO. IL SECONDO GOL DELL'INTER E' UNA LEZIONE DI GIOCO E UN'IMMAGINE DA FILM DELL'ORRORE. È STATA UNA PARTITA DECISIVA NELL’ACCLARARE CHE LA JUVE NON È LA FAVORITA NELLA CORSA ALLO SCUDETTO PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI. SUCCEDE - E SULLA SFIDA LUKAKU-CR7... - BUFERA SOCIAL SU VIDAL PER IL BACIO ALLO STEMMA DELLA JUVE- BONUCCI CONTRO L’ARBITRO – VIDEO

cafonal

viaggi

salute