LA VERSIONE DI MUGHINI – "SENTO DI DOVERE DELLE SCUSE A NADAL (ANCHE A NOME DI GIANCARLO DOTTO, AMICO E GEMELLO IN OSSESIONE FILO-FEDERISTA). SE RAFA È ARRIVATO AL DICIANNOVESIMO SLAM, NON POSSIAMO ESSERE CIECHI. NON È UN ENERGUMENO MANCINO AUTISTICO NEL TIRARE BOTTE SEMPRE E COMUNQUE MA ANCHE LUI È UN GRANDISSIMO ARTISTA. E LA STORIA DELLA SUA RIVALITÀ CON FEDERER È UNO DEI PIÙ BEI ROMANZI DELLO SPORT MODERNO" – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Giampiero Mughini per Dagospia

 

giampiero mughini giampiero mughini

Caro Dago, confesso di non aver visto la finale degli Us Open di tennis in cui Rafa Nadal ha battuto in cinque set un altro meraviglioso tennista quale Daniil Medvedev. Da innamorato pazzo di Roger Federer, da uno che poche volte ha vissuto “un’esperienza religiosa” come quella che ci offre lo svizzero nelle sue migliori partite e nei suoi momenti più leggendari, sento di dovere come delle scuse a Nadal: che è un grande atleta, un grande tennista, una grande persona. Mi correggo: è un grandissimo tennista. E non soltanto “un terraiuolo” come mi era fin troppo facile credere, di uno che vince per quattro volte l’Us Open sul cemento.

 

nadal nadal

Sono scuse che faccio a Nadal anche a nome del mio amico e gemello in ossessione filo-federista, Giancarlo Dotto, e tanto più che lui quelle scuse credo non le farebbe mai da com’è alto il muro d’acciaio che lo separa fino a obnubilarlo da tutto ciò non è Federer, il suo servizio, i suoi dritti lungolinea, il suo rovescio a un braccio, le sue smorzate, le sue discese a rete pur i un tennis in cui sono divenute rarissime, la sua inumana intelligenza creativa. Ciascuna partita di Federer noi due la seguiamo mandandoci messaggini uno dopo l’altro, messaggini di un’ammirazione così alta per Roger che alla fine ci lasciano estenuati.

mughini mughini

 

Epperò se Nadal è arrivato al diciannovesimo Slam, non possiamo essere ciechi. Non è un energumeno mancino autistico nel tirare botte sempre e comunque, come cento e cento volte io e Giancarlo ci siamo detti pur di proteggere almeno con le parole il nostro Dio in pantaloncini corti.  Nadal è anche lui un grandissimo artista, e la storia della sua rivalità con Federer è uno dei più bei romanzi dello sport moderno. Mettiamoci l’anima in pace, Giancarlo. Anche Rafa sta nel pantheon dei grandissimi. Lassù, ma proprio lassù.

nadal nadal

 

Ci sta anche come uomo, voglio dire come persona umana. Da quanto spaventosamente pretende dal suo fisico si è rotto ripetutamente, polso, spalla, un’anca se ricordo bene. Ci sono stati momenti in cui lo batteva anche un pivello. Ma lui ogni volta ricominciava, ogni volta si ricostruiva e dagli a tirare quel suo stramaledetto “uncino” (Gianni Clerici dixit) di sinistro. Mettiamoci l’animo in pace, caro Giancarlo, nell’attesa per noi ossessiva che al prossimo incontro il “nostro” Federer lo batterà come ha fatto nello scorso torneo di Wimbledon. Non dovesse accadere, onore a Nadal. Onore a un mostro di bravura.

 

nadal nadal

Giampiero Mughini

nadal nadal federer federer giancarlo dotto giancarlo dotto giampiero mughini giampiero mughini giampiero mughini giampiero mughini mughini mughini GIAMPIERO MUGHINI GIAMPIERO MUGHINI giampiero mughini giampiero mughini berrettini nadal 4 berrettini nadal 4 mughini bibi mughini bibi nadal nadal federer federer nadal djoko federer nadal djoko federer federer federer berrettini nadal 4 berrettini nadal 4 nadal nadal nadal che mangia la banana nadal che mangia la banana nadal nadal nadal nadal

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”