GOLDMAN ALLA SBARRA - MICIDIALE ATTO D’ACCUSA DELLA COMMISSIONE DEL SENATO AMERICANO CONTRO LA SPECTRE DELLE BANCHE D’AFFARI.: “HANNO APPROFITTATO DELLA CRISI, INGANNATO LA CLIENTELA E MENTITO AL CONGRESSO, DUNQUE MERITANO L’INCRIMINAZIONE” - IL RAPPORTO DI 639 PAGINE TRASMESSO AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA: “QUANDO ABBIAMO CHIAMATO A DEPORRE IL CEO LLOYD BLANKFEIN HA TENTATO DI INGANNARE IL CONGRESSO, CONTINUANDO A MENTIRE ANCHE SOTTO GIURAMENTO”…

Condividi questo articolo


Maurizio Molinari per \"la Stampa\"

lloydlloyd Blankfein DI GOLDMAN SACHS

I vertici della banca d\'affari Goldman Sachs hanno ingannato la clientela e mentito al Congresso, dunque meritano l\'incriminazione: è duro l\'atto d\'accusa contenuto nelle 639 pagine del rapporto redatto dal Senato di Washington al termine dell\'inchiesta condotta sulle cause della crisi finanziaria del 2008. A firmarlo è il senatore democratico del Michigan Carl Levin, titolare della sottocommissione che ha guidato le audizioni nonché stretto alleato politico del presidente Barack Obama.

«I manager di Goldman Sachs hanno mentito alla clientela per trarre profitto dalla crisi finanziaria», scrive senza girare intorno alla questione Levin, secondo il quale «quando abbiamo chiamato a deporre il ceo Lloyd Blankfein ha tentato di ingannare il Congresso» continuando a mentire anche sotto giuramento.

La banca replica con i portavoce secondo cui «tutte le testimonianze rese sono basate su fatti reali» e «le conclusioni del rapporto non ci trovano d\'accordo» ma l\'affondo di Carl Levin ora è sulla scrivania del ministro della Giustizia, Eric Holder, accompagnato dal suggerimento di una possibile incriminazione per fare piena luce sul «serpente di ingordigia, conflitti di interessi e malagestione» che ha portato alla polverizzazioni di miliardi di dollari in investimenti e risparmi dei cittadini.

GOLDMANGOLDMAN SACHS

La tesi di Levin è che Goldman Sachs era al centro di una rete di complicità molto estese a Wall Street che coinvolgono anche Washington Mutual, Moody\'s, Standard & Poor\'s, Investor Service e le autorità di supervisione. Sono quattro i tipi di istituzioni sotto accusa per aver causato la crisi finanziaria più grave dalla Grande Depressione: le società che assegnano mutui misero sul mercato prestiti-trappola, gli enti di sorveglianza cooperarono nel celare le truffe, le agenzie di rating avallarono la credibilità di prodotti finanziari ad alto rischio e le banche ingannarono gli investitori spingendo ad acquistare tali prodotti finanziari, di cui ben sapevano l\'origine e la pericolosità.

OBAMAOBAMA

Se dunque «la responsabilità per quanto avvenuto è multipla», come spiega il senatore repubblicano dell\'Oklahoma Tom Coburn che ha affiancato Levin nelle audizioni, Goldman Sachs è stata la più esposta nell\'inganno ai cittadini.

IlIl Senatore americano Carl Levin

Nei milioni di pagine di documenti interni della banca d\'affari, Levin e Coburn hanno trovato le prove della genesi di tali truffe in un periodo di tre mesi fra fine 2006 e inizio 2007. «In almeno 3400 occasioni nei documenti si adoperano espressioni che lasciano intendere la carenza di coperture finanziarie» assicura Levin secondo il quale la prova del dolo sta nel fatto che se nel dicembre 2006 Goldman Sachs aveva 6 miliardi di investimenti sulle previsioni di crescita del mercato immobiliare nel febbraio 2007 ne aveva 10 miliardi sul suo collasso: fu una brusca inversione di tendenza frutto della consapevolezza di quanto stava maturando da parte di top manager che evitarono di informare la loro clientela.

Da alcuni dei documenti di Goldman Sachs trapela anche la convinzione dei manager di poter ignorare il rischio di azioni legali da parte della clientela perché «impossibilitata a competere con i nostri mezzi». La parola ora passa al Dipartimento di Giustizia.

 

 

Condividi questo articolo

business

COSA VUOLE DIRE SAVONA QUANDO DICE CHE E’ TENUTO "IN SCACCO" DALLA "VECCHIA CONSOB"? – IL DOSSIER GENERALI SPACCA L’AUTORITA’. IL PRESIDENTE SAVONA SI DIFENDE DOPO LE ACCUSE DI NON VOLER SVOLGERE IL SUO RUOLO DECISIVO IN UNA COMMISSIONE DOVE GLI ALTRI 4 COMMISSARI SAREBBERO SCHIERATI IN PARITÀ (DUE PER MEDIOBANCA, GLI ALTRI DUE PIÙ CONVINTI DELLE RAGIONI DI CALTAGIRONE-DEL VECCHIO) - APPARE DIFFICILE PER SAVONA ERGERSI A PALADINO DEL RINNOVAMENTO, ESSENDO EGLI STATO PER DECENNI VICINO ALLA GALASSIA MEDIOBANCA...

TIM DELLE MIE BRAME - PIETRO LABRIOLA È STATO COOPTATO IN CDA E NOMINATO AMMINISTRATORE DELEGATO – COSA HA IN MENTE KRR, LASCIA O RADDOPPIA? IL FONDO USA HA GIÀ IMPIEGATO COSPICUI IMPORTI TRA ANALISTI, AVVOCATI E ADVISOR E, IN CASO DI RITIRO, METTERE TALI CIFRE TRA LE PERDITE NON FAREBBE CERTAMENTE FELICI I SOCI. QUINDI, PER ORA, GLI AMERICANI SONO INTENZIONATI AD ANDARE AVANTI - IN CASO DI ESITO NEGATIVO ALLA RICHIESTA DI QUATTRO SETTIMANE PER VERIFICARE I CONTI DELLA SOCIETÀ (“DUE DILIGENCE”), KKR POTREBBE LANCIARE UN‘OPA CHE PER VIVENDI, AZIONISTA DI MAGGIORANZA, SAREBBE “OSTILE”. E LA FACCENDA DIVENTEREBBE PIÙ CHE MAI POLITICA 

SIAMO UOMINI O GENERALI?  - ORA CHE CALTAGIRONE E DEL VECCHIO (VIA BARDIN) SI SONO SFILATI DAL CDA, È TUTTO PRONTO PER LA BATTAGLIA FINALE SUL LEONE DI TRIESTE: MA CHI SARANNO I SOLDATI DEI DUE SCHIERAMENTI? DA UN LATO CI SARÀ LA LISTA DEL CDA, CHE RICANDIDERÀ DI CERTO DONNET (GALATERI È IN FORSE) - DALL’ALTRA PARTE CI SONO I “PATTISTI”: IN PISTA PER LA PRESIDENZA LA PRESIDENTE DI MPS PATRIZIA GRIECO E SERGIO BALBINOT. PER IL POSSIBILE AD SI FANNO I NOMI DI TERZIARIOL, DE GIORGI E DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DI POSTE DEL FANTE…