BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO DEL VENEZUELANO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

Condividi questo articolo


Da Il Foglio

 

alessio butti alessio butti

Al direttore - Le scrivo perché siamo rimasti stupiti dal leggere l'articolo a firma di Ugo Bertone dal titolo "Il possibile stop della destra alla rete unica e la variabile Bolloré" pubblicato sul Foglio di venerdì 5 agosto, in merito alla presunta contrarietà di Fratelli d'Italia alla rete unica. Vorrei ricordarle che siamo stati i primi e gli unici a sostenere per anni e in solitudine l'esigenza di creare una rete unica, pubblica e wholesale only. Rimaniamo invece totalmente contrari al piano attuale di Cdp-Tim così come concepito, per le ragioni che abbiamo ampiamente espresso.

 

Serve un nuovo piano completamente diverso che tuteli i lavoratori di Tim e mantenga l'integrità della rete, con Cdp in maggioranza di controllo e con in mano la gestione italiana della rete. Per questo siamo fortemente contrari al piano di vendita della rete Tim. La rete deve rimanere in capo a Tim, una Tim diversa, non verticalmente integrata. Non è possibile che Tim perda la rete. Non esiste al mondo un operatore di telecomunicazioni che non abbia una rete. Dal canto suo, Open Fiber non può più essere il perno dell'operazione, non ha più la credibilità né la capacità manageriale per gestire una simile operazione.

Alessio Butti, deputato e resp. dipartimento Tlc di FdI

 

 

LA RISPOSTA DI CLAUDIO CERASA

claudio cerasa claudio cerasa

Caro Butti, grazie della sua preziosa lettera, che non solo ci permette di confermare quanto abbiamo scritto ma ci consente anche di capire qualcosa di più sul programma economico del suo partito. Primo punto. Mi sembra che lei sia effettivamente molto favorevole, come abbiamo scritto ieri sul Foglio, a bloccare il progetto della rete unica. Mi sembra però anche che lei ci stia dicendo qualcosa in più.

 

Qualcosa di inquietante, se ci consente. Lei dice esplicitamente che il progetto di Fratelli d'Italia è far controllare la rete unica da Cdp, dopo aver concentrato tutta la rete in Tim. In pratica: far comprare Open Fiber a Tim (azienda quotata, con un pacchetto del 90 per cento in mano ai privati) e poi far comprare Tim a Cdp. Il tutto, immaginiamo, per fare l'opposto di quello che lei ha scritto, ovvero avere un unico operatore verticalmente integrato (tralasciando il fatto che dire "vogliamo Tim senza la rete" oppure "vogliamo che Tim tenga la rete ma esca dalle attività commerciali" equivale a dire "vogliamo distruggere Tim e costruire un giocattolo come piace a noi").

 

pietro labriola pietro labriola

Mi pare, dunque, caro Butti, che il programma di Fratelli d'Italia sulle telecomunicazioni sia ispirato più che al modello "wholesale only" (che vuol dire tra l'altro l'opposto di quello che lei sostiene: divisione tra chi si occupa di rete e chi si occupa dei servizi) al modello Maduro (nazionalizzare tutto). Grazie del suo prezioso contributo. Ci auguriamo che nel caso in cui il suo partito dovesse vincere le elezioni sia in grado di scrivere le leggi meglio di come scrive le lettere.

vincent bollore vincent bollore DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

 

Condividi questo articolo

business

CON QUESTI NUMERI, A CDP CONVIENE FARE UN’OPA SU TUTTA TIM! – L’ANNUNCIO DELLO SPIN-OFF DELLA RETE AVREBBE DOVUTO FAR EMERGERE IL VALORE INTRINSECO DEI VARI PEZZETTI DELL’EX TELECOM. A NON È SUCCESSO, ANZI: AI VALORI ATTUALI DI MERCATO TUTTA LA COMPAGNIA VALE 4,5 MILIARDI, MENTRE VIVENDI SPARA CIFRE MONSTRE SULLA RETE (PIÙ DI 30 MILIARDI) – CON LA CADUTA DI DRAGHI E L'USCITA DI SIRAGUSA E DI STEFANO, IL PROGETTO DI RETE UNICA FINISCE NELLA PALUDE. PER FORZA: COME SI FA A FARE UN'OFFERTA SE NON È BEN DEFINITO L'OGGETTO DELLA VENDITA?