LA CONSOB NON STOPPA LA LISTA DEL CONSIGLIO PER IL RINNOVO DEL CDA DI GENERALI - L’AUTHORITY DI SAVONA HA LANCIATO UNA CONSULTAZIONE SUL MERCATO, E HA CHIESTO MASSIMA TRASPARENZA SULLE PROCEDURE, FISSANDO TRE PALETTI PER IL RINNOVO DEI BOARD DELLE SOCIETÀ QUOTATE: TRASPARENZA, VALORIZZAZIONE DEGLI INDIPENDENTI E NO AI COLLEGAMENTI…

-

Condividi questo articolo


Paolo Savona Paolo Savona

(ANSA) - La Consob fissa tre presidi per la presentazione delle liste dei Cda per il rinnovo dei board delle società quotate: trasparenza, valorizzazione degli indipendenti e richiesta di evitare collegamenti.

 

Donnet Caltagirone Del Vecchio Donnet Caltagirone Del Vecchio

Nella bozza di richiesta di attenzione portata all'attenzione del mercato con una consultazione veloce, che si chiuderà il 17 dicembre, la Commissione, chiamata in causa dalle domande poste dal gruppo Caltagirone per le Generali, chiarisce che non spetta a lei esprimersi sulla legittimità di una lista presentata dal board uscente.

 

ALBERTO NAGEL ALBERTO NAGEL

Fissa però le linee guida, per le società che scelgono di presentare una lista del Cda per il rinnovo dell'organo, con un atto di indirizzo che sottopone appunto al mercato. La prima delle linee guida della Consob riguarda la trasparenza del processo decisionale con una procedura che va comunicata ex ante e con la verbalizzazione delle riunioni.

 

francesco gaetano caltagirone philippe donnet francesco gaetano caltagirone philippe donnet

La seconda riguarda la valorizzazione degli indipendenti nel comitato o nei comitati che devono decidere la lista. La terza è la raccomandazione che i consiglieri espressione di un azionista evitino di presentare una propria lista in modo da scongiurare collegamenti.

Leonardo Del Vecchio Leonardo Del Vecchio

 

Condividi questo articolo

business

COSA VUOLE DIRE SAVONA QUANDO DICE CHE E’ TENUTO "IN SCACCO" DALLA "VECCHIA CONSOB"? – IL DOSSIER GENERALI SPACCA L’AUTORITA’. IL PRESIDENTE SAVONA SI DIFENDE DOPO LE ACCUSE DI NON VOLER SVOLGERE IL SUO RUOLO DECISIVO IN UNA COMMISSIONE DOVE GLI ALTRI 4 COMMISSARI SAREBBERO SCHIERATI IN PARITÀ (DUE PER MEDIOBANCA, GLI ALTRI DUE PIÙ CONVINTI DELLE RAGIONI DI CALTAGIRONE-DEL VECCHIO) - APPARE DIFFICILE PER SAVONA ERGERSI A PALADINO DEL RINNOVAMENTO, ESSENDO EGLI STATO PER DECENNI VICINO ALLA GALASSIA MEDIOBANCA...