INDAGINE SUL SALVATAGGIO FERRARINI E SULLE SCELTE FILO CINESI DI GUALTIERI - C'È UNA CRISI INDUSTRIALE CHE RACCONTA BENE COME UNA SOCIETÀ UN TEMPO FIORE ALL'OCCHIELLO NELLA PRODUZIONE ALIMENTARE SIA FINITA AL CENTRO DI UNA DISPUTA LEGALE PER FRONTEGGIARE UN DEBITO DA 360 MILIONI DI EURO, CON MIGLIAIA DI CREDITORI ALLA FINESTRA. DI MEZZO CI SONO LA POLITICA, GLI INVESTIMENTI SBAGLIATI, MA SOPRATTUTTO IL RISCHIO CHE UN'AZIENDA ITALIANA FINISCA IN MANI STRANIERE. NON SOLO. C'È PERSINO IL RISCHIO DI UN USO DISTORTO DI UNA SOCIETÀ DEL MINISTERO DELL'ECONOMIA, CIOÈ AMCO CHE IN TEORIA DOVREBBE OCCUPARSI DI GESTIONE E RECUPERO DI CREDITI DETERIORATI

-

Condividi questo articolo


Alessandro Da Rold per “La Verità”

 

Lisa Ferrarini Lisa Ferrarini

C'è una crisi industriale che racconta bene come una società un tempo fiore all'occhiello nella produzione alimentare sia finita al centro di una disputa legale per fronteggiare un debito da 360 milioni di euro, con migliaia di creditori alla finestra. Di mezzo ci sono la politica, gli investimenti sbagliati in Veneto Banca e Pop Vicenza come alcuni trust in Lussemburgo intestati ai proprietari, ma soprattutto il rischio che un'azienda italiana finisca in mani straniere.

roberto gualtieri roberto gualtieri

 

Non solo. C'è persino il rischio di un uso distorto di una società del ministero dell'Economia, cioè Amco che in teoria dovrebbe occuparsi di gestione e recupero di crediti deteriorati. È la storia di Ferrarini, gruppo emiliano guidato dall'ex vicepresidente di Confindustria Lisa Ferrarini, finito in un concordato preventivo su cui deve ancora esprimersi la Corte di Cassazione. La decisione dovrebbe arrivare a giorni. Solo a quel punto si capirà se la procedura concordataria dovrà proseguire di fronte al tribunale di Reggio Emilia o a quello di Bologna.

IL GRUPPO FERRARINI IN NUMERI - DA LA VERITA' IL GRUPPO FERRARINI IN NUMERI - DA LA VERITA'

 

La vicenda va avanti da ormai 3 anni, quando Ferrarini presentò richiesta di concordato preventivo poi accettata nel marzo del 2019. A contendersi l'eredità dell'azienda che fu fondata da Lauro Ferrarini - in una zona storicamente «rossa» dai tempi del Pci e ora del Pd - sono due cordate. La prima è capitanata da Pini Holding di Roberto Pini, il re della bresaola italiana, un fatturato da 1,1 miliardi nel 2021, ma più impegnata all'estero che nel nostro Paese.

 

PIERO PINI PIERO PINI

Del resto risalendo la catena di controllo del gruppo Pini si arriva fino a Cipro, con collegamenti in Ungheria, Spagna e Polonia (tramite la Hungary Meat) e persino in Cina, dal momento che nel 2017 WH Group, (società cinese leader nella produzione di carne di maiale) ha rilevato la quota del 66,5% di Pini Polonia, tramite la partecipata Smithfield Foods. Caso vuole che ad affiancare nella cordata il gruppo Pini sia Amco, società di controllo pubblico interamente detenuta dal Ministero dell'Economia e delle finanze.

 

MARINA NATALE MARINA NATALE

La decisione di affiancare il re della bresaola fu presa sotto l'ex ministro Roberto Gualtieri, dal momento che la proposta di Pini risale al 25 maggio dello scorso anno. In questi mesi il deputato di Italia viva, Michele Anzaldi, ha più volte presentato interrogazioni al riguardo, in particolare sui rischi dell'offerta Pini-Amco ma senza mai ricevere risposta.

 

BRESAOLA PINI BRESAOLA PINI

Del resto non è chiaro dove sia l'italianità dell'offerta, soprattutto se messa a confronto della seconda cordata, quella presentata l'11 agosto scorso da Bonterre - Grandi salumifici italiani. La proposta vede come partner industriali anche Opas e Hp con il sostegno di Intesa San Paolo e Unicredit. La cordata metterà a disposizione dell'operazione capacità imprenditoriali italiane con al fianco l'aiuto economico delle due più importanti banche del nostro Paese. Insomma sulla seconda offerta non sembrano esserci dubbi.

 

carla ruocco 2 carla ruocco 2

Sulla prima invece, (oltre a una possibile istruttoria dell'Unione europea sul ruolo di Amco) e un'indagine della Corte di conti (i debiti di Ferrarini verso il Mef sono pari a 93 milioni di euro e mettono quindi Amco in una posizione particolare rispetto agli altri creditori) c'è anche un «giallo» scoppiato a febbraio durante una commissione bicamerale d'inchiesta sul sistema bancario e finanziario.

 

michele anzaldi michele anzaldi

L'8 febbraio, infatti, è stata sentito l'amministratore delegato di Amco, Marina Natale. Storica ex banchiere di Unicredit e da due mandati in sella alla società di via XX Settembre e confermata ad aprile 2020 proprio da Gualtieri, Natale aveva motivato la scelta di sostenere la proposta di concordato presentata dal gruppo Pini spiegando che era stata fatta una comparazione con quella presentata da Bonterre-Intesa. Peccato che non fosse vero, dal momento che la seconda offerta era arrivata quasi 2 mesi dopo.

 

ROBERTO GUALTIERI CARLA RUOCCO ROBERTO GUALTIERI CARLA RUOCCO

Per questo motivo nelle scorse settimane Carla Ruocco dei 5 Stelle, anche lei membro della commissione, ha chiesto «di valutare se non sia opportuno richiedere ulteriori risposte precise e circoscritte da parte della dottoressa Marina Natale alla Commissione, e di chiedere anche la preventiva trasmissione da parte di Amco di tutti gli atti e i documenti a sua disposizione inerenti la vicenda Ferrarini, oltre a segnalare all'autorità giudiziaria i fatti riferiti nell'audizione del febbraio scorso».

 

LISA FERRARINI LISA FERRARINI

 Insomma è possibile che presto le Procure possano iniziare a muoversi sulla crisi economica di Ferrarini. E forse si potrà anche approfondire un passaggio della relazione del commissario giudiziale del 19 novembre del 2020, dove si legge come in data «31 agosto 2000, con atto a Ministero Notaio Angelo Busani di Milano (Rep. 64044/17909) Nestlé Italiana S.p.A. cedette l'intero capitale sociale di Vismara S.r.l. alla Agri-Food Investments S.A., holding di partecipazioni con sede in Lussemburgo riferibile ai membri della Famiglia Ferrarini ("Agri-Food Investments"), per il corrispettivo di Lire 20.031.000.000». Su quei debiti, come sul ruolo del Mef di Gualtieri e la palese simpatia per il mercato cinese, c'è insomma ancora molto da capire.

prosciutto ferrarini 1 prosciutto ferrarini 1 LISA FERRARINI LISA FERRARINI GIUSEPPE CONTE PAOLO GENTILONI ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE PAOLO GENTILONI ROBERTO GUALTIERI MARINA NATALE MARINA NATALE prosciutto ferrarini prosciutto ferrarini

 

Condividi questo articolo

business

OH, CHE BEL CASELLO! - CON IL PASSAGGIO DI ASPI DALLA GALASSIA BENETTON A CDP CON I FONDI ESTERI BLACKSTONE E MACQUARIE, CI SARÀ UNA RIVOLUZIONE SIA IN TERMINI INFRASTRUTTURALI, SIA FINANZIARI: SULLE AUTOSTRADE PIOVERANNO INVESTIMENTI PER 26 MILIARDI MENTRE I FONDI ESTERI VOGLIONO RENDERE LA SOCIETA’ PROFITTEVOLE CON UN RITORNO ATTESO IPOTIZZATO DEL 7-8% -  NEL TEMPO CDP POTREBBE GRADUALMENTE RIDIMENSIONARE LA PARTECIPAZIONE DEL 51% IN FAVORE DI CASSE DI PREVIDENZA E ASSICURAZIONI ITALIANE…

QUELLA TESTIMONIANZA NON S’HA DA FARE! – CASO SANTANDER-ORCEL: IL TRIBUNALE DI MADRID BLOCCA DI NUOVO TUTTO E RINVIA L'UDIENZA IN CUI GLI EX VERTICI DI UBS AXEL WEBER E MAX  SHELTON AVREBBERO DOVUTO CONFERMARE CHE SAREBBE TOCCATO ALLA BANCA GUIDATA DA ANA BOTIN PAGARE I BONUS DIFFERITI DEL NEO-BOSS DI UNICREDIT - POTERE DEL SANTANDER, CHE IN SPAGNA CONTA PIÙ DEL GOVERNO. MA PRIMA O POI WEBER E SHELTON DOVRANNO SEDERSI DAVANTI A UN GIUDICE E CONFERMARE CHE AVEVANO AVVISATO LA BOTIN. E ALLORA LA BANCA SPAGNOLA VIVRÀ LA PRIMA SCONFITTA IN TRIBUNALE DELLA SUA STORIA…