CHI TOCCA I FRATELLI MORATTI, MUORE! - LA NOTA DELLA SARAS, VIA ANSA, AI MEZZI DI INFORMAZIONE: PROVATE A PARLATE DEL LIBRO DI MELETTI E VI PORTIAMO IN TrIBUNALE - La minaccia non è dunque per chi del testo parli bene, o per chi rilanci particolari contenuti ritenuti lesivi dai fratelli Moratti. No, semplicemente i due imprenditori promettono di trascinare in giudizio chiunque solo ne parli!...

Condividi questo articolo


1 - SIAMO SU SCHERZI A PARTE?
Bankomat per Dagospia

FRATELLIFRATELLI MORATTI

Bankomat non poteva non dare spazio ad un fatto grave, denunciato dal Fatto, sui vezzi dei potenti. Perché sono vezzi crescenti e devastanti, nella società della comunicazione. Ma ripensandoci, sono balle, e vi vogliamo avvisare per tempo.

Il potente minaccia preventivamente chiunque si occupi di lui, sostiene goffamente tal giornalista Meletti. Per non incorrere nei suoi strali, del potente, non di Meletti, noi invece stiamo ai fatti con scrupolo.

Ecco cosa scrive oggi sul Fatto Quotidiano il sig.Giorgio Meletti, autore per ChiareLettere di un sedicente libro inchiesta sugli ottimi Signori Moratti e sulla loro meravigliosa Saras:

MorattiMoratti al completo

La nota della Saras, diffusa attraverso l\'agenzia Ansa, non è pubblicata sul sito della società, e per la documentazione è opportuno riportarla con tanto di titoli onorifici e lettere maiuscole: \"Il dott. Gian Marco Moratti, in proprio e quale Presidente di Saras Spa, il dott. Massimo Moratti, in proprio e quale amministratore delegato di Saras Spa e Presidente di FC Internazionale Milano, hanno conferito incarico al Prof. Avv. Antonino Menne, del Foro di Milano, affinché, a tutela dei propri diritti, prontamente e senza indugio, promuova nelle opportune sedi, nei confronti dell\'autore e dell\'editore del medesimo libro, nonché dei mass media che, in qualsiasi forma e sede, allo stesso abbiano dato o diano spazio e risalto, ogni e qualsivoglia azione ritenuta a questo fine necessaria\".

GiorgioGiorgio Meletti

Il testo non lascia adito a dubbi. Non è detto per quali ragioni si voglia agire legalmente contro il libro, ma è netto l\'avvertimento a \"tutti i massmedia\": è già pronta una causa per tutti coloro che ne \"abbiano dato o diano spazio e risalto\". La minaccia non è dunque per chi del testo parli bene, o per chi rilanci particolari contenuti ritenuti lesivi dai fratelli Moratti. No, semplicemente i due imprenditori promettono di trascinare in giudizio chiunque solo ne parli.

Se quanto Meletti racconta fosse vero, ma chiaramente penso siano tutte balle, a partire dal presunto comunicato ANSA di certo farlocco, saremmo qui in presenza di una minaccia della Famiglia a chi osi criticarli. Ma guardate che non è così. Meletti si sbaglia, le cose stanno diversamente.

Innanzitutto la Famiglia avvisa prima e con scrupolo che il loro Legale è un professore e che costui si muoverà \"prontamente e senza indugio\". Che tradotto in italiano deve voler dire \"di corsa, presto e subitissimo\". Dà l\'idea dell\'efficienza meneghina, altro che quei perdi tempo dei giornalisti.

win42win42 luca maroni gian marco moratti

Ma aldilà del farci sapere che per Saras la prontezza è rapida e non prevede indugi, Saras soprattutto ci avvisa, caro Dago e cari Dagolettori, che anche noi dobbiamo fare attenzione a cosa scriviamo ed a cosa leggiamo.

Poi la nota di Saras, ammesso e non concesso che sia vera, a ben vedere dice solo che i Moratti se avranno motivo di lamentarsi lo faranno e se uno lo merita sarà denunciato, con la conclusione che se il Giudice lo riterrà il denunciato sarà pure condannato. La nota Saras è quindi certamente falsa per il fatto stesso di essere palesemente idiota: dice cose ovvie e inutili. Il buon Meletti non capisce e si spaventa, come tutti i giornalisti comunisti ha lo strillo facile e la sensibilità da signorina gozzaniana. Meletti, suvvia!

Ma poi, voi pensate davvero che in Italia qualche editore diventi tale o lo sia da tempo solo per poter influenzare i suoi giornalisti ed indurli a non scrivere cose sgradite? Sono cose assurde, Meletti, non siamo mica negli Stati Uniti o in Germania, per dire Paesi dove i Presidenti fanno editti bulgari contro i programmi sgraditi delle Tv di Stato. O i capitalisti invece di far bene i loro prodotti e venderli con abilità denunciano i media e gli accordi sindacali.

Comunque vorrei dare un avviso procedurale anche ai lettori di Dagobankomat: siate cauti, non leggete avidamente e senza gli opportuni accorgimenti le prime balle che un Meletti qualunque vi racconta. Prima andate all\'ufficio stampa Saras, fatevi dare la loro versione scritta e firmate apposita ricevuta, fatevi invitare a Sarroch e fate un bel tour guidato. Cercate di non intervistare gli indigeni, che di cose legali capiscon poco, e solo dopo aver preso le vostre precauzioni andate in libreria per comprare, se davvero ci tenete, il libro del Meletti.

laprlapr massimo moratti 03

Poi una volta in lettura, sui passaggi potenzialmente lesivi della famiglia, annotate a mano vostri commenti del tipo \"tutte cazzate\", \"non ci casco\", \"forza Inter\". Sarà sintomo della vostra buona fede e della vostra capacità di lettura libera e indipendente.

Soprattutto, annotatevi la procedura di \"lettura responsabile\" qui consigliata da Bankomat, in apposito faldone da aggiornare ogni tre mesi, da tenersi con cura a disposizione delle Autorità e degli inviati del professore Legale della Famiglia.

Per una lettura senza rischi, seguite il protocollo, in caso il Professore Legale vi faccia causa. Sarete pronti e documentati.

Dago, ti prego, non pubblicare il mio pezzo ove ti sembrasse ironico e potenzialmente irriguardoso, hai già tante grane con i potenti...e loro non meritano che li si disturbi di continuo.

2-LA MINACCIA DEI MORATTI AI MEZZI DI INFORMAZIONE: PARLATE DEL LIBRO E VI PORTIAMO IN TRIBUNALE
Giorgio Meletti per \"il Fatto Quotidiano\"

Nella storia delle tecniche di pressione sulla libera stampa i fratelli Gian Marco e Massimo Moratti scrivono una pagina nuova, di cui la politica e gli addetti ai lavori dovranno occuparsi alla svelta. I due ricchi petrolieri milanesi hanno infatti introdotto, nei rapporti tra informazione e potere economico, una nuova regola che dice, in sostanza: se esce un libro sgradito, il ricco (di denaro e di relazioni influenti) può tutelarsi minacciando azioni legali a chiunque (tv, giornali, siti Internet e blog) di quel libro si azzardi solo a parlare, a citarne la semplice esistenza.

In fondo che cos\'è una citazione in giudizio per una grande società petrolifera? Qualche foglio in carta da bollo riempito da un buon avvocato, con qualche lamentela anche generica del tipo \"gravemente lesivo\" o \"contenuto denigratorio\", seguita magari dalla richiesta di qualche milione di euro per danni d\'immagine. Un\'operazione del genere costa poche migliaia di euro, cifra trascurabile per la Saras, società petrolifera con un giro d\'affari che nel 2009 ha toccato i 5.3 miliardi di euro.

SarasSaras

Ma per un editore di libri, per un giornalista, per una testata giornalistica magari non floridissima, per un sito Internet amatoriale, o per una piccola radio locale un attacco del genere può rappresentare un rischio mortale. Ed è sufficiente una breve nota d\'agenzia diffusa alle nove di sera per indurre a più miti consigli i soggetti deboli della libertà di stampa. Perché andarsi a cercare i guai? Il meccanismo è semplice, e può bastare a cancellare dalla scena un libro sgradito.

LA LORO STRATEGIA? LA MINACCIA
È una tecnica antica: si chiama minaccia. È una tecnica efficace: qualunque direttore di giornale e telegiornale, prima di mettere in pagina o in scaletta un servizio su un libro intitolato Nel paese dei Moratti potrebbe trasalire, e ricordarsi che si parla in termini non encomiastici di quei ricchi imprenditori il cui nome ricorre ogni volta che c\'è da salvare una testata in difficoltà.

La minaccia si è concretizzata qualche sera fa con un comunicato dedicato al libro \"Nel paese dei Moratti. Sarroch-Italia. Una storia ordinaria di capitalismo coloniale\", scritto dall\'autore di questo articolo e pubblicato due mesi e mezzo fa.

raffineriaraffineria saras dei moratti

La nota della Saras, diffusa attraverso l\'agenzia Ansa, non è pubblicata sul sito della società, e per la documentazione è opportuno riportarla con tanto di titoli onorifici e lettere maiuscole: \"Il dott. Gian Marco Moratti, in proprio e quale Presidente di Saras Spa, il dott. Massimo Moratti, in proprio e quale amministratore delegato di Saras Spa e Presidente di FC Internazionale Milano, hanno conferito incarico al Prof. Avv. Antonino Menne, del Foro di Milano, affinché, a tutela dei propri diritti, prontamente e senza indugio, promuova nelle opportune sedi, nei confronti dell\'autore e dell\'editore del medesimo libro, nonché dei mass media che, in qualsiasi forma e sede, allo stesso abbiano dato o diano spazio e risalto, ogni e qualsivoglia azione ritenuta a questo fine necessaria\".

Il testo non lascia adito a dubbi. Non è detto per quali ragioni si voglia agire legalmente contro il libro, ma è netto l\'avvertimento a \"tutti i mass media\": è già pronta una causa per tutti coloro che ne \"abbiano dato o diano spazio e risalto\". La minaccia non è dunque per chi del testo parli bene, o per chi rilanci particolari contenuti ritenuti lesivi dai fratelli Moratti. No, semplicemente i due imprenditori promettono di trascinare in giudizio chiunque solo ne parli.

L\'ACCUSA: OMICIDIO COLPOSO PLURIMO
Ai Moratti questo libro non è piaciuto, a quanto pare. Ma soprattutto sembra che, al di là dei contenuti, non piaccia ai proprietari della Saras il fatto stesso che si scriva un libro su di loro e sui loro affari senza autorizzazione, e che di questo volume addirittura si parli. Come se tutto ciò violasse una privacy. E come se la libertà di stampa esistesse legittimamente solo quando (e se) autorizzata dagli interessati.

raffineriaraffineria saras dei moratti

Nel 2009 la Saras ha chiamato in giudizio il regista Massimiliano Mazzotta, autore di un documentario intitolato \"Oil\", recentemente trasmesso dal canale televisivo CurrentTv. \"Oil\" affronta il tema dell\'inquinamento prodotto dalla raffineria e degli effetti sulla salute della popolazione.

E dopo l\'uscita di \"Nel paese dei Moratti\", prima di rivolgersi a tutti i mass media, i tentativi di intimidazione dei Moratti sono stati diretti anche al sindaco di Sarroch, il paese in provincia di Cagliari dove ha sede la raffineria e dove il 26 maggio 2009 è avvenuto l\'incidente costato la vita a tre operai, da cui prende le mosse l\'inchiesta, e per il quale la stessa Saras e i suoi massimi dirigenti dovranno rispondere dell\'accusa di omicidio colposo plurimo nell\'udienza preliminare fissata proprio ieri per il 17 febbraio 2011.

nelnel paese dei moratti

Ma il libro racconta altri momenti scomodi della parabola dei Moratti, come la quotazione in Borsa della Saras, per la quale è in corso un\'inchiesta giudiziaria, e il flusso di denaro che dalla raffineria va a coprire le perdite dell\'Inter.

Il sindaco Mauro Cois ha invitato l\'autore del libro a presentarlo nei locali della biblioteca comunale, a fine ottobre. Il giorno stesso, il direttore generale della Saras, Dario Scaffardi, ha inviato una mail a tutti i dipendenti per informarli che il libro \"al netto di alcune inesattezze e dell\'utilizzo strumentale di alcune informazioni, non rende soprattutto merito dell\'impegno profuso e dei risultati che Saras ha conseguito in oltre 40 anni di attività a favore della crescita economica e sociale del territorio\".

Di qui l\'auspicio che il sindaco avesse invitato l\'autore del libro \"in questo spirito\", cioè, par di capire, per fare all\'autore le rimostranze a nome dei fratelli Moratti. Non ce n\'è per nessuno: editori, giornalisti, mezzibusti, autonomie locali, istituzioni. Tutti richiamati all\'ordine da chi si crede intoccabile.

 

 

 

Condividi questo articolo

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…