GLI 007 DEL FISCO NELLA TANA DEL LUPO - L’ALLEGERIMENTO FISCALE SUI FONDI D’INVESTIMENTO INSERITO NEL MILLEPROROGHE POTREBBE RIVELARSI UN AUTOGOL PER LE BANCHE CHE L’HANNO TANTO VOLUTO - INVITARE I FUNZIONARI DELLE ENTRATE AL TAVOLO SULLA RIFORMA DELLE TASSE PER I FONDI COMUNI, RISCHIA DI FAR SCOPRIRE AGLI SCERIFFI DI GIULIETTO TREMONTI I TRUCCHI CON CUI AGGIRANO LA LEGGE PER NASCONDERE UTILI E VERSARE MENO DENARO NELLE CASSE DELL’ERARIO…

Condividi questo articolo


Francesco De Dominicis per \"Libero\"

GIULIOGIULIO TREMONTI

Atteso da tempo e auspicato dagli addetti ai lavori, l\'alleggerimento del fisco sui fondi d\'investimento italiani potrebbe creare più di un problema alle banche. Stiamo parlando della norma inserita dal governo nel decreto Mille-proroghe che adegua il regime tributario dei fondi comuni del nostro Paese a quello applicato ai fondi stranieri, finora trattati meglio. Dall\'1 luglio si giocherà ad armi pari. Il prelievo fiscale sui risparmiatori, infatti, scatterà solo al momento della vendita delle quote e non più sulla rendita virtuale, cioè quella maturata ma non intascata.

Un meccanismo, quello corretto dal provvedimento di palazzo Chigi, sistematicamente aggirato dalle società di risparmio gestito italiane - controllate quasi interamente dei big del credito - attraverso la costituzione di cosiddetti \"veicoli\" all\'estero. Manovre sulla soglia della legalità che servivano, in sostanza, per far pagare meno tasse agli investitori-clienti e che sono stati usati pure dagli istituti bancari per il medesimo obiettivo: nascondere utili e sfuggire in parte alla mannaia dell\'Erario.

BERLUSCONIBERLUSCONI TREMONTI

Di qui le gigantesche inchieste degli 007 del fisco che negli ultimi mesi hanno portato allo scoperto un tesoretto da centinaia di milioni di euro, insabbiato nelle triangolazioni estere. Soldi che sono finiti al centro di un braccio di ferro, ancora in corso, tra le Entrate e i legali dei colossi finanziari italiani. Alle preoccupazioni delle banche, peraltro, si aggiungono i timori dei vertici delle sgr. Che, incassato il beneficio dal governo, ora devono fare i conti con la riorganizzazione interna che, stando a prime analisi, non pare un\'operazione da «ordinaria amministrazione».

GIUSEPPEGIUSEPPE MUSSARI

Secondo un pezzo da novanta di una sgr italiana, il Milleproroghe «potrebbe avere riflessi sulle strategie delle società di gestione domestiche, molte delle quali si sono dotate di veicoli esteri al fine di poter originare fondi comunitari non penalizzati dal regime fiscale».

ATTILIOATTILIO BEFERA

Aspetti assai problematici, quelli relativi all\'applicazione delle nuove norme tributarie, che saranno al centro del tavolo tecnico creato pochi giorni fa da Asso-gestioni con i vertici delle principali sgr italiane. Alla task force, secondo quanto appreso da Libero, parteciperanno anche esperti dell\'agenzia delle Entrate.

Una mossa che potrebbe rivelarsi un mezzo autogol. Le sgr, a conti fatti, corrono il rischio di portare il nemico in casa. Gli sceriffi del fisco in effetti hanno l\'occasione di conoscere a fondo le mosse escogitate dell\'industria finanziaria italiana sullo scacchiere fiscale. E magari di allungare le mani su una fetta di denaro finora tenuto alla larga dalle casse dell\'Erario. Il ministro dell\'Economia, Giulio Tremonti, ci spera di sicuro.

 

 

Condividi questo articolo

business

TIKTOK ENTRA NEL “CLUB DEI MILIARDARI” - L’APP CINESE HA RAGGIUNTO UN MILIARDO DI UTENTI ATTIVI MENSILI E HA SUPERATO YOUTUBE IN INGHILTERRA E STATI UNITI PER TEMPO MEDIO SU UN VIDEO – NELL’ULTIMO ANNO C’È STATO UN AUMENTO DEL 45% DEL BACINO DEGLI UTENTI E NEL FRATTEMPO È ANCHE DIVENTATA LA PRIMA APPLICAZIONE CHE NON FA PARTE DELL’UNIVERSO FACEBOOK A SUPERARE TRE MILIARDI DI DONWLOAD A LIVELLO GLOBALE – E ADESSO LA PIATTAFORMA VUOLE SBARCARE NEL MONDO DELL’ECOMMERCE…

BOLLORÉ PREPARA LA FUGA DALL'AFRICA: I SUOI GUAI GIUDIZIARI ACCELERANO LA RITIRATA - NEL CONTINENTE, IL MAGNATE BRETONE POSSIEDE SEDICI CONCESSIONI PORTUARIE E TRE FERROVIARIE CHE HANNO FRUTTATO 2,1 MILIARDI DI EURO DI FATTURATO NEL 2020 - BOLLORE’, CHE E’ STATO RINVIATO A GIUDIZIO IN FRANCIA, ACCUSATO DI CORRUZIONE PROPRIO IN TOGO E GUINEA, DOVE AVREBBE FINANZIATO LE CAMPAGNE ELETTORALI DEI RISPETTIVI PRESIDENTI PER OTTENERE LE CONCESSIONI DEI PORTI, HA CHIESTO A MORGAN STANLEY DI CERCARE POTENZIALI ACQUIRENTI…