DRAGHI E LAGARDE MANDANO I MERCATI A PICCO. MILANO -4% - TISCAR (P.CHIGI) SU TELECOM: HO VISTO TRUJILLO, OTTIMO CURRICULUM - BALBINOT MOLLA GENERALI PER ALLIANZ

Oltre a Draghi e alle “prospettive” che peggiorano, passa la capa del Fmi a ricordare che l’Eurozona è la peggiore tra le economie avanzate - Tiscar, il vice di Delrio, ha incontrato Trujillo sul dossier Telecom - Patuano: se Sawiris è interessato a investire, siamo contenti...

Condividi questo articolo


1.BORSA: DRAGHI DELUDE, MILANO AFFONDA (-4%) E CHIUDE SOTTO 20MILA PUNTI

Radiocor - Mario Draghi delude i mercati e un'ondata di vendite si abbatte sui listini continentali, in particolare su Milano che depressa dalle banche chiude a -3,92%, sotto quota 20mila (a 19.894 punti). Dopo che la Bce ha lasciato i tassi invariati, il presidente dell'istituto di Francoforte ha illustrato il prossimo programma di acquisto di Abs e covered bond, deludendo tuttavia gli operatori sia sull'ammontare complessivo (1000 miliardi di euro compresi i prossimi TLtro) sia sulla durata (due anni).

ario Draghi e Christine Lagardee cf fc e df c a d ario Draghi e Christine Lagardee cf fc e df c a d

 

Inoltre, Draghi non ha accennato ad alcuna manovra di quantitative easing (sul modello della Fed), considerata ormai dai mercati come la prossima mossa per rivitalizzare un'economia che lo stesso Draghi ha giudicato sempre piu' in difficolta'.

 

Cosi' a Milano, oltre al passo falso delle banche (Intesa Sanpaolo ha perso il 5,5%, Unicredit il 4,8%), va segnalato il -6,4% di Finmeccanica dopo il taglio dell'outlook da parte di S&P e il -5,4% di Yoox che paga il crollo (-13%) della matricola Zalando a Francoforte. Si salvano Ferragamo (-1%) e Gtech (-0,8%). Sul fronte valutario l'euro si attesta a 1,264 (stabile rispetto a meta' seduta) mentre il petrolio cede lo 0,7% a 90 dollari al barile.

 

2.FMI: LAGARDE, PRONTI A TAGLIARE STIME CRESCITA GLOBALE 2015

fondo monetario internazionale fondo monetario internazionale

Radiocor - Christine Lagarde, numero uno del Fondo monetario internazionale, fa capire che la settimana prossima l' istituto di Washington - nell'ambito degli Annual Meetings - tagliera' le stime di crescita globale per il 2015 contenute nel suo World Economic Outlook.

 

Nel testo preparato per il suo intervento alla Georgetown university a Washington Dc, Lagarde spiega che 'l'economia globale e' piu' debole di quanto avessimo stimato sei mesi fa. Solo una ripresa modesta e' prevista per il 2015, visto che l'outlook della crescita potenziale e' stato ridotto'. L'ex ministro francese delle finanze ribadisce che ci sono differenti prospettive nelle varie regioni e nei vari Paesi. 'Infatti - aggiunge - questa e' una delle caratteristiche principali dell'attuale congiuntura: varia a seconda della nazione'.

 

3.FMI: LAGARDE, IN EUROZONA LA CRESCITA PIU' DEBOLE TRA LE ECONOMIE AVANZATE

Radiocor - Tra le economie avanzate, il Fondo monetario internazionale si aspetta la ripresa piu' fo rte negli Stati Uniti e nel Regno Unito e 'la piu' debole' nell'Eurozona, 'all'interno della quale ci sono disparita''. Lo sostiene Christine Lagarde nel testo preparato per il intervento alla Georgetown University a Washington Dc.

 

solomon trujillo solomon trujillo

Nel suo discorso, intitolato 'The Challenge Facing the Global Economy: New Momentum to Overcome a New Mediocre', Lagarde spiega che 'se le persone si aspettano per domani un potenziale di crescita contenuto, ridurranno investimenti e consumi oggi'. Questa dinamica, aggiunge l'ex ministro francese delle finanze, potrebbe seriamente frenare la crescita, specialmente nelle economie avanzate che stanno anche facendo i conti con disoccupazione alta e inflazione bassa. 'E' questo il caso dell'Area euro', si legge.

 

4.TELECOM: TISCAR (P.CHIGI), VISTO TRUJILLO SU PIANO 'ADRIANO', OTTIMO CURRICULUM

Radiocor - Sol Trujillo, l'ex ceo di Telstra che ha presentato un progetto per entrare in Telecom I talia, 'ha un 'track record' (curriculum vitae, ndr) di tutto rispetto, basta guardare su internet'.

 

Lo ha detto il vice segretario generale alla presidenza del Consiglio, Raffaele Tiscar, che ha confermato gia' in precedenza di aver incontrato Trujillo sul dossier Telecom. 'Mi e' sembrato - ha aggiunto - un personaggio internazionale, io incontro tutti. Mi ha detto solo che stanno lavorando' sul cosiddetto progetto 'Adriano': 'mi ha illustrato delle idee, fa parte del confronto'.

SERGIO BALBINOT VINCENZO PAGLIA ENRICO GERACI SERGIO BALBINOT VINCENZO PAGLIA ENRICO GERACI

 

5.TELECOM: PATUANO, SAWIRIS? SE INTERESSATO A INVESTIRE MERCATO CONTENTO

Radiocor - Se l'imprendirtore Naguib Sawiris 'e' interessato a investire, il mercato e' solo contento. Siamo un'azienda quotata'. Cosi' Marco Patuano, amministratore delegato di Telecom Italia, ha commentato il rinnovato interesse del patron di Orascom per l'azienda italiana. L amministratore delegato ha tuttavia ha aggiunto: 'Non sono in programma aumenti di capitale, neanche riservati'. Sawiris si era detto appunto disponibile, per entrare in Telecom, ad un aumento di capitale riservato.

marco patuano ad telecom italia marco patuano ad telecom italia

 

6.GENERALI: BALBINOT PASSA AD ALLIANZ, IN CDG GRUPPO TEDESCO DA GENNAIO 2015

Radiocor - Sergio Balbinot lascia il gruppo Generali e passa ad Allianz. Come informa un comunicato de l gruppo assicurativo tedesco, Balbinot entrera' nel consiglio di gestione di Allianz per una durata di quattro anni a partire dal primo gennaio 2015 e assumera' la responsabilita' del business assicurativo nei Paesi dell'area Sud e Ovest Europa, ovvero Italia, Francia, Benelux, Grecia e Turchia. Balbinot, 56 anni, e' attualmente 'Chief Insurance Officer' di Generali e in passato e' stato co-a.d. del Leone.

Raffaele Tiscar Raffaele Tiscar

 

 

 

Condividi questo articolo

business

FUMATA NERISSIMA - SALTA L’AGGREGAZIONE TRA MPS E UNICREDIT: IL GOVERNO, CHE ATTRAVERSO IL MINISTERO DELL’ECONOMIA SI È RITROVATO AZIONISTA DELLA BANCA SENESE CON UNA QUOTA MAGGIORITARIA DEL 64% DOPO AVERNE EVITATO IL DEFAULT, SI PREPARA A INTERROMPERE IL NEGOZIATO CON IL GRUPPO MILANESE - LA RAGIONE DELLO STOP STAREBBE NELL’IMPOSSIBILITÀ DEL DICASTERO DI SODDISFARE LA RICHIESTE DI UNICREDIT SU UNA RICAPITALIZZAZIONE DA OLTRE 7 MILIARDI: “SFORZO FINANZIARIO TROPPO PUNITIVO PER I CONTRIBUENTI…”