LA SECONDA ONDATA LA AFFRONTIAMO ALLA SVEDESE? - CRESCE LA RABBIA IN EUROPA PER LE MISURE ANTI-COVID. DALLA FRONDA MARSIGLIESE AI ''GIÙ LA MASCHERA'' SPAGNOLI, ANCHE IN GERMANIA C'È UN MOVIMENTO CHE VUOLE LIMITARE LE RESTRIZIONI, E I PRESIDENTI DI DUE LANDER SONO CONTRARI A UN INASPRIMENTO DELLE MISURE - NON SI TRATTA SOLO DI NO-VAX E NO-MASK, MA ANCHE DI PERSONE CHE VOGLIONO ADOTTARE IL MODELLO SVEDESE (MENO MORTI DELL'ITALIA IN RAPPORTO ALLA POPOLAZIONE PUR AVENDO EVITATO IL LOCKDOWN)

-

Condividi questo articolo

 

 

Dalla rassegna stampa di ''Epr Comunicazione''

 

Già di fronte al movimento "anti-maschera", scrive Le Monde, l'azione dei governi per combattere la pandemia diviene sempre meno popolare tra l'opinione pubblica.

 

coronavirus svezia 2 coronavirus svezia 2

La recente «fronda» marsigliese in Francia nei confronti delle nuove misure di restrizione legate alla pandemia di Covid-19 non fa eccezione. Mentre la persistente paura della pandemia, che finora ha causato più di un milione di morti in tutto il mondo, contribuisce globalmente al rispetto delle misure volte a frenare la sua diffusione, in tutta Europa sono apparsi movimenti anti-maschera e manifestazioni di esasperazione contro le azioni dei governi, a volte giudicati liberticidi, a volte incoerenti.

 

In Germania esiste ancora un ampio sostegno alle misure adottate dalle autorità per combattere il virus. A metà settembre, il barometro mensile dell'emittente pubblica ZDF ha mostrato un tasso di approvazione del 69%, nove punti in più rispetto a metà agosto.

 

negazionisti del coronavirus a berlino 12 negazionisti del coronavirus a berlino 12

Ma la virulenza del movimento "anti-maschera" sta costringendo il governo della Merkel a restare in guardia. L'attacco contro il Reichstag da parte di circa 100 membri di questo movimento, che comprende neonazisti, no-vax e altri seguaci delle teorie cospirative, il 29 agosto, ha stupito. E mentre, secondo il barometro della ZDF, solo il 14 per cento degli intervistati ha approvato le manifestazioni, le antimaschere sono ancora organizzate sui social network.

 

Prima di imporre nuove restrizioni, la signora Merkel sa che dovrà affrontare anche l'opposizione di alcuni Länder, in particolare in Sassonia e Sassonia-Anhalt. In queste due regioni della Germania orientale, dove il numero di infezioni è particolarmente basso, i ministri-presidenti hanno dichiarato domenica 27 settembre di essere contrari a un inasprimento delle misure in vigore.

 

"Collettivi dei cittadini olandesi"

 

Nei Paesi Bassi, gli anti-maschere hanno tentato di imitare l'esempio tedesco. A volte violente, come all'Aia, le manifestazioni hanno portato a scontri con la polizia. Le immagini trasmesse sui social network hanno anche rivelato una conversazione riguardo all' assassinio del primo ministro Mark Rutte.

niente lockdown a stoccolma niente lockdown a stoccolma

 

Il movimento sta comunque lottando per strutturarsi: la destra radicale ha moltiplicato le critiche alla gestione della pandemia, ma non ha voluto farsi coinvolgere in queste mobilitazioni, lasciando che i "collettivi cittadini" organizzassero una protesta che rimane piuttosto limitata. Il governo, dal canto suo, oscilla tra il desiderio di arginare una potenziale seconda ondata e il rifiuto di un nuovo confinamento, mentre le curve hanno raggiunto, nei giorni scorsi, livelli pari a quelli di metà maggio.

 

In Italia, con un sistema sanitario decentrato, sono i presidenti di regione ad essere responsabili delle eventuali misure da adottare. Il neo-eletto governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha ripristinato l'obbligo di indossare le maschere all'aperto, seguito dal suo omologo siciliano Nello Musumeci, che domenica, a partire dal 30 settembre, ha firmato un decreto analogo. Oltre a questi provvedimenti regionali, sono stati emanati molti decreti locali, come nel centro di Genova.

 

negazionisti del coronavirus a berlino 13 negazionisti del coronavirus a berlino 13

Ma queste restrizioni, che sembrano basate tanto su criteri sanitari quanto su logiche locali, sono generalmente ben accettate dalle popolazioni traumatizzate dalle devastazioni causate nei mesi di marzo e aprile dall'epidemia in Lombardia. Pagano anche alle elezioni. Il leader politico della Lega, Matteo Salvini (di estrema destra), che quest'estate ha cercato di attirare le "anti-maschere" da lui con le provocazioni, sembra oggi pagare per il suo errore tattico con un netto calo dei sondaggi.

 

La ribellione serpeggia tra i conservatori britannici

 

Nel Regno Unito, la buona volontà degli inglesi sta cominciando a diminuire. Le restrizioni seriali decise nei giorni scorsi da Downing Street (coprifuoco alle 22 per bar, pub e ristoranti, isolamento di migliaia di studenti nei loro campus, divieto di visite tra famiglie...) hanno dato nuovo impulso alle manifestazioni anti-maschere. Le manifestazioni rimangono confinate a Londra, ma ora riuniscono migliaia di manifestanti ogni sabato a Trafalgar Square.

 

negazionisti del coronavirus a berlino 3 negazionisti del coronavirus a berlino 3

I molteplici risvolti del governo di Boris Johnson di quest'estate e il fiasco del sistema di test spiegano in gran parte questa perdita di fiducia nella capacità delle autorità di controllare l'epidemia. Anche il disastroso "episodio di Cummings", che prende il nome dal consigliere speciale di Boris Johnson, Dominic Cummings, che si è rifiutato di dimettersi dopo aver infranto le regole della quarantena, ha lasciato il segno.

 

E la ribellione cresce rapidamente nel campo dei conservatori. Il 27 settembre il deputato Graham Brady, capo del principale club di rappresentanti Tory eletti a Westminster, è riuscito a riunire 46 colleghi a favore di un emendamento che dà al Parlamento il diritto di porre il veto a qualsiasi nuova misura restrittiva decisa da Downing Street. Se l'emendamento è ben accolto dal Presidente della Camera dei Comuni e se i laburisti, i liberaldemocratici e i combattenti per l'indipendenza scozzese si uniscono in parte a loro, Johnson potrebbe subire la prima grande battuta d'arresto politica dopo la sua clamorosa vittoria alle elezioni generali del dicembre 2019.

 

CORONAVIRUS SPAGNA CORONAVIRUS SPAGNA

Anche in Spagna, le ultime misure adottate dalla regione di Madrid stanno andando molto male. Nei quartieri popolari del sud della capitale, dove il tasso di incidenza è più alto, la gente può andare al lavoro, a scuola, dal medico o per motivi di forza maggiore. In risposta a questa decisione, la Federazione Regionale delle Associazioni di Quartiere di Madrid (FRAVM) ha convocato circa 50 raduni il 24 settembre, e centinaia di persone hanno risposto all'appello di denunciare il "confinamento selettivo", "segregazionista, ingiusto e inefficace". E da allora le manifestazioni si svolgono ogni giorno.

 

«Giù le maschere»

 

Le nuove misure sono tanto più respinte in quanto alcuni distretti della capitale, con un tasso di contagio identico, non sono stati colpiti. L'apparente incoerenza del provvedimento - chiudere parchi e giardini, ma aprire sale da gioco e scommesse, bar e ristoranti fino alle 22 - ha anche alimentato la rabbia dei residenti, che accusano la regione di chiudere solo i quartieri che non hanno diritto di voto.

 

Tuttavia, la protesta più eclatante è venuta dalla stessa regione di Madrid, dove la presidente, Isabel Ayuso, del Partito Popolare (PP, a destra), si rifiuta di attuare le raccomandazioni del governo per non danneggiare l'economia locale in ginocchio, dice. "Stanno arrivando settimane difficili. Questa non è una battaglia ideologica, ma epidemiologica", ha reagito il ministro della Salute socialista.

 

In Romania, il recupero politico dell'argomento è ancora più esplicito. I socialdemocratici criticano sistematicamente le misure adottate dal governo del Partito liberale nazionale (PNL) e sostengono le teorie cospirative che abbondano. Il 19 settembre, a Bucarest e in altre città del paese, si sono svolte diverse manifestazioni contro l'uso delle maschere, dove sono risuonati gli slogan "Abbasso le maschere", "Libertà", "La scuola su Internet non è una scuola" e "La maschera uccide".

 

È per paura di una crescente esasperazione popolare che alcuni paesi, nonostante le cifre allarmanti, abbandonano l'idea di imporre nuove restrizioni?

 

Il Belgio ha sorpreso nei giorni scorsi annunciando un allentamento, il 1° ottobre, delle misure in vigore: fine della maschera obbligatoria nello spazio pubblico, contatti sociali prolungati, un periodo di isolamento di sette giorni invece di quattordici...

distribuzione mascherine a madrid distribuzione mascherine a madrid

 

La tentazione di imitare il modello svedese

 

In Polonia, dopo che il Ministero della Salute ha pubblicato il 25 settembre il suo peggior record quotidiano dall'inizio della pandemia in primavera, anche il livello delle restrizioni rimane molto più basso rispetto a prima dell'estate, e il rispetto da parte della popolazione molto incerto. "Il nostro primo ministro e il nostro ministro della Salute sono entrambi economisti, mi sembra che mettano l'economia al primo posto", dice il direttore della cattedra di malattie infettive della Facoltà di Medicina di Zielona Gora.

 

Ovunque sembra esserci la tentazione di imitare il modello svedese, un paese dove non è mai stato imposto alcun contenimento e le scuole non hanno chiuso.

 

Tuttavia, il paese non sfugge alla stanchezza dei suoi abitanti. Tanto più che, di fronte all'aumento del numero di casi, il governo ha suggerito che potrebbe imporre restrizioni specifiche per un periodo di tempo limitato. Secondo un sondaggio d'opinione condotto da Ipsos e pubblicato all'inizio di settembre, la fiducia svedese nella capacità del governo di gestire la pandemia è scesa dal 50% di opinioni positive in maggio al 36% in agosto.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute